venerdì 2 maggio 2008

Quenelle di ricotta al caffé "corretto"

Mio padre, golosissimo, doveva sempre finire i suoi pasti con un dolcino, poteva essere una fetta di torta, un pò di gelato o persino un biscotto inzuppato nel vino rosso (lui adorava i tarallucci ). Questo dolce così semplice mi ricorda un periodo bellissimo della mia vita..... quello che ho passato con lui....... potrà sembrare sciocco ma il suo ricordo è legato indissolubilmente a certi sapori, a certi profumi, e a certe pietanze che lui amava preparare insieme a mia madre.....e badate bene che non sono assolutamente ricordi tristi ma pieni di gioia così come gioioso, solare e amabile era lui. Ecco perchè ogni tanto mi piace preparare alcune cose che lui adorava tanto. Questa è una di quelle ........... è come se lo avessi davanti agli occhi...... in cucina, gli occhiali un pò calati sul naso, metteva la ricotta in una ciotola capiente con lo zucchero, se laportava in grembo come facevano le donne di un tempo e mescolava forte, forte con il cucchiaio di legno per renderla cremosa e morbidissima, aggiugeva qualche cucchiaiata di caffé macinato ( a lui piaceva comprarlo in torrefazione) che profumo!!!!! e poi tocco finale.....solo per gli adulti................ un goccino di grappa .........
Ecco io ho solo voluto proporla in una veste un pò più raffinata e moderna, ma la sostanza è quella..... so che come ricetta non è niente di così sorprendente.........ma il suo sapore ....... per me è sapore di papà!
Un bacio a tutti alla prossima!

33 commenti:

  1. Pippi sei un amore, davvero. Ognuno di noi porta con se una serie di odori e di sapori che sono indiscutibilmente legati all'infanzia. Proust e la sua Madeleine insegnano da tempo. In ogni blog, in ogni sito di cucina, viene raccontato un piatto particolare, magari banale ma che nella sua semplicità, raccoglie un mondo intero. un bacino

    RispondiElimina
  2. questo lo copio subitissimo al ritorno dal pic nic compro la ricotta e stasera lo faccio!
    grazie
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Grazie Lale sei sempre carina con me!
    Dai Manu provala e poi fammi sapere se vi è piaciuta!

    RispondiElimina
  4. Sorprendente!
    Buon week end
    Bacioni Fra

    RispondiElimina
  5. Pippi, che bello quello che hai scritto! Buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. Bellissime e cariche d'affetto, brava Laura, un bacione Elga

    RispondiElimina
  7. slurrrrrp! cara pippi, se sei la bella persona che dimostri di essere lo devi anche a lui :) un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Che meraviglioso ricordo, brava!!

    RispondiElimina
  9. che dolce che sei....questo dolcino è davvero semplice e delicato e per questo deve essere buonissimo...un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  10. che tenerezza il tuo racconto ^_^ sei dolcissima :) proprio come questa ricetta! un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Perche' dici che la ricetta non e' nulla di sorprendente ? A me piace, la immagino presente alla fine di un pranzo con i nonni. E poi mi piace leggere queste emozioni, personali ma comuni a molte. Ciao Pippi, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Pippi,
    ti dico solo
    BRAVAAAAAAAA.
    Può sembrare poco ma......
    Ciao Bacio
    Nino

    RispondiElimina
  13. i dolci più semplici sono anche i più buoni secondo me, soprattutto quando sono legati ai ricordi..un abbracci. lety

    RispondiElimina
  14. @ fra: buon weekend anche a te!!!
    @ nepitella: un bacio a te e grazie!
    @ Elga : un bacio a te e a presto
    @salsadisapa: spero davvero di aver preso qualcosina da lui! grazie!
    @anicestellato: sì hai ragione è un ricordo fortissimo e soprattutto indelebile!
    @ annamaria: semplice e buono davvero!
    @arietta: grazie unbacio a te e buon weekend!
    @emilia: hai ragione in fondo tutti noi abbiamo dei ricordi che ci portiamo nel cuore e 'raccontarli', almeno per me, ècome riviverli!
    @Nino: ti ringrazio......non è assolutamente poco anzi !!!!
    @lety: hai ragione e poi non stancano mai!!
    un bacio a tutti di cuore

    RispondiElimina
  15. Ciao Pippi, apro il tuo blg e mi ritrovo questa delizia !!!! Complimenti ti linko subito!
    Baci Laura

    RispondiElimina
  16. che tenera quest'immagine che ci regali del tuo papà..sei dolcissima..un bacio

    RispondiElimina
  17. Ciao Pippi, quante splendide ricette, quante cose buone. I tuoi piatti hanno un aspetto meraviglioso, bravissima. trovo anche delle splendide ricette di pesce, che adoro, per non parlare dell'agnello o dello stinco...mi sta già venendo fame, il che è preoccupante vista l'ora. Anche io passerò spesso a curiosare. Ciao e buona domenica. :))

    RispondiElimina
  18. Ricambio la visita con molto piacere. Trovo che quello che tu hai descritto sia uno dei molti aspetti interessanti della cucina: una pietanza, anche quella più semplice, può portare con se mille ricordi.
    Complimenti per il blog e per le ricette da te postate!
    Bacioni, GG

    RispondiElimina
  19. Ciao,

    siccome non riesco a trovare una email per contatti, ho pensato che fosse il caso di lasciare un commento.

    Mi chiamo Roberto e, prima di tutto, complimenti per il blog!

    Insieme ad un gruppo di amici appassionati di cucina e stiamo aprendo un aggregatore web di blog dedicati alla cucina, finalizzato alla diffusione e divulgazione di informazioni inerenti il mondo culinario.

    Appena entrerà a regime, secondo le previsioni, convoglierà parecchi visitatori verso i links dei blog partecipanti.

    Ti interessa partecipare con il tuo blog?

    Visita il link http://cucina.ilbloggatore.com per saperne di più.

    Per contattarci, puoi utilizzare la comoda pagina web disponibile nella sezione "Contattaci" del portale.

    Ciao e a presto!

    RispondiElimina
  20. Bellissime!!!!!!
    un bacio Valeria

    RispondiElimina
  21. tenerissime come l'immagine del tuo papà, buona domenica!

    RispondiElimina
  22. Un bellissimo ricordo...

    un bacio grande

    Grazia

    RispondiElimina
  23. una ricetta della memoria. la dico sottovoce... a mio nonno preparavo la ricotta fresca con la polvere del caffè e un goccio di rhum invecchiato. saluti, af

    RispondiElimina
  24. Come sei tenera ,piccolo fiore, e la quenelle è bellissima
    Ciao
    Grazia

    RispondiElimina
  25. è dolcissimo il tuo ricordo legato a questa rictta... grazie x averlo condiviso con noi!
    1 bacio
    katia

    RispondiElimina
  26. Pippi cara, sei dolcissima!!!Il ricordo di tuo padre, E' un'immagine meravigliosa. :-)

    RispondiElimina
  27. CIAO NN L HO MAI FATTO DEVE ESSERE BUONA PROVERò A FARLO.
    BACI
    VERONICA

    RispondiElimina
  28. Ciao Pippi, sono tornata!!!
    Che bello quando ad una ricettina si associa qualche dolce ricordo....
    tu poi sei quasi poetica nel raccontarlo!!!
    Un abbraccione
    Simo

    RispondiElimina
  29. Un dolcissimo ricordo..queste ricette sono quelle a cui non rinunceremo mai..
    Un bacione!

    RispondiElimina
  30. Grazie a tutti voi !
    sono felice di aver condivo con voi un ricordo per me così dolce, un ricordo un'immagine che serbo nel mio cuore e parlarne aiuta a non dimenticare!
    un bacio a tutti!

    Poi volevo ringraziare Roberto de il bloggatore e accetto con piacere l'invito!!!!!!

    RispondiElimina
  31. Che bello questo tuo ricordo Laura! La crema strabiliante, la voglio fare pure io. Se fossi in Italia andrei a comprare il caffe' alla torrefazione. E' profumatissimo. Mia madre a Natale me lo manda con altre cosine buone....quanndo non torno per le feste eh... Se ci pensi questo dessert e' anche molto leggero...ideale in questi giorni...per me voglio dire....che cerco di mantenermi leggera...
    Un bacio e ti stringo forte forte :**
    daniela

    RispondiElimina