giovedì 5 gennaio 2012

Gratin di arance alla crema di mandorle

Mentre parla gesticola con le mani, attorciglia una ciocca di capelli tra le dita, il capo leggermente piegato da una parte. E’ nervosa o forse solo emozionata.

Mi guarda e cerca di farmi capire.

La perdono. Perdono quegli occhi macchiati di mascara, quelle mani così piccole da sembrare mani di bambina. Perdono il suo profilo, irregolare e imperfetto.

Vuole dirmi tutto.

Ed io la perdono. Perdono quel suo bisogno estremo di essere amata. Perdono la sua fragilità, perdono il senso di inadeguatezza che sempre l’accompagna.

Si avvicina al finestrino e spinge lo sguardo lontano da sé. Io la guardo, guardo l’immagine che il vetro mi rimanda e la perdono.

La perdono perché le voglio bene, così com’è.

Prima non lo avevo capito.

Rosa rossa

Per volersi bene ci vuole impegno ma è come imparare a volare.

E per volermi bene ho preparato questo semplicissimo ma raffinato dolce tratto dal libro ‘ Dolci fatti in casa’ di Laurence e Gilles Laurendon – Guido Tommasi Editore.

Ingredienti per 4 cocotte:

3 arance

1 uovo

40 gr di burro a temperatura ambiente tagliato a pezzettini

80 gr di mandorle sgusciate e pelate

80 gr di zucchero a velo

100 ml di panna fresca

Procedimento:

tagliare le arance a fette piuttosto spesse

Eliminate la buccia e la pellicina bianca

in un cutter tritate le mandorle finissimamente ….

In una ciotola mettete il burro ammorbidito e lo zucchero a velo e le mandorle in polvere e lavorate bene fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungete l’uovo continuando a mescolare. In un’altra ciotola montate la panna ed incorporatela alla crema di mandorle con movimenti dal basso verso l’alto.

Imburrate le cocottine  e riempitele con uno strato di crema

adagiatevi una fetta di arancia per ogni porzione ed infornate  a 250° con la funzione grill nel ripiano centrale.

Cuociono in una decina di minuti… si gonfiano e la crema ricopre la fetta di arancia….

buonissimo servito tiepido….

E voi, vi volete bene?

Alla prossima

la vostra Pippi

Occhiolino

23 commenti:

  1. uhhhh...delizia infinita...devo andare a rispolverare quel magnifico libro!
    Un abbraccio e grazie per la meravigliosa ricetta, piena di colore e buonumore

    RispondiElimina
  2. Brava Laura! Sei impareggiabile! Una ricetta prelibata! Come al solito! Forse in serata, mentre aspettiamo che passi la Befana, riuscirò a postare la mia semplice tortina!! Un abbraccio. Ciao Paola!

    RispondiElimina
  3. Simo ciaoooooo!!! si un libro magico da tante belle e buone ricette! :-)

    Paola!!! non vedo l'ora di vedere la tua torta ...tra un viaggio sulla scopa e l'altro ;-)

    RispondiElimina
  4. Se volendomi bene mi merito una di queste cocottine...beh.. mi amoooooooooo :-D Che squisitezza...davvero semplici ma chic! Bravissima Pippi, come sempre!

    RispondiElimina
  5. Fantastic...mi piace molto questo gratin, buona epifania, ciao.

    RispondiElimina
  6. che sublime visione!!!cosi'parto piu'di slancio con la mia scopa!

    RispondiElimina
  7. Dico che devi volerle davvero bene ....io mi rubo al volo una delle tue meravigle.....
    buna befana
    francesca

    RispondiElimina
  8. Si immagina il profumo.... :)

    Non so se sei al corrente che l'aggregatore tzetze.it pubblica le tue ricette reindirizzando i lettori in una pagina che sembra la tua, ma in realtà è zeppa di pubblicità. Puoi leggere i particolarei qui e qui. Ciao :)

    RispondiElimina
  9. ogni volta che passo di qui vedo qualcosa di meraviglioso... le tue foto sono stupende e questo gratin delizioso!

    RispondiElimina
  10. Vorrei dirti di sì senza pensarci, senza neanche tirare il fiato, senza aspettare neanche 10 nanosecondi (più veloce del potenziale d'azione)...ma non è così...il mio volermi bene è un continuo work in progress, è che sono viaggiatrice pure in questo :-D
    Trovo questo dolce meraviglioso, complimenti sei davvero brava.
    Per le foto, che te lo dico a fa'??? Meraviglia e punto.
    Buona Epifania

    RispondiElimina
  11. imparare a volersi bene è una delle cose più difficili da imparare. ci ho messo tanto a volermi bene, ma adesso mi è più facile (e molto più bello) volere bene alle altre persone ^^

    credi che possano venire bene lo stesso senza uovo?
    ciao e buona Befana ^^

    RispondiElimina
  12. Ciao Pippi!
    Passare da te è come entrare in una cucina fatta di splendide energie che si mescolano alla magia dei prodotti della Terra...Le foto sono stupende e rendono in pieno ciò che vuoi trasmettere!In questo inizio d'anno ti faccio gli auguri per tutto ciò che vuoi, ti faccio i complimenti per ciò che riesci a trasmettere con la tua passione e ti ringrazio di condividere la tua energia!!!
    Un abbraccio
    Silvia

    RispondiElimina
  13. volersi bene forse è ancora più difficile :)
    ottimo dolce! Buon 2012!

    RispondiElimina
  14. che delizia!!! voglio provarlo! Buon 2012! Dessi

    RispondiElimina
  15. Deborah :-) vogliamoci bene anche con un pò di dolcezza!!!!

    Max un abbraccio!!!

    Lucy...peccato non ci siamo incontrate nei nostri giri con la scopa... ehheeh

    Francesca...si le voglio bene... mi voglio bene.. :-*

    Antonella ti ringrazio sono andata nel sito ma non ho trovato nulla sul mio blog...riproverò..grazie per la dritta! ;-)

    Ribes e cannella .... grazie!!! un bacione!!!

    Fabiana siamo tutti in un working in progress :-) grazie della tua amicizia!

    .B. l'importante è volersi bene almeno un pò.... non so se senza uova si possa rapprendere....magari metti un addensante naturale... poi fammi sapere! .-*

    Silvia non so cosa dire....grazie per le tue parole...e spero che sia un anno di rinascita per tanti di noi.... lo spero tanto nel frattempo di mando un bacio e un abbraccio :-)

    Gio ..proviamoci!! buon 2012 a te!

    Valentina grazie!!!!!!!!!

    Dessi grazie e buon 2012 a te!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Bellissime parole che fanno tanto riflettere accompagnate da una ricetta che aiuta sicuramente a volersi bene! :-D
    fabio

    RispondiElimina
  17. Ciao Fabio e benvenuto nella mia cucina!!! :-) grazie di cuore per la tua amicizia!

    RispondiElimina
  18. Posso fare una domanda? Volevo preparare la ricetta ma non ho capito perché servono 3 arance se poi se ne usano solo 4 fette. Si utilizza il succo delle restanti nella preparazione?
    Molte grazie per la risposta e per il bellissimo sito.
    Elena

    RispondiElimina
  19. Fantastico questo dolce, originale e mooolto chic...te lo copio!!!

    RispondiElimina
  20. Elena in effetti hai ragione di arance potrebbero bastarne due ma per ottenere delle fette le più larghe possibili per riempire la circonferenza delle mie cocottine ho utilizzato tre arance, ovvio che il resto non l'ho gettato ma me lo sono mangiato :-) no il succo non serve... :-) un abbraccio!

    Giuliana :-) a presto!

    RispondiElimina
  21. Cara Laura, hai ragione, vogliamo bene.
    Io me ne voglio tanto, e mi faccio le coccole da sola.
    Ma ultimamente mi sto arrabbiando anche molto con me.
    Dovrò farmi dei bei discorsetti consolatori.
    E delle belle creme come questa.
    Ma a te te ne voglio io tanto di bene...
    Anna

    RispondiElimina
  22. Annina bella.... tu ti devi voler bene perchè una come te...ma dove la ritrovi?? e io dove la ritrovo una come te ..capito??? riposati e sorridi ...che mi scaldi il cuore.

    RispondiElimina