domenica 19 febbraio 2012

Enrico Fiorentini Chef

Quando si dice l’empatia…

Capita di arrivare in un grande albergo, di una grande città a caso….Milano, a metà gennaio, in un giorno in cui fa un freddo da morire.

Capita di arrivare lì, con una valigia stracolma, felice come una bambina per la novità e il cuore carico di aspettative.

Capita che mentre sei ancora in preda all’estasi di fronte all’immensità e all’eleganza di quell’albergo,  ti si presenti davanti agli occhi una persona che cattura immediatamente la tua attenzione. Il suo sguardo, all’inizio un pò schivo, ti incuriosisce al punto che presa la macchina fotografica cominci a seguirlo…ovunque.

Voglio raccontarvi di lui, Enrico Fiorentini executive Chef  dello Sheraton Malpensa.

Enrico e il ‘suo’ ristorante. Elegante, sobrio ed essenziale, per niente scontato ...a partire dal nome … dai colori… dalla luce…

e dove niente, neanche il più piccolo particolare è lasciato al caso…

E’ questa semplicità  che mi piace da matti…

Mi sento onorata per il tempo che mi sta dedicando. Entro nel suo ufficio che mi appare stracolmo di oggetti, libri, foto, ricordi…e l’empatia si concretizza…. il suo legame con la Toscana salta fuori subito, al primo sguardo…

Enrico è un milanese doc ma ama la mia terra. E’ un filo doppio quello che lo lega a lei, un filo doppio fatto di affetti, di amicizie di lunga data, di quelle che non passeranno mai. 

Sulla scrivania, in un bicchierone enorme, vive il suo pesciolino rosso che in realtà è nero e ….indovinate come si chiama?

P i p p o.

Non dico altro.

Sono seduta di fronte a lui che mi racconta di sé …

Mi offre un sorso di vino e una focaccina al lardo di colonnata in mio onore…..e così mi sento subito a casa e mi rilasso.. e il vino aiuta…altroché se aiuta….

Mi incuriosisce sempre sapere come nasce la passione per la cucina e lui  sorride con tenerezza quando mi racconta che tutto è nato nella cucina della madre, da quei sacchettoni di fagiolini da pulire, dalle prime torte, dai primi albumi montati a neve quando ancora frequentava le medie.

Ha le idee chiare il ragazzino Enrico.

Durante la scuola superiore c’è l’incontro con il suo insegnante  Marco Olivieri uomo grintoso e dalla grande solarità che gli infonde la sicurezza giusta e quindi l’approccio fondamentale  per affrontare gli stages  con la scuola e poi stagioni dopo stagioni nei vari ristoranti…ed è qui che “scoppia la febbre”, sono le sue parole e rendono perfettamente l’idea. E’ lavorando sul campo che si mette alla prova.

O lo ami o lo odi questo lavoro perché è un tutt’uno con la tua parte artistica, sensibile, romantica  e la tenacia e l’intraprendenza che ti fanno andare avanti.

E’ una febbre che ti spinge a fare sempre meglio. E’ una febbre che ti prende e ti fa vibrare. Come le emozioni di questi giorni...

Poi Enrico gira il mondo.

Per circa 15 anni lavora in grandi alberghi negli Emirati Arabi, in Siria, in Egitto, in Slovenia, in Scozia sempre ricoprendo qualifiche di prestigio, gestisce grandi ristoranti con brigate di più di 150 uomini. Una ‘scuola’ di immensa portata perché avere a che fare con una brigata multietnica e cosmopolita dove le differenze politiche e religiose sono forti lo arricchiscono non solo a livello professionale ma soprattutto umano. Un periodo di formazione pieno di stimoli, quindi,  costellato da incontri che lo  ‘segnano’ positivamente.

Però dopo tanti anni lontano dall’Italia Enrico decide di tornare. Molte sono le ragioni che lo spingono a rientrare, una fra tutte, la più importante, ha solo 9 anni e si chiama Ryan.

E questo mi piace, mi piace moltissimo Rosa rossa

Arriva allo Sheraton che  l’albergo è ancora in fase di ultimazione. Mentre mi mostra le foto del cantiere che si trasforma giorno dopo giorno in una struttura imponente e perfettamente operativa, traspare evidente il suo orgoglio. E’ un pò come se Lo Sheraton  fosse nato con lui. E non è poco.

Enrico Fiorentini si occupa personalmente della selezione della sua brigata che oggi è composta da 20 persone, 16 cuochi  di cui quattro giovanissimi. Mi dice che tutti si distinguono per la gran voglia di lavorare insieme e per il desiderio di confrontarsi con nuove sfide. E in questo periodo le sfide sono moltissime!

Le prime due figure che affiancano Enrico fin da subito sono suoi due Sous Chefs: Carlo Molon,

e Gianni Gerratana.

Due Chefs a tutto tondo, dalla grande esperienza professionale, veramente fondamentali per lui e con i quali, mi racconta, è nato un affiatamento immediato e, credetemi, si vede… Sorriso

Carlo e Gianni non sono solo due impareggiabili professionisti, sono soprattutto due anime solari, generose, infaticabili.

Ma lo staff del ristorante il Canneto non finisce qui, c’è Roberto Caruso, Chef de Partie, un uomo che eccelle in ogni settore, un pilastro imprescindibile all’interno della squadra.

C’è Paola Zurlo, che mi sfugge sempre (mannaggia), la quale riveste un ruolo di primo piano all’interno del team in quanto responsabile del reparto dedicato alla sanificazione dove c’è bisogno di grande competenza in materia, di controllo e organizzazione. Brava Paola!

Ma c’è anche Mauricio dall’Uruguai, Cristiana dal Brasile, Giuseppe, Perscy, Ivan, Ilaria, Fabio e poi ancora Alex, Veronica, Luca, Davide, Marco, Amal, Agata, Riaz, Weligama, Toufik e Sarjit….Ancora una volta  tutto il mondo dentro una cucina.

Non sono solo dei nomi. Sono uomini e donne, professionisti che lavorano con serietà e dedizione affinché tutto funzioni alla perfezione. E’ come se ognuno di loro fosse la tessera esatta di un complicato puzzle, sono tutti indispensabili ed Enrico quando mi parla di loro, bhé, lo devo dire, ha gli occhi che brillano dalla soddisfazione. E’ orgoglioso di loro.

Tutti insieme sono una squadra affiatata. Ognuno con la propria personalità e predisposizione che Enrico Fiorentini ha avuto la capacità e l’intelligenza di saper instradare nel modo giusto per far si che tutti loro possano esprimere il meglio di sé.

E lasciatemelo dire, il valore aggiunto di un grande chef, è proprio quello di saper gestire e valorizzare con autorevolezza e generosità questa ricchezza umana e, visto i risultati fin’ora ottenuti, Enrico Fiorentini ci sta riuscendo alla grande!

Tra un sorsetto di vino e l’altro continua la nostra chiacchierata mentre la cucina, che è a pochi metri da noi, è in pieno fermento per la serata di domani…un evento importantissimo li aspetta.. La Puglia in Tavola all’interno della manifestazione Per Tutti i Gusti!

Ma….non sono l’unica intrusa…..Carlo Vischi che ci fai lì???Arcobaleno

Tutto è sotto controllo e mi muovo tra di loro cercando di farmi piccola piccola per non disturbare…

ma si accorgono subito che li sto spiando….

e le nostre speranze, eccole qui….

concentratissimi….ma poi alla fine un sorrisetto me lo regalano….

La "Squadra" di Enrico Fiorentini è un "Cuore" che batte …me lo ha scritto proprio lui…ed è la verità.. è una squadra che fa cose strabilianti come  il buffet preparato per l’evento Puglia. Giudicate voi:

Visto?

Conoscere Enrico Fiorentini, Carlo Molon, Gianni Gerratana  è stata una bellissima sorpresa. Poter far parte, anche solo sporadicamente, della loro ‘squadra’ in veste di fotografa  mi rende piena d’orgoglio.

L’empatia continua…ed io, non so più stare senza questi… adorables chefs!Occhiolino

Ringrazio Enrico Fiorentini per la pazienza che ha avuto fin dall’inizio, lo ringrazio soprattutto per aver riposto in me la sua fiducia e la sua stima che è assolutamente reciproca.

Ringrazio Carlo Molon e Gianni Gerratana per la loro amicizia affettuosa.

Ringrazio tutta la squadra del Canneto per avermi saputo tollerare con dolcezza mentre imperturbabile continuava a fare il suo dovere in cucina.

Ringrazio Lo Sheraton Malpensa, nella persona del suo direttore Gianrico Esposito, per la generosa ospitalità  con cui ogni volta mi accolgono.

Ringrazio Carlo Vischi…. per tutte le emozioni che sto vivendo in questo momento della mia vita.

Alla prossima

la vostra Pippi

Cuore rosso

16 commenti:

  1. Pippi, hai scritto un bellissimo reportage con tanto entusiasmo e bellissime foto ed hai saputo trasmettere anche a me una grande emozione ....
    Complimenti anche a tutto "il cuore" del Canneto.
    Virginia

    RispondiElimina
  2. Avessi letto questo resoconto 20 giorni fa l'avrei trovato molto bello ed interessante, è sempre curioso conoscere le persone anche dietro al sipario..Ora invece che ho vissuto anch'io questo evento, lo trovo straordinario perchè condivido in pieno quello che hai scritto e le stesse sensazioni..come te ora non riesco più a farne a meno e non vedo l'ora di tornare...
    Morena

    RispondiElimina
  3. Complimenti per le parole cosi' ben scritte ... veramente un bel post. Che belle foto del cibo, ma sopratutto della squadra di Enrico ...

    RispondiElimina
  4. Affascinante questo post ^_^

    RispondiElimina
  5. ...da questo podst traspaio tante emozioni e non vedo l'ora di essere li'!Baci

    RispondiElimina
  6. hai reso omaggio a dei personaggi che sono veramente emblema del lavoro fatto con amore. Fortunata te che li hai conosciuti di persone e grazie x l'onore di averceli presentati

    RispondiElimina
  7. Ciao Virginia si il 'cuore' del Canneto è palpitante te li saluto certamente!! :-)

    semplicemente j. grazie di cuore!! :-)

    Taty grazie!!!

    Lucy ...quando ci sarai??? io parto domani... tu????

    RispondiElimina
  8. Antonietta hai ragione sono davvero il simbolo del lavoro fatto con il cuore e se sono riuscita anche solo un pochino a rendergli omaggio ne sono davvero felice!! grazieee

    RispondiElimina
  9. niente...non posso che confermare quanto ti dico ogni volta che parli di queste cose: è bellissimo, resto estasiata, mi piacerebbe potermi aggirare lì in mezzo come fai tu :)
    Molto bello il tuo reportage, grazie di averlo postato.
    Bibi

    RispondiElimina
  10. Complimenti Pippi per questo meraviglioso reportage! Seguo da un pò il tuo blog e devo ammettere che è un vero piacere trascorrere il tempo con te per le emozioni che sai trasmettere.....Bravissima!

    RispondiElimina
  11. reportage e foto ...strepitosi ...come i protagonisti...!

    RispondiElimina
  12. Ciao! Il tuo blog è davvero bello e le tue foto sono STUPENDE!! complimenti!
    Mi piace molto e mi aggiungo volentieri ai tuoi lettori!
    Sono una dolciaria, mi piacerebbe facessi un giro nel mio blog che sono nuova del giro..
    www.dolcebenessere.com
    Grazie mille!
    Kika

    RispondiElimina
  13. alla faccia del reportage!! assolutamente perfetto! :)

    RispondiElimina
  14. Uff !! avevo scritto un commento chilometrico ma è sparito!..però chissà come mai mi arrivano tutti glia altri..pazienza Laura te lo ripeterò dal vivo!
    ciao ciao!

    RispondiElimina
  15. complimenti per la bellissima esperienza....ma soprattutto grazie per averci reso partecipi con ilm tuo reportage fotografico di questa fantastica avventura...buona notte....

    RispondiElimina
  16. Resto sempre affascinata da quello che scrivi, fotografi, fai! Complimenti! E complimenti a tutta l'equipe "il canneto"! Grazie a te per ora posso solo gustarli con gli occhi le loro bontà, chissà magari in futuro un giro a milano, potrei anche assaggiarli...

    RispondiElimina