giovedì 16 ottobre 2014

Tabouleh di cavolfiore, con peperone, sedano e basilico

tabouleh di cavolfiore-3182-005

(leggi e ascolta con me)

Sono consapevole che ci voglia ritmo nella vita, cadenzato come la lancetta di un metronomo, un ritmo preciso senza esitazioni che aiuta a portare a termine i mille impegni quotidiani, che ti dà il movimento giusto per ‘correre’ da una parte all’altra ed essere presente con tutti, un ritmo che ti fa procedere con il passo giusto per poter ‘rispondere’ a chi si aspetta delle risposte e così facendo ti fa sentire efficiente e fiera di te. Quasi una donna perfetta.

Quasi.

Si.   

Invece, a volte, a dispetto di tutto, capita che la mia di vita scorra lenta e morbida come miele che riluttante si lascia scivolare fuori dal barattolo. Non mi sento efficiente per niente. Meno che mai perfetta.

Ma è dolce e lieve la vita così.

Ogni tanto.

Si.

Torno subito

Come è iniziata questa storia del simil Tabouleh ?

Tutto è cominciato con un piccolo cavolfiore fresco, croccante, racchiuso in foglie tenere tenere e un flash nella memoria.

Tempo fa, in un bellissimo libro  di  Eleanor Ozich dal titolo My Petite Kitchen Cookbook, lessi di questo modo nuovo ( almeno per me) di utilizzare il cavolfiore crudo  e così ho preso letteralmente la palla al balzo, l’ho portato a casa con l’intenzione di preparare un pranzo diverso. Ho voluto  abbinarci solo verdure crude per farne una vera insalata: un peperone rosso per dare colore e dolcezza, il sedano per la sua freschezza, il peperoncino rosso per la nota piccante e le foglie di basilico, che ancora cresce qui nella mia aiuola odorosa, per metterci quel pizzico di estate che si è fatta sospirare. Non serve altro, solo un filo d’olio fragrante e una spremuta di limone, poche gocce sono sufficienti. Una vera sorpresa e prossimamente replichiamo con altre combinazioni!

Un piccolo omaggio ai miei amici vegetariani, vegani e intolleranti al glutine e ottima soluzione anche per chi, come me, sta scoprendo nuovi orizzonti in cucina.

tabouleh di cavolfiore-3129

Ingredienti per 2 persone

un piccolo cavolfiore

1/2 peperone rosso

2 coste di sedano (quelle più tenere e bianche nel cuore del sedano)

1 spicchio d’aglio

peperoncino piccante (facoltativo)

succo di 1/2 limone

una manciata di foglie di basilico fresco e qualche foglia tenera di sedano

2 cucchiai olio extravergine d’oliva

sale

tabouleh di cavolfiore-3134-2

Lavate bene le verdure. Tagliate il cavolfiore e suddividetelo in cimette che sciacquerete in abbondante acqua fredda, scolatele e asciugatele bene. Eliminate i semi e le parti bianche al peperone e tagliatelo a dadini e affettate sottilmente il sedano. In un cutter mettete le cimette di cavolfiore, il basilico, le foglie di sedano e lo spicchio d’aglio sbucciato, azionate ad intermittenza fino ad ottenere un composto sbriciolato.

tabouleh di cavolfiore-3195-2

Raccogliete il composto in una ciotola, aggiungete il peperone, il sedano e qualche fettina di peperoncino piccante in base al vostro gusto. Condite con un filo d’olio extravergine d’oliva, il succo di limone, una macinata di sale.

tabouleh di cavolfiore-3165-2

Lasciate riposare qualche minuto prima di servirlo in modo che i sapori dei vari ingredienti si amalgamino bene tra di loro.

tabouleh di cavolfiore-3189

Servitelo accompagnando con qualche fettina di limone e foglioline di basilico profumato.

tabouleh di cavolfiore-3187-2

Andate dal vostro fruttivendolo di fiducia, comprate un bel cavolfiore e con tutta la calma del mondo, preparatevi questa buona insalata.

tabouleh di cavolfiore-3172-2

Io vi aspetto qui. Paziente.

tabouleh di cavolfiore-3170

 

tabouleh di cavolfiore-3145-2

con amore

Pippi

Cuore rosso

martedì 7 ottobre 2014

Confettura di pomodori verdi

confettura di pomodori verdi-2817

(leggi e ascolta con me)

Il profumo che regala una marmellata che sobbolle lentamente sul fuoco, lo avete presente? Si sparge piano piano in tutta la casa, ne avvolge gli abitanti predisponendoli solo a buoni pensieri: c’è chi mescola al ritmo di un vecchio brano che la riporta con tenerezza al ricordo del primo bacio, chi lava i barattoli di vetro, affonda le mani nella bacinella di acqua calda e nuvole di sapone e immagina di abbandonarsi ad occhi chiusi in un mare di schiuma, chi con bella calligrafia prepara le etichette come se fossero lettere d’amore e chi, appena rientrato da un pomeriggio di gioco per la merenda, in ginocchio sulla sedia, con le mani strette a pugno sotto il mento e il naso che gocciola al calore della cucina, osserva la scena rapito da tanta magia, e aspetta impaziente la prova del piattino e il privilegio di ripulire il mestolo quando tutto sarà finito.

Sa di ricordi legati a sapori antichi che provenivano dalle cucine delle nostre nonne. Sa di rispetto per il ciclo naturale della vita, sa di un amore puro che si trasmette anche attraverso un buon pasto, preparato con cura, sa di quella semplicità che è l’unico, vero, ingrediente indispensabile per fare una buona marmellata.

Era un po’ di tempo che meditavo di fare questa confettura ma all’inizio della produzione del mio piccolissimo orto mi dispiaceva raccogliere quei bei pomodori che promettevano di diventare rossi, succosi e dolci come nettare. Ho quindi aspettato paziente che la stagione arrivasse agli sgoccioli per raccogliere gli ultimi grappoli ancora verdi per trasformarli in una conserva che potesse durare qualche mese, almeno fino alla prossima produzione. Ho cotto la confettura a fuoco moderato in modo che si prendesse il tempo necessario per addensarsi e ho lasciato che il suo profumo dolce e fresco pervadesse la mia cucina e i miei pensieri.

Regalatevi dei buoni pensieri.

(Grazie Charlie )

confettura di pomodori verdi-2808

Ingredienti:

2 kg pomodori verdi

700 gr zucchero

succo di due limoni

scorza grattugiata di un limone

3  o 4 chiodi di garofano

confettura di pomodori verdi-2753

Lavate bene i pomodori, asciugateli, tagliateli a pezzetti e sistemateli in una casseruola con il succo di limone, la scorza grattugiata di un limone e i chiodi di garofano. Mettete su fiamma moderata e portate a bollore, cuocete fino a quando  non saranno diventati morbidi.

confettura di pomodori verdi-2772

Trasferite i pomodori in un passaverdure e raccoglietene la polpa.

confettura di pomodori verdi-2783

Rimettete sul fuoco la polpa dei pomodori passata, aggiungete lo zucchero,

confettura di pomodori verdi-2792-2

mescolate molto bene e rimettete sul fuoco, portate a bollore, abbassate leggermente la fiamma, eliminando man mano la schiuma che si formerà in superficie e mescolando di tanto in tanto.

confettura di pomodori verdi-2794

Cuocete per circa un’ora o fino a quando non avrà raggiunto la giusta consistenza.

Lavate 4 vasetti da 200 gr, sterilizzateli (io li metto nel forno a microonde alla temperatura massima per 5 minuti) e riempiteli, ancora caldi, con la confettura bollente lasciano un cm dal bordo, chiudete con tappi sempre nuovi, capovolgete i vasetti e lasciateli raffreddare a testa in giù per fare il sottovuoto.

confettura di pomodori verdi-2828-2confettura di pomodori verdi-2826confettura di pomodori verdi-2820-2confettura di pomodori verdi-2811-2confettura di pomodori verdi-2802-2

with love

Pippi

Cuore rosso

venerdì 3 ottobre 2014

Torta al grano saraceno e confettura di mirtilli (gluten free)



torta al grano saraceno-925
(leggi e ascolta con me)
Non sogno mai. O per lo meno non ricordo i miei sogni, stamattina però mi sono alzata e avevo tutto ben scolpito nella mente, un sogno romantico e surreale nello stesso tempo: sono in montagna con mia madre, in una specie di chalet immerso nel bosco, con il sole che filtra tra le fronde degli alberi, e che scalda delicatamente l’aria frizzante e sottile, con il profumo della terra umida nel naso, vedo mio marito  a cavallo con il cap e il frustino (?) (e che è tutto dire) e mi sorride felice,  noi ce ne stiamo su quella terrazza di legno posta al piano superiore, dove il cellulare non funziona, e sotto di noi orsi, non molto grandi, che ‘pascolano’ tranquilli. Chiamo mia mamma tutta felice, per raccontarle che l’ho sognata e  lei  (che a differenza di me fa sempre sogni molto realistici e puntuali )mi dice ‘ti ho sognata anch’io’ stanotte: hai fatto delle pagnotte tonde, ma così belle, così morbide e profumate che volevo dirti di lasciarne un pezzetto per me.
Messaggio subliminale.
Dovrò rimettermi ad impastare.
Nel frattempo ho preparato un dolce che invece mi fa venire in mente Livigno e le vacanze, questa volte vere e bellissime, che per tanti anni ho trascorso con la mia famiglia  in un appartamento appena fuori dal centro commerciale del paese. 
Non ci crederete ma anche questa volta la ricetta viene direttamente dal retro della confezione della farina. Fa quasi ridere che compri libri su libri, fai ricerche su internet e poi basta voltare il pacchettino in cui è contenuto il prodotto e trovi delle ricette splendide, precise, perfette e per di più in ‘regalo’!
Forse anche questo è un messaggio subliminale. Ritorniamo alla semplicità?
I Love Gluten Free (FRI)DAY – Gluten Free Travel & Living Preparate questo dolcino, ve lo consiglio. La farina di grano saraceno è naturalmente priva di glutine, ha un sapore molto particolare, rustico con un retrogusto leggermente amarognolo che viene stemperato dallo zucchero e in questo caso dalla confettura. Il dolce diventa soffice e umido, per farcirlo utilizzate la confettura che più vi piace ( ma i frutti di bosco la fan da padrone) oppure se siete proprio golosissimi farcitelo con panna montata.
torta al grano saraceno-0917
Ingredienti per uno stampo a cerniera di 18/20 cm di diametro
125 gr farina di grano saraceno
125 gr zucchero di canna cassonade
125 gr burro ammorbidito
3 uova
2 cucchiaini lievito per dolci in polvere (senza glutine)
125 gr mandorle tritate finemente
una presa di sale
confettura di mirtilli
Zucchero a velo
torta al grano saraceno-0866-4
In una terrina lavorate a crema il burro con metà dello zucchero e unite i tuorli uno alla volta incorporandoli bene prima di aggiungere il successivo.
Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.
Aggiungete la farina setacciata con il lievito e le mandorle tritate, mescolando bene (l’impasto risulterà consistente).
Amalgamate delicatamente gli albumi a neve all’impasto. Versate l’impasto in uno stampo imburrato e infarinato e cuocete a 160° per circa 35/40 minuti (ma dipende sempre dal vostro forno).
Quando il dolce sarà cotto lasciatelo raffreddare, tagliatelo orizzontalmente a metà, utilizzando un coltello lungo, e farcitelo con la confettura di mirtilli o altra confettura a vostro gusto.
torta al grano saraceno-0891
Ricoprite con l’altra metà della torta,
torta al grano saraceno-0898
e spolverate con una dose generosa di zucchero a velo.
torta al grano saraceno-0901
Un ottimo motivo per fare una piccola pausa pomeridiana gustandolo con una tazza di té o per i più golosi con un bel bicchierone di latte freddo.
torta al grano saraceno-0935-2


with love
Pippi
Cuore rosso

venerdì 26 settembre 2014

Zuppa piccante di miglio e lenticchie rosse

millet and red lentils soup

(leggi e ascolta con me)

L’autunno è tra noi.

Annunciato da tempo, è arrivato qui, ieri, nel tardo pomeriggio e uscendo di casa l’ho percepito chiaramente sulla pelle.

Al mio rientro dalla caldissima Calabria, dove il tempo sembra essersi fermato in pieno luglio, non appena ho appoggiato il piedino sulla scaletta dell’aeromobile in terra toscana, una folata di aria freddina ha fatto svolazzare il mio vestito. E se pur felice di essere atterrata sana e salva, dopo aver sorvolato l’Italia intera con un ‘briciolo’ di paura, adesso provo  un pò di nostalgia per tutto quello che quella terra ha rappresentato per me in quei pochi giorni, con i suoi colori e le sue incongruenze,

Calabria sett. 2014-1629

Calabria sett. 2014-1788

Calabria sett. 2014-1983

e soprattutto per le persone speciali che ho conosciuto e che cercano di renderle giustizia con il loro lavoro serio e pieno di passione.

Di questa Calabria mi sono innamorata, di queste persone che ti accolgono con un sorriso e il cuore in mano, mi sono innamorata.

Calabria sett. 2014-2016

Calabria sett. 2014-1671

Calabria sett. 2014-1869Calabria sett. 2014-1337

Ma vi racconterò tutto questo a brevissimo.

Per salutare l’autunno con i suoi colori ambrati e caldi e per fare un piccolissimo omaggio alla Calabria bella, oggi ho preparato una zuppa piccante con ingredienti un pò insoliti nella mia cucina, ma che giorno dopo giorno sto riscoprendo con grande entusiasmo: il miglio e le lenticchie rosse. Una zuppa ristoratrice, sana e con quel tocco di rosso piccante che serve per darle una marcetta in più. Buonissima anche il giorno dopo riscaldata in forno, sotto il grill, magari con una spolverata di parmigiano, ne preparo sempre una dose doppia per questo motivo. E’ ottima così da sola ma anche per accompagnare crostacei o molluschi in un piatto unico e si presta ad essere personalizzata a seconda dei gusti e delle preferenze. Cosa volete di più? Non vi resta che provarla.

millet and red lentil soup

L’origine della ricetta? il retro della confezione del misto di miglio e lenticchie. Incredibilmente buona.

Ho fatto qualche piccola variante alla ricetta di base ma il risultato è stato davvero superiore alle aspettative.

Per 4 persone

Ingredienti:

100 gr lenticchie rosse

100 gr miglio decorticato

1 bicchiere scarso di passata di pomodoro

2 spicchi d’aglio

1 mazzetto di prezzemolo

1 peperoncino rosso

1 litro e 1/2 di brodo vegetale

olio extravergine d’oliva

sale

millet and red lentil soup

In una casseruola con 2 cucchiai di olio fate soffriggere l’aglio tritato finissimo e il peperoncino a fettine (regolatevi sulla quantità di peperoncino in base al grado di piccantezza dello stesso e del vostro gusto). Unite le lenticchie e il miglio, tostateli per un paio di minuti e poi aggiungete il brodo caldo tutto in una volta.

millet and red lentil soup

Portate a bollore, coprite, abbassate la fiamma e fate cuocere dolcemente per circa 30 minuti. A fine cottura regolate di sale, unite il prezzemolo tritato e un filo d’olio buono buono.

millet and red lentil soup

con amore

Pippi

Cuore rosso