sabato 27 febbraio 2010

Fregola al mirto con pistacchi e petali d’aglio di Attilio Vannucci

 

Ieri ho provato la sensazione strana di  come ci si senta improvvisamente vulnerabili e goffi ………senza più il tacco ad una scarpa………. ;-)

Detta così sembra una stupidata, però immaginatevi la scena: voi che camminate tutte impettite e anche un pò gongolanti, quasi compiaciute per come stanno andando le cose nella vostra vita in generale, la dieta, il lavoro…… Siete lì che vi state godendo il cappottino nuovo che sfina la silhuette, l’occhiale  da sole  che vi dà un’aria da donna in carriera, anche se a casa vi aspetta il pane da infornare, il taglio del capello che regge anche nelle giornate umide e piovose, la scarpa nuova che slancia la figura, camminate tra la gente così leggiadre, con quel passo quasi felino da femme fatale, pensando a come state bene  con voi stesse oggi, in effetti, riflettete, è un pò che non vi sentivate così in forma……poi sul più bello, proprio mentre accennate un saluto con aria fiera e consapevole al tipo che vi sta sorridendo  ………TRAC! Finita la poesia! Il tacco caput! Cazzarola…stavo andando così bene… mi dico tra me e me…. ora il cappotto comincia a  tirarmi  in vita, l’occhiale da sole, con le stanghette un pò troppo larghe,  mi scivola da sopra il naso, il capello si affloscia senza più nervo, zoppico e maledico, a bassa voce, chi mi ha venduto le scarpe !!

Ma, disavventure a parte, tiriamoci su con questo piatto di fregola (una pasta sarda) che ho scoperto da poco e che non lascerò più. Ovviamente la ricetta l’ho imparata al corso di cucina e così ve la ripropongo ;-)

Ingredienti per 4 persone

300 gr. di fregola media

olio evo

poco burro

2 spicchi di aglio

due rametti di mirto fresco

1/2 cipolla bianca

100 gr di pistacchi sgusciati

brodo vegetale

un pochino di latte

parmigiano reggiano

 

 

 

Procedimento:

1) Per prima cosa  preparate l’aglio: tagliate i due spicchi con la mandolina o comunque a fettine molto sottili, gettateli in un pentolino con dell’acqua bollente e fateli scottare un paio di minuti, scolateli e ripetete questa operazione, cambiando ogni volta l’acqua, per 3 volte, la quarta volta sostituite l’acqua con un goccino di latte, scolate di nuovo i petali di aglio e tamponateli con carta da cucina. Li friggerete all’ultimo in olio di arachide e li utilizzerete per decorare i piatti.

2) In una casseruola  mettiamo dell’olio evo e una noce di burro, poco  aglio a fettine e 1/2 cipolla bianca tagliata sottilmente, facciamo andare leggermente  e poi aggiungiamo la fregola come se fosse risotto, la facciamo tostare bene e poi aggiungiamo il brodo vegetale proprio come si fa con il risotto (cuocerà in circa 12/15 minuti).

3) Cinque minuti prima della fine cottura aggiungete, tra i chicchi di fregola, i rametti di mirto ben lavati ed asciugati, daranno un tocco inconfondibile. Portate a cottura.

4) Mantecate con un pezzetto di burro, parmigiano reggiano, pepe, dei pistacchi tritati grossolanamente. Fate riposare un paio di minuti prima di servire e aggiungete i petali di aglio fritti che piaceranno a tutti, fidatevi!

 

 

Ho in serbo per voi un’altra ricetta con la fregola, prossimamente su questi schermi !

Per ora vi saluto e…..

occhio ai tacchi!

Pippi

26 commenti:

  1. Per fortuna non metto quasi mai i tacchi!!!!!!

    La fregola l'ho scoperta qualche anno fa in Sardegna e anche io non l'ho più lasciata... il mirto ce l'ho un po' spelacchiato, ma ce l'ho... se gli tolto due rametti mi rimane con 3 foglie!... Della ricetta mi paice tutto tranne l'aglio...se lo sostituisco con lo scalogno?
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Ciao Pippi! Com'e' che ste cose non succederanno mai agli uomini?! (oddio forse a qualcuno ;) coi tempi che corrono!)...buttiamoci sul cibo va', bellissima la foto della forchetta! E anche la ricetta of course, non riesco a immaginarmi il mirto con la pasta, questa e' una di quelle cose fuori dalla mia portata!
    Ma tu bravissima...buon week end!
    baci katia

    RispondiElimina
  3. vedi che faccio bene ad andare di tacco basso?? saro' nana, ma almeno se qualcuno mi sorride non corro il rischio di cadergli ai suoi piedi..letteralmente!! ahahah!
    la fregola mi piace immensamente, bella l'idea di farla come un risotto, io l'ho sempre e solo fatta col pesce..copio?? ma si va!!

    RispondiElimina
  4. A me è capitato di indossare un paio di scarpe eleganti e acccorgermi con orrore che la suola sul davanti si era scollata ..sembrava una boccaccia che faceva le smorfie...col pericolo d'inciampare, niente però paragonabile al tacco che cede.
    Deve essre veramente terribile camminare coon un tac-si e un tac-no...
    Comunque ci consoliamo con la tua bella pasta profumata e come sempre ben presentata!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. pippi che spettacolo deve esser stato.
    ancora rido...e poi torno seria perchè questa fregola merita serietà impegno e preparazione a gustare quzlcosa di veramente unico.

    RispondiElimina
  6. Complimenti è ottima e particolare...e le foto sono stupende..baci Luciana

    RispondiElimina
  7. nooooooooooooooooooooooo
    che scenaaaaaaaaaaaaaaaa
    meno male che non porto i tacchi (tanto sono bravissima a inciampare anche con le scarpe basse...)
    Ho un pacco di fregola da 'sfruttare'. Questa ricettina ha un'aria trooooppo sfiziosa. Ora sono indecisa tra la tua e quella di cobrizo! Ambarabacciccicoccò...

    RispondiElimina
  8. Terribile la scena.... tutt'altro invece questo piatto!! Questa pasta non la conoscevo: porrò rimedio!! ;-)
    Franci

    RispondiElimina
  9. Un capolavoro! Ciao Pippi, buon week end!

    RispondiElimina
  10. Per fortuna non ci è ancora capitato di rompere un tacco, siamo spesso rimaste incastrate n tobini o altro, ma romperlo prt fotuna no!
    che particolare questa pasta! l'abbiamo letta spesso ma mai provata. Certo che dev'essere profumatissima con aglio e pistacchi, e che gusto strano!
    baci baci

    RispondiElimina
  11. bellissima la ricetta mi piace molto il mix di ingrediente e guarda caso ho la fregola ancora da provare....per quanto riguarda la tua storiella ehhmmm molto imbarazzante, fastidioso e ridicolo successo anche a me molti anni fà ;)
    Buona domenica

    RispondiElimina
  12. Adoro la fregola, l'ho scoperta quest'anno in Sardegna e spesso anche io la faccio, solitamente con la salsiccia...la tua versione è squisita, da provare sicuramente...a parte la difficoltà mia del reperire il mirto, ma ce la farò!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  13. A me una volta è successo di rimanere incastrata con il tacco in una di quelle griglie sui marciapiedi.
    Non ti dico che figura quando ho dovuto togliermi il sandalo e cercare in ogni modo di disincastrarlo :(
    Da allora cammino sempre a filo del marciapiede evitando griglie e tombini!
    Ho quantità industriali di fregola prese in Sardegna e cerco sempre ricette alternative.
    Ottima questa con il mirto!
    p.s. ma perchè vedo solo la prima e l'ultima foto??? :((

    RispondiElimina
  14. Sarà per questo che porto solo scarpe pianelle ?? Ahaahaha...ti immagino tutta impettita per strada..senza tacco !! Ahaha..scusa Pippi ma mi vien da ridere !!!
    Mai mangiato la fregola, si dice così ?
    Bacio e uona settimana :-)

    RispondiElimina
  15. ..beh al massimo io potrei perdere la suola non portando tacchi..e credo sarebbe peggio!!!
    piattino da leccarsi i baffi, in settimana vado a caccia di mirto!

    RispondiElimina
  16. Emmhhhh, io l'avevo già vista sul Flirck e mi ero persa a mangiarla cogli occhi... sei eccezionale.. un bacione enorme mia tessora grande... opss non si vedono le fotine...

    RispondiElimina
  17. Ahahahahaahah te pregoooooo.. scusami se rido.. ma davvero mi immagino la scenetta! Povera! Non oso immaginare la tua faccia!! Vabbè va.. consoliamoci con questo piatto gustoso di fegola va!! Smack! buon lunedì .-D

    RispondiElimina
  18. Quando metto i tacchi alti ho sempre il terrore che mi si spezzino ;) E' davvero un incubo quando succede, ci si sente davvero ridicoli. Ma alla fine nessuno ci fa caso, siamo solo noi a metterci dei problemi!
    Per quanto riguarda la fregola, la prossima volta che vado da Naturasì devo proprio comprarla e provare a cucinarla, perchè le tue ricette mi piacciono davvero tanto.
    Un bacione e buon inizio settimana
    fra

    RispondiElimina
  19. I tacchi li evito quatutte le volte che posso. Tenderei invece a non evitare affatto certe tue ricette, tipo questa, che mi piacciono molto... Complimenti!

    Sabrine

    RispondiElimina
  20. Maledetti tacchi!!!! Penso che nella vita di noi donne almeno una volta sia capitato questo scherzetto.
    Questa fregola è superlativa, ti rubo la ricetta all'istante.
    Un abbraccio e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  21. Anche a me è successo, tanti tanti anni fa! Eravamo a mangiare dopo un matrimonio in un ristorante sulla spiaggia, era caldo e avevo neanche vent'anni... Sicchè, vista l'età e la situazione, non mi feci tanti problemi,mi tolsi entrambe le scarpe rimanendo scalza...Ma fui fortunata! Perchè se la cosa ti accade in pieno centro, magari quando sei carica di spesa....Ma che ci importa, a noi, siamo cuoche, mica fotomodelle! ;-P E un piatto come questo farebbe dimenticare qualsiasi cosa, credi! un abbraccio forte :-)

    RispondiElimina
  22. nuuuuuuuuuuuuu cattivi tacchi che avete fatto andare giù la Pippi...ma tu rimani splendida anche così...il tacco è una bazzeccola...e ora che faccio devo comprare la fregola? sono 15 gg che la guardo interrogativa al super...ma tu la mangi così anche a dieta? perchè sono finita in quel girone pure io :(
    un bacione

    RispondiElimina
  23. il piatto è stupendo!!!!
    .... però..non ti arrabbiare....ma l'immagine del tacco che si rompe.... mi ha fatto sorridere (solo un pochino nè!!!!)

    ciaoooooooooooo

    RispondiElimina
  24. Furfecchia certo che lo puoi sostituire conloscalogno ma ti assicuro che fatto sbianchire in quel modo non rimane più il sapore forte dell'aglio ;-)

    Kat: bhè se devo essere sincera io del mirto conoscevo solo il buonissimo liquore però devo dire che lascia un aroma molto particolare che a me piace tanto!

    Dauly: hehehe i tacchi !! buona con ilpesce io l'ho fatta con le vongole...da sballo!!! :-)

    Grazia heeheh si, è veramente imbarazzante un tac-si e un tac -no ehhahahaha mi fai ridere hehehehe un bacione one one!! :-)

    Enza non ti preoccupare poi alla fine mi sono messa a ridere anch'io ...anche se ho penato come una matta per darmi un contegno..intanto che raggiungevo la mia macchina per nascondermi dal mondo interooooooooooooo! ehehe

    Luciana: grazie sei un tesoro! :-)

    Cri:... tre civette sul comò.... hahahah un bacino!!

    Franci: ;-) da comica.... heheh
    un baciotto !

    Stefano: ciao e bentornato!! grazieeee! a presto !

    Manuela e Silvia: si l'accostamento è particolare ma efficace :-) un baciotto

    Mariluna: ma sai che ho notato che è capitato a un sacco di donne questo problema?!! ehheeheh bhè mal comune mezzo gaudio! :-)

    Simo: uhhh con la salsiccia?? che buona dev'essere!!! il mirto l'ho comprato all'esselunga :-)

    Minnie: forse ho risolto il porblema delle foto....spero... hahaha ti sei dovuta togliere il sandalo....oddio ma come dobbiamo tribolare!! eheheheh

    Emilia : hahahah si si dovevi esserci guarda....c'era Renzo che si sbellicava hahahaha un baciotto a tutta la truppa! :-)


    Giò... forse non ci crederai ...ma appena sono arrivata a casa ho fatto il test a tutte le scarpe che ho...heheheh anche quelle piatte non si sa mai ! eheheh

    Vale!! ehehe topola della Pippi grazie! eheheh

    Claudia: ahhahah meno male che sono una di spirito hahahah Ma, mi chiedo,capiterà anche a quelle che sono di natura strafighissime???
    Bho!!!
    un bacioo!!

    Fra: io di scarpe con i tacchi ne ho poche...e adesso anche meno....ma credimi mi sento sempre un pò... in bilico.... heheheh
    un bacio e grazie!

    Sabrine: eheheh bhè vuoi un consiglio?? provala e fammi sapere se ti è piaciuta! :-)

    Stefi: si, penso anch'io che una sorta di battesimo ci tocchi a tutte prima o poi hehehe

    Romy: ;-) si vero io l'ho trovato molto particolare e un pò diverso dal solito piatto di pasta o di riso sai che una mia compagna di corso l'ha addirittura presentato dentro una cialda di parmigiano :-)

    Lo: pure tu??? hahah oddio tutte le foodblogger a dieta è un casino!! eheheheh
    Lo, io la mangio solo ogni tanto in occasioni particolari..... per il resto dei giorni.......stecchetto !!! ehehehe

    Dario: hehehe non ti preoccupare...anche il tipo che mi sorrideva...poi si è messo a ridere .!!! ahaha un bacio !!

    RispondiElimina
  25. Ciao Ti ho rubato questa ricetta per festeggiare i 50 di Attilio e l'ho pubblicata sul mio blog, spero non ti dispiaccia...
    Puoi venirmi a trovare sul mio blog. Grazie mille
    PS se la cosa ti da fastidio dimmelo che la rimuovo.
    Ciao.

    RispondiElimina
  26. Ciaoooo!! se mi dispiace?? ma scherzi?? e' la ricetta di Attilio!! :-) piacere di consocerti e visto che siamo vicini di casa magari ci prendiamo un caffè!!
    a presto e grazie
    Pippi

    RispondiElimina