giovedì 6 maggio 2010

Pane integrale e germe di grano al profumo di rosmarino (lievitazione naturale)

Pane integrale e germe di grano al profumo di rosmarino (lievitazione naturale)

Ebbene si ancora pane…… Daniela*  ti prego non  arrabbiarti!!!

(*la mia cuginastra spezzina)

Mi piace molto questa iniziativa  di Rossdibi del blog Ma che ti sei mangiato….. come  potevo non partecipare…..io……………..

…..che adoro fare il pane: adoro prendermi cura del mio ‘blob’ (pasta madre), controllare che sia sempre in forma e arzillo, mi piace annusarlo quando apro il contenitore, ormai so riconoscere quel suo particolare ‘profumo’ di spumante che mi inebria, leggermente acido ma non troppo, mi piace guardare  la sua ricca alveolatura che promette ancora una volta  un  pane ben lievitato,  adoro provare a mescolare le farine, le  erbe aromatiche, mi piace impastare, affondare le mani in quella massa morbida ed elastica, mi piace sentire quel profumo  che inonda la casa quando il pane cuoce nel forno, mi appaga tirare fuori dal forno, ogni volta, una bella pagnotta croccante e fragrante tanto che non resisti e ne stacchi subito un pezzettino ancora caldo … perchè è troppo buonaaaaaaa….

Non bisogna essere particolarmente abili e sapienti per fare il pane a lievitazione naturale. Molti si spaventano quando cerchi di spiegare il ‘meccanismo’ che ci sta dietro, ti guardano con occhi stupiti,  a volte rapiti…ma quando poi lo assaggiano….. è veramente differente…..sa di pane, ecco, tutto qui.

Ogni persona ha poi un modo differente di affrontare la cosa: io, che sono una personcina semplice e poco complicata, ho cercato di adattarla alla mia personalità…e ai miei ritmi: rinfresco la pasta madre una volta alla settimana avendo cura di tenerla a riposo in frigorifero e di svegliarla qualche ora prima di panificare, panifico in genere il sabato mattina o al massimo all’ora di pranzo in modo che prima di andare a dormire la sera  ho già sfornato la mia profumatissima pagnotta.  Panifico solo se posso dedicargli il tempo (non troppo in realtà) e la tranquillità (quella si) che gli è dovuta….non si può impastare se hai fretta di uscire a fare shopping perchè, anche se hai l’impastatrice, un ultimo tocco con le mani sulla spianatoia, secondo me, è di vitale importanza, le ‘pieghe’ renderanno il tuo pane più soffice e ben lievitato.  Un pò di pazienza e, soprattutto amore in quello che fai, sono gli ingredienti giusti per ‘creare’ un buon pane,  e la soddisfazione che si prova quando vedi i tuoi commensali che per merenda se lo ‘sbaffano’ con burro e marmellata…. credetemi, niente ti può ripagare di più!

rosmarino in fiore  Ecco gli ingredienti per questa pagnottona integrale:

450 gr farina integrale biologica

50 gr di germe di grano (in genere se ne aggiunge un 5% per arricchire l’impasto del pane, pizze e focaccia favorendone anche  la lievitazione)

250 gr pasta madre

350 gr di acqua tiepida

1 cucchiaio di olio evo

1 cucchiaino di malto d’orzo

1 cucchiaino e 1/2 di sale

una manciata di rosmarino tritato

Procedimento:

1) la sera prima tolgo la pasta madre dal frigorifero e la metto a riposare per risvegliarla nel forno spento, la mattina sarà aumentata ancora di volume e si srà riempita di nuovi alveoli.

2) la mattina prelevo dalla pasta madre la quantità necessaria per il pane, in questo caso 250 gr circa. La metto nella ciotola del kenwood e aggiungo una parte di acqua tiepida cercando di scioglierla bene.

3) aggiungo l’olio e il malto mescolo per bene.

4) aggiungo la farina mescolata con il germe di grano e il rosmarino tritato ( o altra erba aromatica) comincio ad impastare con il gancio a velocità minima aggiungendo lentamente altra acqua (preferibilmente filtrata). La quantità di acqua è sempre  indicativa l’importante è aggiungerla poco alla volta fino alla giusta consistenza.

5) il sale si aggiunge dopo circa 5/10 minuti che si impasta si prosegue per un totale di circa 20 minuti.

6) trasferisco delicatamente l’impasto  un pò morbidoso sulla spianatoia infarinata e comincio a sbatterla ripiegandola su se stessa  per un pò di volte energicamente e ritmicamente, la sbatti e la pieghi, la giri e ancora la sbatti e la pieghi e la giri……… poi ne faccio  una palla che metterò in una ciotola di vetro o di coccio coperta con telo di lino e copertina di pile.

7) trasferisco il tutto dentro il forno con la sola lucina accesa così sono sicura che lieviterà ad una temperatura costante.

8) questa prima lievitazione dura 4 o 5 ore non di più.

9) prendo l’impasto e ancor più delicatamente lo capovolgo sulla spianatoia infarinata, ecco questo è il momento delle pieghe :-)

10) do la forma alla pagnotta la ripongo sulla teglia ricoperta di carta da forno infarinata con semola, faccio i talgi al pane, altra spolverata di semola, copro di nuovo con telo di lino e copertina e di nuovo al caldo nel forno con la lucina accesa. Questo solo per 2 ore e 1/2 massimo 3 ore.

11) scaldo il forno a 230° ( con ciotolina di acqua  per creare un ambiente umido), inforno i primi 15 minuti a questa temperatura e poi abbasso il forno a 180/200° avendo cura di capovolgere il pane per farlo cuocere bene anche sotto.

12) il pane è cotto quando  picchiando il fondo con un cucchiaio di legno avremo un suono sordo o vuoto.

E’ un pane molto rustico, saporito e profumato da provareeeeee!

profumato e saporito1

Buttatevi in questa esperienza !

Alla prossima

Pippi

:-)

23 commenti:

  1. questo pane è uno spettacolo a vedersi...chissà che buono!!! bravisssssimaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  2. Mamma mia Pippi che bello che è....e chissà che buono....

    Un sorriso
    Tatti

    RispondiElimina
  3. Grazie per partecipare a "Storie di lievito madre".
    La foto cattura moltissimo, non saprei scegliere tra il pane, il LM e il rosmarino in fiore :) Hai raggiunto un picco di poesia con questo post

    RispondiElimina
  4. ...che bella storia...di pane...
    E' una pagnotta magnifica..la voglia di iniziare col lievito madre mi è venuta anche grazie a te, ricordi?!
    Pippi ma dove trovi il germe di grano?
    Mi hai incuriosita...

    RispondiElimina
  5. Ma che bella pagnottella!!!!! e stupendo il rosmarino in fiore!!!! smack e buona giornata :-)

    RispondiElimina
  6. Ecco un bel pane, di quelli integrali e con i smeini..come li preferiamo noi!! e profumatissimo!!
    bravissima!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. dev'essere speciale questo pane!profumatissimo!:)
    buona giornata

    RispondiElimina
  8. I pani più belli sono sempre i tuoi Pippi!!!!Complimentia ncora bacioni "mammina" di lievito madre ;)

    RispondiElimina
  9. Bello il pane e bellissime le foto! Non ho il coraggio di impegnarmi nella gestione del lievito madre, sono troppo disorganizzata e incostante!! Però sono giorni che non trovo il lievito disidratato al super... che sia un segno?

    RispondiElimina
  10. spettacolare il tuo pane!
    Il mio lievito è ancora ibernato in frizzer...

    RispondiElimina
  11. Pare di sentirne il profumo fin quassù :) ... Complimenti anche per il post :)
    baci

    RispondiElimina
  12. bhe la penso proprio come te in quanto a pasta madre...anch'io osservo tutti i suoi movimenti e non faccio alro che, negli ultimi tempi sorvegliare e rinfrescare ho pochissimo tempo da dedicare ad impastare e mi dispiace molto...ancora un po' e la voglia é grande di fare questo tuo pane che mi dà l'impressione di un'abbraccio ^^

    RispondiElimina
  13. Raffy: grazie è un pane molto saporito! :-)

    Tatti: grazieeeeeee !! un bacio!

    Rossella sei troppo buona con me !
    :-) grazie infinite!

    Simo: certo che mi ricordo!! :-) il germe di grano l'ho comprato all'esselunga! un bacio

    Claudia: :-) ;-)

    Manuela e Silvia: anche a me piace il pane un pò rustico !

    Cris: un bacione e grazie!!! :-)

    Saretta bella, sei troppo carina con me...ma anche tu sei una degna mammina di pasta madre! :-)

    Lucia.... bisogna buttarsiiiii !! buttati daiiii!!!!!!

    Marta: non ho mai congelato il lievito madre magari poi mi spieghi come si fa!

    Federica: grazieeeeeeee!!!!!

    Antonella arriva fin lassù??? grazie un bacione !!

    Mariluna grazie per questo tuo commento :-)anch'io a volte devo soprassedere per mancanza di tempo o impegni vari l'importante è non perdere il piacere di panificare! un bacione!

    Baol ciaooooo !!!! ;-)

    RispondiElimina
  14. Questa pagnotta è di una perfezione commuovente!
    e i tuoi consigli davvero utilissimi!Grazie mille!!!

    RispondiElimina
  15. Devo complimentarmi per le ricette stupende le foto davvero eccezionali e il glog, unico
    I miei complimenti, piacere di conoscerti Maurizio

    RispondiElimina
  16. UnaZebrapois: spero siano utili a tutti quelli che pensano di avvicinarsi a questo modo di fare il pane! un bacio

    Maurizio: non posso che ringraziarti davvero di cuore!! :-)

    RispondiElimina
  17. Pasta madre...pasta madre...mah ! L'avevo e si è suicidata, mi tenta sempre ma poi desisto. Ora non ci provo perchè tra poco si fa avanti e in dietro per il mare tutta estate...magari a Settembre !!
    Il tuo pane è sempre una meraviglia, ti vedo nella tua cucina a impastare godendo di ogni minuto.
    Brava Pippi, un bacione grande :-)

    RispondiElimina
  18. Il pane fatto in casa è sempre un piacere....questo sarà profumatissimo... Che brava!

    Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  19. sarà fotografato anche bene ma è proprio venuto bene ne immagino il profumo il rosmarino gli da quell'aroma in più che non dispiace, complimenti

    RispondiElimina
  20. Questa pagnotta è talmente perfetta, talmente bella da vedere che ci domandiamo se riusciremo mai a sfornare qualcosa di simile! Per quanto panifichiamo quase tutte le settimane non siamo così bravi, sarà che non usiamo il lievito madre e lo so che questo è una grave mancanza! Finora stiamo lavorando con il lievito madre essiccato, ci troviamo bene, ma il nostro sogno è quello di arrivare ad avere anche noi il nostro blob di cui prenderci cura! Intanto ci annotiamo tutto!
    Buona domenica da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  21. Looks wonderful!
    Sembra meraviglioso!

    RispondiElimina