lunedì 29 settembre 2008

Spaghetti alla Norma.......(?!) ...della Pippi!

Buon inizio settimana a tutti!
Ci vuole vero? Il lunedì è sempre difficile cominciare la settimana, specie dopo una domenica tiepida trascorsa lentamente, piacevolmente, senza porsi mete o propositi particolari. Alzarsi la mattina con il solo suono in lontananza di un taglia-erba, la voce della signora Piera che con dolcezza chiama a radunata le galline sparpagliate per il campo …”ghiri ghiri ghiri”…(?!)…..la voce un po’ rauca del galletto del signor Pierino che canta a tutte le ore, il nitrito del cavallo a due case di distanza, le caprette del signor Sergio, il suono quasi ovattato di pentole e padelle attraverso la finestra di cucina della signora Vera, hummm che profumino…..sta preparando il pranzo domenicale per la sua numerosissima famiglia, la vocina frizzantina della piccola Lucia che gioca in giardino; alzarsi mollemente dal letto, spalancare le persiane per fare entrare il sole e vedere le lenzuola dei vicini che prendono aria appoggiate sui parapetti dei balconi o dei davanzali, il solito podista che immancabilmente passa da lì ogni domenica mattina…… tutto questo mi dà una tale sensazione di pace, di tranquillità, di “casa”, che assaporo ogni volta come fosse la prima volta!

Bene, ieri è stata una giornata veramente riposante, mi sono dedicata al ragù che ho preparato e stipato in freezer e poi per pranzo ho deciso di preparare questo spaghettino ……………………….
A tutti i siciliani presenti sul web…….mi perdonate????
Premetto che non ho mai mangiato questo piatto fatto da un vero siciliano, quindi per chi volesse togliermi questa curiosità…io sono qui che aspetto…….offerte……hehehe L’ho mangiato per la prima volta quest’estate, a casa di mia cognata che appena rientrata dalla sua vacanza in Sicilia, ad Erice, ci ha deliziato con questa pasta che trovo particolarmente gustosa! Poi dovevo utilizzare le melanzane del maritino e quale miglior pretesto ??
Lo so che le melanzane andrebbero fritte…..ma ragazzi ancora un pò e non entro più in macchina, ho dovuto ovviare a questo “piccolo” particolare e ho cotto le melanzane…..con pochissimo olio …..nel microonde impostazione micro/grill insieme, il risultato, ve lo assicuro, è molto soddisfacente!
Poi lo sapete, provare per credere!!!!!
Ingredienti per 2 persone:
160 gr. Spaghettoni
1 melanzana
1 scatola di pomodori pelati
1 spicchio d’aglio
Ricotta romana semi stagionata( io non l’avevo ed ho usato il parmigiano reggiano)
Basilico e menta ( non aveva la menta ed ho usato un po’ di maggiorana e timo freschi).
Procedimento:
Sbucciate le melanzane e tagliatele a cubetti

passatele con un filo d’olio, una spolveratina di sale, timo e maggiorana, per circa 20 minuti nel micro onde mescolando spesso. In una casseruola mettete qualche cucchiaio di olio e lo spicchio d’aglio, fate appena insaporire e poi aggiungete il pomodoro e fate cuocere per 15 minuti circa. Quando la pasta è al dente scolatela e passatela nel pomodoro facendola saltare per qualche istante aggiungendo, se necessario, poca acqua di cottura. Aggiungete infine le melanzane il formaggio grattugiato e qualche foglia di basilico e menta a pezzetti.

giovedì 25 settembre 2008

Plum cake con bietoline

Non so voi, ma nella mia breve e tumultuosa esperienza culinaria, mi sono trovata di fronte delle ricette, apparentemente semplici da realizzare, quasi spiazzanti per una che si vorrebbe far chiamare "cuoca"................che invece...lo devo ammettere ...mi brucia farlo..... ma devo ammetterlo.....non mi sono riuscite!!!!!!!!!!!!!!!! In questi giorni sto lottando all'ultimo sangue con un cheese cake favoloso, ricetta di mia cognata! Prova e riprova....... MAH !! Niente da fare......non c'è verso........... non mi viene................direte voi ...ma un cheese cake è la cosa più facile del mondo..........è vero, verissimo...PER VOI........per me.........inspiegabilmente .......le cose seguono un corso diverso .........3 volte l'ho fatto.....tre volte è venuto uno schifo.......impresentabile...........
Eppure, mi preparo tutti gli ingredienti, che vi immaginerete, sono pochissimi......... li peso, li guardo, ricontrollo..........mi pongo con stato d'animo pacato e fiducioso........sono una donna positiva io....penso a come sarà bello vederlo in foto, mentre con delicatezza amalgamo gli ingredienti, senza movimenti bruschi..........seguo alla lettera i passaggi...... ho il quaderno aperto sul tavolo davanti agli occhi.........sbriciolare i biscotti.........sbattere delicatamente le uova con lo zucchero........ed io con delicatezza eseguo....... incorporare il formaggio, la panna liquida.........sì, certo, lentamente, avendone particolare cura...........versare il tutto nella teglia..........poi inforno.....non lo perdo d'occhio neanche un secondo....lo seguo, scruto ogni piccolo cambiamento di colore...e mi dico, forse questa volta..........sì dai ...mi sembra che questa volta sia andata............ammicco un sorrisetto di quasi- soddisfazione...poi, improvvisamente, lo sguardo furtivo cade sul fondo della tortiera in pyrex...trasparente....NOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!! Per l'ennesima volta i biscotti sul fondo della teglia sono crudi!!!!!!!!!!!!!!!..........
Ma dico io, come è possibile???????? Rileggo tutto d'un fiato......questo l'ho fatto....questo anche....DOVE.......DOVE ho sbagliatooooooo!!!! Inutile dare la colpa al mio oodiato forno.......le ragioni devono essere più recondite.............più misteriose.....più arcane........................................................?!
Detto questo, va da che al posto della ricetta del Cheese Cake di Elisabetta............oggi pubblichi una cosa diversa, diversissima............. che però mi riesce!!!!!!!!!!!!!!!
Ricordate? tempo fa vi ho proposto un plum cake salato con zucchini che avevo deliberatamente scopiazzato dal sito di Fabien e la sua ricetta la trovate qui,
Visto e considerato che questo tortino è venuto una meraviglia, ho pensato di andare sul sicuro arricchendolo con le solite bietoline dell'orticello di Renzino, alias "mio marito".
Sì, perchè quando una ricetta è vincente non va stravolta più di tanto....io poi.... tutta 'sta gran fantasia non ce l'ho heheheeheheh
Ingredienti:
3 uova
150 gr. farina
125 gr latte
1 zucchina
1 carota
2 mazzetti di bietoline
parmigiano a scagliette
3 cucchiai di olio evo
1 bustina di lievito per torte salate
1 cucchiaino di zucchero
sale pepe e noce moscata
Procedimento:
sbattere le uova con il sale, il pepe e la noce moscata, delicatamente aggiungete la farina setacciata con il lievito, il latte leggermente tiepido, i 3 cucchiai di olio, lo zucchino e la carota tagliate a julienne, le bietoline lessate e tritate finemente, il parmigiano.
Oliate uno stampo da plum cake e versatevi il composto , infornate a 180° per circa 40 minuti.

lunedì 22 settembre 2008

Pizza pomodoro e mozzarella di bufala


…………..350,00 euri” !!!!!! Questa la migliore offerta………..per salvare la carrozzeria della mia poletta……. Mio marito mi ha detto……l’impastatrice …….si sta andando a far benedire…?!……Benedire? L’impastatrice……?! Cosa vorresti insinuare con quella smorfia sarcastica spalmata sulla faccia???? L’impastatrice non si tocca….…!!!!! Doveva essere la mia sorpresa di Natale!!!!

eh sì… in tanti anni di vita insieme e dopo alcuni regali….diciamo così che non incontravano proprio il mio gusto………ho dovuto correre ai ripari …… Allora ho messo a punto una strategia, e lui ne è consapevole… è un gioco ormai che facciamo da tempo………mi faccio un giro guardando le vetrine, entro dentro le librerie, le pelletterie, le gioiellerie e scelgo……poi conversando amabilmente con Renzino, magari durante la cena, ( è un po’ stanco e meno polemico), agisco : ma sai che oggi ho visto un orologio troppo carino che mi piace da matti in quel negozio in piazza Matteotti………con il braccialetto rigido in acciaio, il quadrante in madreperla….di questa marca _______è proprio in vetrina quella a sinistra dell‘entrata, sulla mensola in alto ……..cosa ne dici, me lo compro (è qui che scatta il trucco)? Eh, perché guarda, a me piace da morire, hanno solo quello e non vorrei che poi, magari, non lo trovo più….. Allora, me lo compro? Aspetta un attimo…dice lui, sorseggiando…..come sei frettolosa… vediamo, dai….magari ci andiamo insieme…..(è fatta!) ok, mestamente acconsento ……..ma hai capito bene dove l’ho visto? Voglio dire, la vetrina a sinistra, scaffale in alto, bracciale rigido, quadrante di madreperla…???? Sì…..ho capito benissimo….. !!!
Ecco, per l’impastatrice ho seguito la stessa strategia, solo che ho iniziato molto prima perché lui è convinto che non sia indispensabile……ma come non è indispensabile, non vedi che mi fanno male i polsi e non riesco bene ad impastare a mano? Come faccio a fare il pane…..?…………ma non hai la macchina per il PANE???..hemhemsì, vero..…… ha ragione……ok ma la pasta fatta in casa….? Con cosa la impasto ? E poi posso mettere come optional la ‘nonna Papera! E possiamo fare tanti formati di pasta e così risparmiamo e……….. risparmiamo? Ribatte lui……la pasta te la impasto io ……..così sì, che risparmiamo……….Oddio……non mi lascia spazio per argomentare….anzi non ho più argomenti…….allora passo all’attacco……ok la voglio …punto e basta …...non mi chiedere perché ma la voglioooo!!!!
Vi prego datemi qualche altra argomentazione per convincerlo che è una spesa giusta anche se metà di questo elettrodomestico si è spiattellato sulla carrozzeria della mia polettaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa..AIUTO!!!!!

Visto che parliamo di impastatrici, pane, pasta……la pizza ci cade a pennello, tanto più che volevo partecipare alla raccolta di Precisina.



Eccovi la mia ricetta (impastata a mano con tanto dolore dei miei polsi….ohi-ohioi!!! Che dolor!!!

Ingredienti per la pasta ( ho preso la ricetta da Mariluna da quella sua meravigliosa pizza con la provola e porcini)
300 gr. farina per pizza
1 cucchiaino di lievito secco
1 cucchiaino di zucchero
2 cucchiai di olio evo
Acqua tiepida q.b.
1 cucchiaino di sale
Ingredienti per la farcia:
Mozzarella di bufala
Pomodoro
Olio sale
basilico
Procedimento
Sciogliere il lievito in un po’ di acqua calda e lo zucchero. Chi ha l’impastatrice metta la farina con il sale, il lievito disciolto nell’acqua, l’olio e aggiunga poco alla volta altra acqua fino ad ottenere un impasto della giusta consistenza. Chi non ce l’ha, l’impastatrice, lavori sulla spianatoia tutti gli ingredienti (con olio di gomito) fino ad ottenere un impasto liscio e morbido…..(quindi, molto olio di gomito, credete a me!!)
Ho acceso nel frattempo il forno a 50° e l’ho spento, il panetto ottenuto appena unto di olio l’ho messo in una ciotola coperto bene con una tovaglia doppia o un panno e ho messo tutto dentro il forno intiepidito. Ho preparato l’impasto alle 14 e l’ho lasciato lievitare fino alle 19,30 ora in cui sono arrivata a casa dall’ufficio, ho spianato l’impasto con il matterello e dopo aver unto una teglia con un filino di olio vi ho adagiato la pasta. Ho lasciato a riposo una ventina di minuti mentre preparavo gli ingredienti per la farcia.
Ho preso dei pomodori pelati e li ho tagliati a pezzettini, conditi con olio e sale, ho distribuito il sughetto sulla pizza, ho infornato a 230° per circa 10/15 minuti (dipende dal forno), poi ho farcito la pizza con la mozzarella lasciata scolare per farle perdere un po’ della sua acqua, rimessa in forno fino a che non si è fusa bene. Una volta tolta dal forno ho messo qualche fogliolina di basilico fresco e un filino di olio.

giovedì 18 settembre 2008

Quadrotti di mele al latte



Come cambiano le cose da un giorno all'altro....ieri tutto idilliaco...oggi....un pò meno......!
Stamattina mi sono alzata coome se avessi avuto la testa dentro un sacchetto...vi è mai capitato? Quella strana sensazione di ovattato......un sonno tremendo...una stanchezza infinita.......però ho fatto comunque colazione con il mio maritino, ho sistemato il disordine lasciato la sera prima...trascinandomi...... e poi sono salita sulla mia macchina nuova di zecca, bella, lucida, fiammante, perfetta......appunto...perfetta.......
Imbocco la strada che percorro ormai da 7 anni, 4 volte al giorno, tutti i giorni, passo sotto il ponticello della ferrovia.........ma dico io....o mi si è allargata la macchina...o mi si è ristretto il ponticello...........delle due una sicuramente!!!!! Allora ho pensato che fosse arrivato il momento di smussare quello spigolo destro del ponte...fastidiosissimo...con la fiancata destra della mia lucidissima, fiammantissima poletta nuova!!! sic sic sic.....
Come cittadina modello ho pensato bene di migliorare la viabilità del mio territorio....ora tutti e ripeto, tutti, passeranno più agevolmente senza quello spigolo..........ho sacrificato la MIA auto per il bene della comunita', mi chiameranno DONNA CORAGGIO!!
GLOMP GLOMP GLOMP
Ma la giornata non è cominciata male solo per me.......ero lì che mi stavo gustando il caffè consolatorio della mamy che appunto mi consola tagliando corto...sarà meglio che te ne stai in ufficio stamattina(?!), quando arriva una telefonata. E' mia sarella dall'ufficio, l'ha chiamata la Fede (nostra nipote) perchè ha bisogno di parlare con me........ (?!) ho ancora la testa che mi gira...ma che strano giro di telefonate......Silvia mi domanda:hai appuntamenti stamattina? No, rispondo, per fortuna non ho appuntamenti, sai, ho tocc...ok, perfetto, fa tagliando corto...oddio anche lei(?!)..poi continua : la Fede ha bisogno di te!....di me? penso...ma non dovrebbe essere a Pisa stamattina per dare un esame??? Non ci capisco niente....l'ho sentita proprio ieri sera......nel frattempo squilla il cell, che tempismo...è la Fede.... strano che non faccia semplicemente uno squillo per farsi richiamare e non consumare la tessera...deve essere una cosa importante!........Zia sei in giro?... In giro (?) penso io......No, sono dalla nonna....ma hai degli appuntamenti, per caso?............(?) FEDE, ora taglio corto io, dove diavolo sei? non dovresti essere a Pisa? Hem...sì,...... ma sono dovuta scendere dal treno a Querceta.....mi sono accorta di essermi dimenticata il libretto....... FEDE!!!!!!!!!! IL LIBRETTOOOOOOOOO!!!!!!! ok non ti muovere per nessuna ragione arrivo subito!!
Tracanno quel poco di caffè che è rimasto nella tazzina fino all'ultima goccia e parto.....la trovo lì, seduta sul ciglio del marciapiede...e dire che poco più in là c'è una panchina.....ma le ho detto di non muoversi assolutamente........hehehe.... me la guardo un pò..... com'è piccina la mia bambina....con quegli occhi neri e i capelli sbaruffati mi fa una tenerezza....!!!!!...........mentre salta in macchina mi guarda e mi dice con un sorrisetto....... ti sei accorta che hai toccato la macchina..????????? ...eh davvero...ma daiiii???? grrrrr
Si è dimenticata il libretto, fra poche ore ha un esame.... e dè bella tranquilla.....a me sarebbe venuto il panico più totale ma lei è un apestifera e quindi tutto ciò non la sconvolge più di tanto......
FEDE!!! IL LIBRETTO!!!! ...ma zia......!!! si è anche portata addirittura una maglietta di ricambio, dovesse sudare un pò, ma il libretto proprio se l'è scordato...... entro mezzogiorno si deve iscrivere..........oddio un turbinio di pensieri sconvolgono la mia mente che è come dentro una centrifuga........e allora ...mi faccio coraggio...e con un filo di voce.........preoccupata di dovermi catapultare a tavoletta fino a Pisa per una corsa contro il tempo con la testa ancora dentro quello stramaledetto sacchetto.......domando.... ma...chi ti riporta a Pisa se il treno non c'è più??????................................................................................................ il babbo............fiuuuuuuuuuu........ha perso due ore di permesso , è a casa che sta cercando il libretto perchè non mi ricordo dove l'ho messo........ FEDERICA!!!!!!!!!!!!!!!!!! oh zia ...ma se la mamma mette sempre in ordine...!? Ah bhe certo è colpa di quella povera donna di tua madre che ogni tanto gli viene la malaugurata idea di riordinare le tue cose..............!!!!
Mentre sta per salire in macchina con suo padre.... mi guarda....ammicca e sorride...sai zia.....quello che è successo stamatttina è un segno del destino...... è come se ci fosse qualcosa che mi dice di non andare a Pisa.......... FEDE!!! CAMMINA SAI?!?!
E' una pestifera, con lo sguardo che ti incanta ma sempre peste rimane!!!
Per la cronaca poco fa mentre stavo finendo di scrivere questo post ricevo una telefonata da quel pover'uomo di mio fratello........la Fede lo ha chiamato............l'esame......?? Rimandato a domani!!!!!
E' proprio il caso di consolarci!!!!!


Eccovi un'altra ricettina presa da Sale e Pepe di luglio 2008. E' il mio contributo, per questo mese, al Club di Sale e Pepe di Tulip!








Ingredienti per una teglia rettangolare 30x23:


1,300 kg di mele verdi


500 ml. latte


120 gr. zucchero (io ho usato quello di canna)


160 gr. farina 00


4 uova intere


la buccia grattugiata di un limone


30 gr. di burro


1 bicchierino di grappa


un pizzico di sale


Procedimento:


Sbucciate le mele e affettatele molto sottili, mettetele in una ciotola con la grappa a macerare mescolando ogni tanto.


Nel frattempo in un'altra ciotola lavorate le uova intere con la buccia grattugiata del limone, 100 gr. di zucchero, un pizzico di sale e la farina. Amalgamate bene il tutto con un cucchiaio di legno o la frusta e poi versatevi, a filo, il latte fino ad ottenere una pastella fluida ed omogenea. Unitevi le mele con la grappa e mescolate bene.


Rivestite la teglia con carta da forno, versate l'impasto e cospargete la superficie con lo zucchero rimasto e dei fiocchetti di burro.





infornate a 160° per circa un'ora (io in realtà ho cotto la torta a 140° con forno ventilato).

Una volta intiepidita tagliatela a quadrotti e servitela con un buon vino passito!!!

mercoledì 17 settembre 2008

Involtini di lonza con cuore di feta e pomodoro

Siamo a metà settimana, la giornata è iniziata con un sole splendente e un' aria frizzantina, cosa voglio di più? Un Luc_no!!!! heheheheeh
No, in realtà oggi non voglio niente di più, mi basta essermi svegliata bene, aver fatto colazione con il mio maritino, aver sistemato un pò il disordine di casa prima di uscire, mi basta aver salutato Lucia (la nostra birbantissima vicina di casa) che con il suo grembiulino a quadretti rosa e bianco e i ciucciuè, si stava avviando verso la scuola materna, ma prma di salire in macchina si è avvicinata alla recinzione e mi ha detto che dopo, se siamo 'liberi' io e Renzino (così lo chiama) viene a farci un pò di compagnia hehehehehe; mi basta essere passata, strada facendo, dal super per comprare lo stendino riscaldato alla mamy che sta attenta a tutte le novità che pubblicizzano nelle brochure, mi basta essere passata dal giornalaio (per fortuna davanti al mio ufficio) per comprare il mini relax, sempre per la mamy, perchè senza non riesce a dormire la sera, mi basta aver preso il mio bel caffè, appena fatto, sempre dalla mamy (lo sapete è un rito imperdibile), e soprattutto mi basta vederla felice perchè lo stendino si scalda davvero!!! Wow! La tecnologia!!!!! ehehhehe
In verità questa ricetta è un pò di tempo che l'ho archiviata e me la stavo dimenticando, chissà perchè visto che è molto gustosa.........
Ingredienti per due persone:
6 fettine di lonza
sei pomodorini essiccati
feta
sale e pepe
per il contorno :
pomodorini
peperoni verdi dolci
capperi
cipollotto
Procedimento:
Tagliate a fettine sottili il cipollotto e mettetelo in una padella antiaderente con un filino di olio evo a far stufare. Tagliate i pomodorini a metà e i peperoni verdi a rondelle e aggiungeteli al cipollotto stufato, regolate di sale e quasi all'ultimo aggiungete una manciata di capperi

Prendete le fettine di lonza, mettetele tra due fogli di carta forno o pellicola e appiattitele delicatamente con il batticarne in modo da non rompere troppo le fibre. In ogni fettina mettete al centro un pomodorino essiccato e un pezzetto di feta, avvolgete l'involtino e fermatelo con uno stuzzicadenti Mettete gli involtini in una padella antiaderente con poco olio e fate rosolare per una decina di minuti, sfumate con del vino bianco e aggiustate di sale e pepe, servite con il contorno di peperoni e pomodori.

martedì 16 settembre 2008

Bloghissimo!


Da oggi faccio parte anch'io di questo aggregatore nella sezione " Ricette e cucina " !!!!!
Ringrazio Alessandro e tutto lo staff!
E voi cosa aspettate??????? Andate qui e segnalate il vostro sito!!

lunedì 15 settembre 2008

Marmellata di prugne



L'estate ci sta lentamente lasciando, la spiaggia si sta svuotando e i bagnini cominciano a togliere ombrelloni e sdraio......... le temperature si sono fatte un pochino più fresche e si tirano fuori copertine leggere per la notte....... qualche piccolo male di stagione è in agguato e si comincia a pensare a come organizzare il cambio degli armadi............. stanno arrivando delle perturbazioni burrascose, la scuola è iniziata, cadono le foglie, le giornate si accorciano........mamma mia detta così farebbe venire la depressione a chiunque.............




ma perchè?

L'autunno è una stagione speciale, i colori cambiano, è vero, ma avete in mente come può essere bello un viale alberato quando le foglie assumono quel colore giallo/arancio prima di cadere e invadere i marciapiedi? Avete mai pensato al suono ovattato che i ricci delle castagne fanno quando cadono nel sottobosco ricoperto di foglie? Ma soprattutto.............avete mai pensato che fra poco arriverà la stagione per poter finalmente indossare le scarpe, la giacca, o la borsa che vi siete regalate ....... heheeheheh

Insomma c'è sempre una ragione ( o per lo meno la si può trovare) per apprezzare quello che viene .... !!!!

Allora, anche se oggi sta piovendo e tuonando, tanto che ho dovuto accendere la luce in ufficio perchè il cielo è nero nero, vi auguro un felice inizio settimana, soprattutto a quelle mamme e papà che da oggi iniziano il tran tran della scuola................ ops mi correggo, lo auguro in particolare a quei bambini e ragazzi che da oggi iniziano un nuovo anno scolastico, per alcuni di loro è un ritrovarsi con i compagni e gli insegnanti di sempre ma per altri, come Lorenzo (mio nipote), oggi è l'inizio di una nuova avventura, in una scuola nuova, con nuovi amici e nuovi insegnanti !!!!
In bocca al lupo!!!!!!!!!

Allora, cosa ci vuole per iniziare bene la giornata ?
Dunque, per prima cosa ci vogliono delle coccoline da mamma e papà (aiutano ad alzarsi con una carica in più) e poi una bella e ricca colazione perchè la scuola fa consumare un sacco di energia!
E cosa c'è di meglio che una tazzona di latte e delle fette di pane con marmellata? E se la marmellata l'ha fatta la mamma ...vuoi scommettere che è anche più buona????????????
Ingredienti:
1,300 kg di prugne denocciolate

800 gr zucchero semolato
1 bustina di vanillina
1 mela grattugiata
la buccia grattugiata di un limone
Procedimento:
Tagliate le prugne a pezzetti e mettetele in una casseruola a fuoco moderato per circa un'ora con la vanillina, la mela e il limone grattugiato.

quando si sono sfatte ben bene


passartele al passaverdura con i fori più piccoli
rimettete la frutta così passata nella casseruola aggiungete lentamente lo zucchero mescolando e cuocete una mezz'oretta fino ad ottenere la giusta consistenza.

Preparate nel frattempo i vasetti ben lavati e passati nel forno a 100° per una decina di minuti o nel microonde alla massima potenza per 5/6 minuti. Riempite i vasetti caldissimi con la marmellata bollente, chiudete con i tappi e capovolgete fino al raffreddamento.




ed ora.....................





Aggiornamento su .................. Cip e Ciop!!!!

Non serve che vi dica che stanno crescendo benissimo e che sono simpaticissimi !

Cip, quella che noi pensiamo sia una femmina, ha un carattere dolcissimo e mite, si lascia coccolare volentieri e quando le dici che è ora di tornare nella gabbietta non fa storie si fa prendere docilmente, ma Ciop!!!! E' un vero biricchino...è lui che dirige i giochi e se non ha voglia di rientrare non c'è verso di prenderlo e allora l'unica è farlo stancare: vola di qui e vola di là alla fine si decide a rientrare alla base ...ma da solo......guai a costringerlo!!!!!!!!!! heheheheh

Ora volano veramente bene e fischiano, soprattutto Ciop.....voi non ci crederete ma quando alla tv c'è la musica......lui si immedesima nella parte e che gorgheggi!!!!!!


Dici che posso uscire? Aspetta un attimo.......com'è la situazione..fammi un pò vedere.........

Il pianoforte è una meta ambitissima ma unpò scomoda come pista di atterraggio.....troppo lucido...si scivola!!!!

ok......uno....due...tre....... aspetta ..riprovo.....uno ...due...tre.......è un pò altina questa vetrina..........mi tremano le zampette dalla paura.........

ma il mio Mammo Chioccia arriva in soccorso........e io accetto volentieri di scendere con l'ascensore.....


è tenero il mio Mammo Chioccia...e io gli voglio bene..........

però mi piace anche stare vicina vicina al mio fratellino e il filodendro è il posto migliore per un riposino

giovedì 11 settembre 2008

Risotto ai funghi e caciottina........in pentola a pressione!


Mia madre ed io siamo quelle delle gite infra-settimanali, andare in giro quando tutti gli altri lavorano non è mica male sapete??? heheh
Comunque, martedì abbiamo deciso di fare un giro dalle parti di mio papà (provincia di Parma) approfittando del fatto che avevamo voglia di rivedere dei nostri carissimi parenti, Titti e Piero, che vivono a Langhirano. Mia madre è una di quelle che qualunque cosa le venga proposto è sempre pronta, salta in macchina e dove la porti, la porti lei è contenta..... ti ci vuole però una macchina capiente perchè si porta il cambio degli abiti...delle scarpe....non si sa mai che venga freddo, oppure un caldo bestiale o magari piove e se mangiando di ungi il vestito? ....... ;-)
Dovete sapere che mia madre è una "fungaiola", adora, anzi mi correggo, IMPAZZISCE per i funghi, nel senso che le piace cercarli....trovarli. Già durante il tragitto, lungo la strada di montagna, ogni tanto si scorgeva una macchina parcheggiata in una piazzola qua e là...... le antenne le si sono rizzate immediatamente........hai visto quelle macchine?mi chiede.....sì, dico io, sbofonchiando (so dove vuole arrivare).... guarda ce n'è un'altra..........bisogna che ci fermiamo un attimo per vedere un com'è la situazione............(ci avrei scommesso) ok ..... e allora per accontentarla ci siamo fermate proprio al passo del Lagastrello dove spinta dalla voglia di frugare tra le foglie e le frasche del sottobosco, non mi ha dato nemmeno il tempo di chiudere la macchina, di vedere da dove si potesse accedere più agevolmente......niente.........si è arrampicata come una cerbiatta.......mamma....attenta al ginocchio........non ti sei messa la ginocchiera,......... MAMMAAAA!!!!!! Ce la faccio, ce la faccio mi risponde.... mentre zoppicando si arrampica....... ed è già all'opera .......

No, mi dice, con un tono appena velato di cocente delusione, non c'e n'è mica............ bisogna aspettare che piova un ....e dopo qualche giorno di sole..... ah ecco..... dico io, quindi dobbiamo tornare un giorno molto presto...alzarci all'alba......glomp........ok, dai allontaniamoci che sta arrivando un cavallo......... un cavalloooooooooo??????????????????????

tanti cavalliiiiiiiii!!!!!

hehehehehehhheheh che spettacolo meraviglioso !!!!!!!
E' stata proprio una bella giornata, di quelle in cui te la prendi comoda, ti fermi quando ti vuoi fermare, riparti quando vuoi ripartire, se scopri nel cielo uno famigliola di poiane che svolazzano felici ti fermi e cerchi di fotografarle........ se ti va di raccogliere dei fiori spontanei sul ciglio della strada accosti e ti riempi la macchina (lavata il giorno prima) di petali, erba e quant'altro, se scorgi un bel panorama e te lo vuoi godere fino in fondo metti le doppie frecce e tuffi il tuo sguardo in quel mare di verde

se decidi lì per lì di comprare in un negozietto delle specialità del luogo parcheggi e il bagagliaio, già di per invaso dai cambi di vestiti e di scarpe, lo riempi di formaggi, salami ......
Se decidi invece di vedere dove è nato papà.........la casa che il mio bisnonno costruì per la sua numerosa famiglia......la cerchi e la trovi
se invece quello che vorresti vedere è la Centrale dell'Enel

dove mio padre ha lavorato 50 anni fa e dove ha vissuto per 3 anni con mia madre e mio fratello, fai mente locale e seguendo i cartelli la trovi e allora sì che tanti ricordi affiorano alla mente, la scalinata ai piedi della quale giaceva e giace tutt'ora il leone di pietra, compagno di giochi di mio fratello ......è rimasto tutto come prima, sembra incredibile........e.....

....e quel piazzale improvvisamente si popola di visi, di voci che ti hanno accompagnato per quei brevi ma lunghissimi anni, dove gioie e dolori si sono mescolati inscindibilmente........ un misto di nostalgia, tenerezza e stupore.

Premessa lunghissima per dirvi che abbiamo comprato una caciottina fresca di latte di mucca buonissima e il giorno dopo ho pensato di utilizzarla per un risotto fatto ...udite, udite, in pentola a pressione! Chi sarà mai quel genio che ha inventato la pentola a pressione? Dovrebbero farlo Santo!Sì perchè in otto minuti ti prepara un risotto favoloso....provare per credere!

Ingredienti x 4 persone:

320 gr. riso carnaroli

1/2 cipolla

una manciata abbondante di funghi porcini secchi

1/2 bicchiere di vino bianco secco

100 gr. di caciottina

2 cucchiai di parmigiano reggiano

olio evo

brodo

Procedimento:

per prima cosa mettete i funghi in una ciotolina con acqua tiepida in modo che si ammorbidiscano.

Affettate la cipolla e fatela appassire con un d'olio nella pentola a pressione. Versate il riso e fatelo tostare ben bene, deve staccarsi dalle pareti prima di aggiungere il vino per sfumare.

Aggiugete i funghi strizzati e fate insaporire qualche istante

poi versate il brdo caldo. Dunque per quanto riguarda la quantità di brodo... credo che ce ne vada il doppio esatto di quella del riso ma io faccio ad occhio, aggiungo tanto brodo da coprire di almeno un cm il riso......funziona !
Chiudete la pentola con ilsuo coperchio e alzate la fiamma, al sibilo abbassate la fiamma al minimo e contate esattamente 8 minuti poi fate raffreddare sotto l'acqua. Io tengo la pentola sotto un filo d'acqua, giusto sul coperchio, in modo che esca il vapore e la valvola di sicurezza si abbassi per poi poter aprire il coperchio.mescolo bene e passo alla mantecatura: spengo il fuoco e aggiungo il parmigiano reggiano, un filo d'olio evo e la caciottina a cubetti vedrete filerà che è un piacere!!!!!!!!

mercoledì 10 settembre 2008

Torta salata con le bietoline mie!!!!





Vi abbraccerei, vi bacerei, vi stripizzeri e vi mordicchierei tutti, uno per uno, per esprimervi la piacevole sensazione che provo quando vi leggo qui da me e quando vi leggo lì da voi!
Purtroppo per me, non mi siete a portata di mano e di bocca ;-) quindi non mi resta che dimostrarvi la mia gratitudine con una fettina 'virtuale' di questa torta salata che ho preparato con le bietoline dell'orto del mio maritino.
Forse mi emoziono per poco.....direte voi.....sì, ci sta........ma quando la mattina arrivo in ufficio, mi collego e vi trovo lì tutti presenti, allegri e pieni di buoni propositi hehehe con le vostre novità, le vostre riflessioni, i vostri commenti, le mail di alcuni di voi........ insomma......... hehehe a me tutto questo mi provoca un frizzicolino alla schiena che mi fa partire bene anzi benissimo! Poi non sempre riesco ad essere puntuale come vorrei nel rispondervi, nel commentarvi o nel ringraziarvi per la tenera e affettuosa compagnia che mi fate, ma nel mio cuore ci siete tutti e c'è posto anche per qualcun altro hehehehehehe
Vi siete commossi??? almeno un pochino????? heheheh ...sarà meglio che vi dia la ricetta.......hhehehehe
Ingredienti per la pasta:
250 gr. farina
4 cucchiai olio evo
un pizzico di sale
acqua tiepida q.b.
Ingredienti per la farcia:
bietole a piacere
parmigiano reggiano
pane grattato
sale
olio
Procedimento:
Impasto tutti gli ingredienti insieme aggiungendo l'acqua tiepida un cucchiaio alla volta per regolarmi meglio, deve risultare molto morbido ed elastico, poi faccio una palla, la ungo con poco olio e la metto una mezz'oretta sotto una pentola calda a riposare.
Nel frattempo preparo le bietoline che ho sbollentato in acqua calda salata. Una volta raffreddate e strizzate le trito con la mezzaluna e le metto ad insaporire in una padella con poco olio evo. Aggiusto di sale e lascio intiepidire. Aggiungo il parmigiano reggiano.
Ungo con dell'olio evo una teglia di circa 28 cm di diametro stendo la pasta in una sfoglia sottile e la adagio nella teglia, bucherello il fondo con i rebbi di una forchetta e riempio con le bietole, le distribuisco bene e spolvero con del pangrattato, un filo d'olio e poi ricopro con la pasta che spennello con olio evo e poi via, in forno caldo a 180° per una trentina di minuti!
E' una torta semplicissima con pochi ingredienti proprio per non coprire ma esaltare il sapore delle bietoline!