mercoledì 16 marzo 2011

Cucinando in….Toscana… Massa…a casa di Pippi: Risotto ai porri con salvia fruttata e…la mia valigia

Mi piace viaggiare in treno, si incrociano tante vite, tutte diverse. Incroci occhi nuovi, curiosi o distratti. Donne in carriera, o mamme che vanno a trovare i figli lontani. Pendolari  intristiti dalla quotidianità, studenti che cicaleggiano spensierati. In treno  ci si guarda, ci si 'racconta', si diventa quasi intimi con il proprio vicino di posto. Ascolti, tuo malgrado, le conversazioni telefoniche, ti informi su quale sarà la sua fermata, e ti chiedi se mai vi incontrerete di nuovo.

E c’è sempre qualcuno disposto a mettere la tua valigia sulla cappelliera se ti vede in difficoltà, per poi dirti, spossato dalla fatica e anche un pò sorpreso.....ma che cosa nasconde qui dentro??? Allora sorrido, ammicco ma non rispondo :-)
Come faccio a dire la verità?
Come faccio a spiegare che c'è molto della mia vita lì dentro, a cominciare dal phon?
E' una valigia ingombrante la mia, lo so, mi si incaglia sempre tra le transennine della metropolitana suscitando ilarità.

E' una valigia pesante che trascino ogni volta emozionata, per quello che mi aspetterà al capolinea.
E' una valigia piena di tasche dove riporre ogni mio più piccolo segreto.
C'è la mia morbida sciarpa rosa che è come una coperta di Linus. C'è un libro che sto finendo e uno che vorrei iniziare. C'è l'agenda di lavoro e un piccolo block notes, se mi venisse voglia di prendere qualche appunto. C'è un regalino per una persona cara e magari anche un pacchetto dei miei crackers fatti con la pasta madre. Ci sono i miei vestiti...quasi tutti, e le mie calze, perchè l'insicurezza regna nella mia persona. C'è la trousse e tutte le mie creme e l'olio per il corpo e quello per i capelli.

Ci sono dei sogni lì dentro, leggeri, impalpabili, timidi e riservati ma che riempiono tutti gli spazi vuoti di quella valigia.

Con la lingua fuori

Per festeggiare l’Unità d’Italia Riccardo, Valentina e Lory di Cucinando hanno pensato che sarebbe stato carino proporvi un’Italia Unita a tavola presentandovi ricette della tradizione della nostra bella penisola.

italia a tavola

In realtà, dato che io sono un incrocio tra tre diverse regioni: Toscana, Liguria ed Emilia ho pensato di proporvi un risotto tipico…di casa mia Occhiolino.

Ingredienti:

200 gr di riso carnaroli.

400ml di brodo vegetale

2 porri piccoli

salvia ‘fruttata’ o dal fiore rosso

olio extravergine

1/2 bicchiere vino bianco

sale e pepe

cacioricotta

Procedimento:

Tagliate i porri a rondelle sottili che sciacquerete sotto l’acqua corrente.

Nella pentola a pressione con un filo d’olio fate stufare leggermente le rondelle di porro, poi versare il riso e fatelo tostare bene. Sfumate con il vino bianco, farlo evaporare bene, aggiungete il brodo vegetale, aggiustate di sale.

Chiudete il coperchio della pentola a pressione e a fiamma sostenuta aspettate che ‘salti’ fuori il secondo anello arancione, da questo momento, abbassate la fiamma al minimo e contate 3 minuti.

Trascorso il tempo di cottura spegnete la fiamma e fate sfiatare il vapore, aprite il coperchio per mantecare il risotto con l’olio a crudo,

il pepe e una bella grattugiata di cacioricotta

Come tocco finale staccate delle foglioline di questa stranissima salvia dal fiore rosso e dal sapore di ananas, tritatele e aggiungetele al risotto per profumarlo di fresco.

Tenetelo un minuto a riposo dopo la mantecatura e servitelo in modo carino perchè anche l’occhio vuole la sua parte… ma senza esagerare.

Buona festa dell’Unità d’Italia a tutti!!!!

Alla prossima

la vostra

Pippi

Occhiolino

24 commenti:

  1. incantevole!
    si,decisamente incantevole questo risotto!
    mi piace l'abbinamento sapori,i colori ed il tipo di cottura!
    bravissima!
    piatto sublime,da provare!

    RispondiElimina
  2. io rimango incantata dalle tue foto prima della ricetta, dal tuo racconto della valigia e da questa meravigliosa ricetta! questa salvia mai vista! al gusto di ananas? pazzesco! bacii

    RispondiElimina
  3. Sublime questo risottino...e bella la tua valigia, piena di...te!
    Baci grandi

    RispondiElimina
  4. Che raffinatezza e delicatezza! e che sapori! complimenti :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. E a me, piace, essere al capolinea di quel treno, accogliendoti con un sorriso, e abbracciandoti stretta stretta!!!
    La tua non è una valigia normale...ma una valigia magica...come la borsa di Mary Poppins ; )
    Bello il tuo riso Pippi, evviva la nostra bella Italia <3

    RispondiElimina
  6. Risottino da favola con racconto annesso altrettanto magico e soprprendentemente ricco ed unico....come te ;-)

    RispondiElimina
  7. Ogni tuo post è una poesia!
    Anche se, io ,ogni tanto, faccio il pendolare per andare a lavorare...e purtroppo il viaggio spesso, mi sembra molto meno romantico ;-)Secondo me tutto dipende del perchè sei su quel treno, qual'è la tua meta..
    Bravissima come sempre,
    un abbraccio
    Aniko

    RispondiElimina
  8. Nella mia valigia ci sono solo pochi essenziali vestiti, il phon non sempre per ragione di ricci, libri si, sempre e più di uno.
    Ma pesa lo stesso. Perchè sono tanti i sogni che porto sempre con me e i mille progetti che ben conosci.
    E la nostalgia dei posti che lascio e delle persone che vorrei portare sempre con me.
    Che bella e buona lauretta, questa ricetta....
    Tò ho fatto pure la rima.
    Un bacetto
    anna

    RispondiElimina
  9. Bello e buono questo risotto...e buon 150esimo!!!!!!

    RispondiElimina
  10. originale e delizioso!
    gnamm=)
    baci
    MMM
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Molto original...perfetto nell'armonia dei sapori che completano la struttura unita ai profumi leggeri per un gusto perfetto...ciao e non mi nominate treni!!! grazie.

    RispondiElimina
  12. Ti ci vedo, ''impacciata e ridanciana'' con la tua valigia extra large.
    Io al contrario, di te, non amo viaggiare da sola. Mi fa sentire ancora più sola.
    Buono il tuo risotto, bello il tricolore finale e stuzzichevole (si dirà così ?) la salvia fruttata che non conosco.
    Bacio :-)

    RispondiElimina
  13. Laura cara, aspetto sempre con ansia i tuoi meravigliosi post! Mi pare di vederti mentre, a fatica, sob sob, trascini la tua valigia piena di te e dei tuoi sogni...mi piacerebbe incontrarti in qualche luogo, in qualche tuo viaggio: Napoli magari, potrebbe essere mai??? :-)
    Buono il risotto, anche se io ho paura della pentola a pressione (brutta esperienza di un po',di tempo fa)...ma questa salvia poi?? splendida!
    Baci fortissimi

    RispondiElimina
  14. la valigia è come chi la porta bella e sorridente.
    finalmente potrò utilizzare la salvia ananas che non sapevo che farci

    RispondiElimina
  15. Amo viaggiare in treno come te e uno dei prossimi fine settimana vorrei portarci anche Vicky l'Uvetta per la prima volta, viaggiare arricchisce gli animi ed è bello guardare ciò che ognuno di noi custodisce nella propria valigia.
    Buon compleanno Italia con un risottino così c'è davvero da festeggiare!
    Un abbraccio
    Uva e Fico

    RispondiElimina
  16. evviva la tua valigia piena :D
    ma anche i tuoi viaggi, arricchiscono sempre lo so!
    :*
    le tue preparazioni sono sempre spiegate con una grande tecnica grazie per questo risotto ciavurusu alla salvia speciale,
    ma sono qui anche per unirmi a te in questa giornata fantastica, memorabile!
    Viva l'Italia Unita :*
    cla

    RispondiElimina
  17. il risotto è squisito, ma la valigia ha la meglio!!!Sei troppo brava!

    RispondiElimina
  18. cara Pippi, come vorrei saper scrivere come te...mi fai subito sentire in sintonia...sei poetica, viva, dolcissima e ammiccante.. naturalmente mi sento molto "unita" a te....oltre che all'Italia.

    RispondiElimina
  19. Anche io amo i viaggi in treno, l'ho sempre trovato molto romantico e ispira profondi pensieri. La salvia fruttata non la conosco.. devo aggiornarmi!

    RispondiElimina
  20. Complimenti per questo risottino delizioso!!! Bellissima presentazione e foto stupende!!! Un bacione...

    RispondiElimina
  21. Ciao, le tue foto raccontano i profumi di casa. Sono fatte molto bene e la salvia fruttata è un vero incanto: complimenti,

    RispondiElimina
  22. Che belle foto cara Laura, e che belle parole..... e che meraviglia i viaggi, anche se brevi...
    Ottimo risotto, devo comprarla sta benedetta pentola a pressione.... ;)))

    RispondiElimina
  23. Da buon milanese storco il naso vedendo un risotto fatto con la pentola a pressione. Però le tue foto sembrano proprio volermi dare torto. Il sapore? Mi sa che rende... Mi toccherà provare!

    RispondiElimina