lunedì 26 gennaio 2015

Burger alla quinoa, cipollotto e feta

quinoa burger

Qualcuno potrebbe pensare che io stia diventando vegetariana.

No, non corro questo pericolo, mi piace troppo la carne e il pesce per rinunciare completamente ad un ragù fatto come Dio comanda o ad una frittura di paranza. Questo non significa però che io non sia curiosa e attratta da una cucina alternativa, leggera e nutriente allo stesso tempo. E’ così che, giorno dopo giorno, prendo sempre più coscienza di come, per variare il più possibile la mia dieta, possa sostituire degnamente le proteine di origine animale, con alimenti molto interessanti e completi dal punto di vista nutrizionale, ma che provengono per lo più dalla terra, senza che questa scelta condizioni il gusto e il piacere di una buona cucina. Questo approccio ha dato una sferzata di energia al mio modo di cucinare, introducendomi ad una maggiore varietà di ingredienti che rendono vivace e appetitosa la mia ‘dieta’ e migliore la mia salute (a parte il mal di schienaPerplesso ).

La quinoa, per esempio. Versatilissima in cucina, ricca di proteine, vitamine e aminoacidi è inoltre priva di glutine quindi adatta per chi ne fosse intollerante.

“Gli Inca chiamano la quinoa «chisiya mama» che in quechua vuol dire «madre di tutti i semi»”.

Fino ad ora l’avevo utilizzata solo per fare delle insalate, qui e qui, ma ho scoperto, con questa ricetta, che posso trasformarla anche in ‘burger’ o polpette deliziose.

quinoa burger

Dopo aver provato l’insalata di broccoli, anche questa ricetta è tratta da The Green Kitchen di David Frenkiel e Luise Vindahl, edito, per l’edizione italiana, da Guido Tommasi. Le uniche modifiche che ho apportato sono l’utilizzo del cipollotto al posto dell’aglio orsino e l’inserimento del pangrattato perché volevo rimanessero più compatti per maneggiarli con più facilità.

Gustose polpette da provare assolutamente.

Per 6 persone

200 g di quinoa bianca

200 g di cimette di cavolfiore

200 g di feta

80 g di fiocchi di avena

4 uova

6 cipollotti

4 o 5 cucchiai di pangrattato

1 cucchiaio olio extravergine d’oliva

burro chiarificato o olio extravergine d’oliva per friggere

sale e pepe

quinoa burger

Sciacquo molto bene la quinoa sotto l’acqua corrente, la verso in una casseruola con il doppio del suo peso di acqua fredda e un pizzico di sale. Porto ad ebollizione, poi abbasso la fiamma e faccio cuocere dolcemente per 15 minuti circa, è pronta quando avrà assorbito tutta l’acqua, la sgrano con una forchetta e la trasferisco in una ciotola per lasciarla raffreddare.

quinoa burger

Pulisco i cipollotti e li affetto finemente ( anche la parte verde ). Scaldo una padella con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e faccio cuocere i cipollotti per un paio di minuti, giusto il tempo per farli appassire. Aggiusto di sale e pepe.

quinoa burger

Sbriciolo la feta e trito in un cutter le cimette di cavolfiore, già lavate e asciugate.

Unisco tutti gli ingredienti in una ciotola: la quinoa raffreddata, i cipollotti, i fiocchi d’avena, il cavolfiore e la feta. Aggiungo le uova,  il pangrattato e regolo di sale e pepe. Lascio riposare in frigorifero per una mezz’oretta.

Per chi fosse celiaco i fiocchi di avena possono essere sostituiti con i fiocchi di ceci e il pangrattato normale con quello senza glutine.

quinoa burger

Formo i burger aiutandomi con un coppa pasta e comprimendo bene un paio di cucchiaiate di composto per ciascuno. Potete friggerli 3 minuti per parte  in una padella con poco olio extravergine o una noce di burro chiarificato, ma, se preferite una cottura più dietetica, foderate una teglia con carta da forno, posizionatevi i burger vegetali, se volete spennellateli con poco olio e lasciateli cuocere 6/7 minuti a 180°.

quinoa burger

Io ne preparo una bella dose, li faccio cuocere in forno e poi una volta raffreddati li congelo in modo da averli sempre pronti in ogni occasione. Accompagnateli con una porzione di verdure grigliate condite con erbe aromatiche fresche e un filo di olio extravergine d’oliva.

quinoa burger

Buon inizio settimana!

quinoa burger

Cuore rosso

Pippi

15 commenti:

  1. Che brava, mi piacciono questi piatti salutari e alternativi!!!!

    RispondiElimina
  2. Sto prendendo giusto una piega un po' vegetariana, o meglio lo chiamo regime carnivoro attenuato :) Bellissima questa ricetta, il libro the green kitchen lo sfogliavo giusto ieri in libreria, ero molto tentata!
    Complimenti per il tuo blog, com'è che non lo avevo ancora salvato tra i preferiti?
    Ho visto anche che organizzi dei corsi di food photography, per caso ricapiterai in zona Umbria?
    Adoro le tue foto! Bravissima!
    Laura

    RispondiElimina
  3. belli! per me che non so mai come cucinare la quinoa questa è un'ottima idea :)

    RispondiElimina
  4. Belli e appetitosi! E' da un po' che sento parlare della quinoa e voglio proprio provarla...

    RispondiElimina
  5. Neanch'io riuscirei a diventare vegana, ...magari a giorni alterni :)
    Questi hamburger me li segno, hanno un'aria molto invitante!!!

    RispondiElimina
  6. Buonissimi! io li ho fatti con le zucchine, improvvisando gli ingredienti ma non mi sono venuti così belli compatti...proverò la tua ricetta!! :-)

    RispondiElimina
  7. adoro questa ricetta, adoro questi ingredienti ma la foto.....uno splendore la prima :)

    RispondiElimina
  8. Che buoni! Condivido in pieno la tua filosofia...a carne e pesce non rinuncio ma mi piace troppo sperimentare per non provare tutti i numerosi alimenti che oggi abbiamo a disposizione! E infatti l'ultima ricetta è a base di amaranto... ☺ Però la quinoa mi manca, e questa è senz'altro un'ottima proposta!
    Un abbraccio,
    Alice

    RispondiElimina
  9. Sai che è da tempo che volevo farli?? Sono una favola... ricetta copiata!
    A presto e complimenti come sempre cara Pippi!

    RispondiElimina
  10. Io ci provo a farli. E sto pensando anche ad una versione dolce per la colazione :D

    RispondiElimina
  11. Io fondamentalmente amo variare, sperimentare tutto, provare nuovi abbinamenti, nuovi ingredienti.. quindi cereali o pseudocereali, legumi, tofu, seitan vanno a pari passo con classica pasta, pesce, carne.. etc etc.. ma quando mi si vede cucinare o mangiare questi ingredienti, subito mi si chiede "vegetariana? vegana? qualche intolleranza?":. ma no.. ogni tanto il club sandiwich con le patatine me lo faccio pure io; ma magari il giorno dopo faccio un insalata con verdure, quinoa e salmone.. si compensa no?? buonissime queste polpettine...

    RispondiElimina
  12. La quinoa è una signorina bellissima e buonissima, da quando l'ho conosciuta non manca mai nella mia cucina! Che sia per piatti salati o dolci, sa come stupirmi! Devo ancora renderla una polpetta golosa come la tua, scontato dire che le tue foto come sempre mi fanno venire voglia di mettermi subito all'opera! :-)

    RispondiElimina
  13. Sono nella mia lista di ricette da provare... presto li farò. Grazie come sempre! Bacioni

    RispondiElimina
  14. Anche io, come te, adoro troppo i secondi di carni e pesce per potervi rinunciare ma non rinuncio comunque, ad un piatto ricco di salute come questo. Salvo la ricetta. Mi entusiasmo tantissimo sia per la quinoa che per la feta, che adoro!

    RispondiElimina
  15. Mai dire mai!!! comunque qualche settimana disintossicante fa solo un gran bene! Ricetta deliziosa! :-)

    RispondiElimina