giovedì 13 novembre 2014

Ciambella mele e cannella

ciambella mele e cannella

(leggi e ascolta con me)

(Strano come, senza musica, le parole non arrivino e rimangano ancorate ad un pensiero che fa fatica a prendere forma, poi bastano due cuffiette che fanno scivolare le note dentro di te, nel profondo, e il gioco è fatto.)

Stamattina ho preso il treno, direzione Pisa. L’orario, quello tipico degli studenti universitari.

Seduta sull’unica panchina al sole, quella vicina alla vasca dei pesci rossi ormai vuota, osservavo i ragazzi che piano piano animavano la banchina: zaini lisi e rigonfi di libri e dispense, borse di tela portate a tracolla, scarponcini di camoscio, scarpe da tennis o stivaletti con i tacchi consumati e fibbie enormi, qualche sporadica minigonna, tanti giubbotti stretti stretti in vita, pantacollant o pantaloni larghi lasciati cadere sui fianchi “come se non ci fosse un domani”; qua e là sigarette fumose strette tra dita laccate, cellulari che ‘fischiettano’ in continuazione e mani agilissime che rispondono in un nano secondo, code di cavallo, riccioli ribelli o lunghe trecce rasta che incorniciano un viso angelico di bambino e piercings elegantemente portati sul sopracciglio o svelati, da un’improvvisa risata, incredibilmente appesi alla gengiva. Si aspettano nel loro punto di ritrovo sulla banchina, al di qua della fatidica linea gialla.

Mi incanto a guardarli. Sono belli. Puliti. Solari.

E forse, più di 25 anni fa, ero esattamente come loro su quella banchina, al di qua della linea gialla.

Non riesco a staccare lo sguardo da quei giovani e mi emoziono. Alcuni di loro potrebbero essere figli miei e penso a come sarebbe stata la mia vita se le cose fossero andate in modo diverso.

Ma non ho risposta.

Poi mi guardo: pantacollant, scarponcini di camoscio, giubbotto stretto in vita, borsa a tracolla e le cuffiette che mi travasano note a non finire giù nel più profondo e sorrido.

La vita è come è.

Rosa rossa

Ancora una torta di mele direte voi, ebbene sì, le mele in cucina si coniugano in mille modi diversi ma il risultato è sempre qualcosa di incredibilmente pieno d’amore.

ciambella mele e cannella

Il fantastico libro da cui è tratta la ricetta di oggi è California Bakery di Alessio Baù edito da Guido Tommasi, più che modificare ho semplicemente omesso la crema al burro presente nella ricetta originale per avere la sensazione di averla alleggerita.

Ingredienti:

2 mele rosse

2 cucchiai di zucchero

succo di 1/2 limone

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

per l’impasto:

235 gr farina

8 gr lievito

una presa di sale

200 ml olio extravergine dal sapore delicato

225 gr zucchero

125 gr yogurt al naturale

2 uova

la scorza grattugiata di un limone

zucchero a velo per decorare

ciambella mele e cannella

Preparate le mele: sbucciatele, eliminate il torsolo e tagliatele a fettine sottili. Raccoglietele in una terrina, cospargete con lo zucchero, la cannella e il succo di limone, mescolate bene e lasciate riposare.

In un’altra terrina lavorate con il frullino elettrico l’olio, lo yogurt e lo zucchero per ottenere un composto omogeneo, unite le uova una alla volta continuando a montare con il frullino e per ultimo aggiungete un pizzico di sale e la scorza del limone grattugiata.

Setacciate la farina con il lievito e raccoglietela in una ciotola, incorporatevi gli ingredienti liquidi poco alla volta lavorando con una spatola.

Imburrate con generosità uno stampo a ciambella e versate metà dell’impasto, distribuite le mele e anche il succo che hanno nel frattempo formato nella ciotola, ricoprite con l’altra metà dell’impasto  e infornate a 160° e cuocete per 45 minuti circa.

 

Non serve che vi dica che è una torta deliziosa per la morbidezza e per quel profumo di cannella e limone che esalta il gusto delicato delle mele racchiuse nel suo cuore.  Non a caso.

ciambella mele e cannella

E’ decisamente il mio dolce preferito.

ciambella mele e cannella

Una fettina?

ciambella mele e cannellaciambella mele e cannellaciambella mele e cannella

with love

Pippi

Cuore rosso

13 commenti:

  1. "La vita è come è", quanta verità in pochissime parole... una verità matura, che si conquista pian piano, forse proprio quando il tempo passa e riusciamo a capirlo... ci sono cose che non arrivano o semplicemente non succedono, oppure al contrario succedono e cambiano il corso degli eventi... ma tutto può essere ricchezza e tutto va vissuto, sapendo che da quello possiamo (ri)partire e stare bene...
    Vedi, mi fai fare riflessioni importanti, è bello questo... :-)
    Non mi ripeto più su quanto ami le tue ricette e le tue foto, lo sai già e lo confermo ad ogni post...

    RispondiElimina
  2. Mi vien voglia di mangiarla, la torta di mele è il moo dolce preferito!
    la vita...va da sola, a volte alcune cose arrivano troppo presto, e in altri casi troppo tardi, altre volte non arrivano mai...c'est la vie!!!
    Un bacio e sei sempre bravissima!

    RispondiElimina
  3. Non si rifiuta mai una fettina da te, neanche a quest'ora... Ma quanto è adorabile quello stampo??? <3 <3

    RispondiElimina
  4. 'La vita è come è'...bellissimo Laura, mi hai fatto davvero emozionare con questo post ^_^
    Questa ciambella ha tutto qu<3ello che mi piace...adoro le mele in questa stagione in particolare, le metterei ovunque e la cannella, la cannella...la amo!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  5. un dolce semplicemente meraviglioso...da fare quanto prima.
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  6. Non vale. Non vale. Non vale. Non è giusto non avere mai abbastanza tempo da dedicare alle letture e al piacere di vedere post così belli come questo. Però mi consolo sapendo che ogni volta che passo da te trovo qualcosa di veramente speciale. fatto con il cuore. perché queste ricette e queste foto sono fatte con il cuore. ti abbraccio simo

    RispondiElimina
  7. Troppa verità nelle tue parole :-)
    Torta stupenda e gustosa, di quelle che profumano di casa e riportano a ricordi felici ^_^
    Felice we <3

    RispondiElimina
  8. Stavo cercando una torta che prevedesse l'uso di mele e yogurt ... e nella posta trovo la tua ricetta ... un segno del destino! Devo apportare delle modifiche, ma tra poco la preparo! Grazie mille!

    RispondiElimina
  9. deliziosa la torta,il libro e le foto complimenti

    RispondiElimina
  10. Molto belle leggerti...le tue fotografie poi sono meravigliose...ti seguo sempre con tantissimo piacere...e questa torta finisce tra i miei preferiti :)
    Un caro saluto
    Ila

    RispondiElimina
  11. Seduta su quella panchina ne hai viste di cose...cose che normalmente non ci si fa caso, ma tu no, le hai catturate (sarà per deformazione professionale) una ad una e ne hai fatto un racconto dettagliato. Non sempre c'è una spiegazione Laura, dici bene...ma questo lo insegni tu a me....Notte dolcissima Laura.

    RispondiElimina
  12. Dimenticavo....ok mi hai convinta, comprerò il libro, anche se avevo giurato di smettere... :P

    RispondiElimina
  13. mamma mia che belle queste foto...
    fanno venire una pazzesca voglia di quella bellissima ciambella
    personalmente i dolci con le mele sono quelli ai quali non so proprio resistere!

    RispondiElimina