mercoledì 21 ottobre 2009

Il favoloso……….. pane della Cri !


Sabato scorso, seguendo la ricetta pubblicata nel suo blog da Cri (la Golosastra), mi sono messa ad impastare, arrivando, come al mio solito, in ritardo con il WBD di Zorra….. pazienza….. :-)


Ricetta FAVOLOSA perchè finalmente le dosi sono precise, le spiegazioni esaurienti e il risultato assicurato! Grazie ancora Cri, d’ora in avanti questo sarà il mio pane quotidiano! ;-)


Ho fatto qualche piccola variazione, senza modificare però le proporzioni, solo perchè non avevo i semini che ha utilizzato lei, semini di ajwain, di cui non avevo neanche il sospetto della loro esistenza, sostituendoli così con i semi di cumino, e aggiungendo farina di segale in quanto adoro il connubio segale/cumino.


Rispetto alle dosi della Golosastra io le ho aumentate di metà per fare una bella trecciona:


Ingredienti:


300 gr di pasta madre
500 gr di farina manitoba


100 gr di farina di segale
450 gr circa di acqua tiepida
un cucchiaino e 1/2 di malto
un cucchiaino e 1/2 di sale


un cucchiaino di zucchero di canna
6 cucchiai di olio evo
una manciata di semi di cumino



Procedimento:


Io in realtà non rinfresco la pasta madre prima di utilizzarla perchè mi sono accorta che non mi cambia niente ….


Andiamo per gradi, dunque in genere panifico un paio di volte alla settimana, non faccio altro che togliere il mio recipiente dal frigorifero la sera e metterlo dentro il forno spento fino alla mattina. Una volta che la pasta madre si è risvegliata dal freddo, cresce, cresce e cresce . Tolgo la quantità che mi serve per panificare e poi il rimanente lo rinfresco, lo rimetto nel recipiente senza lavarlo, lo lascio avvolto dentro una copertina o rinchiuso nel microonde (spento) e dopo qualche ora lo rimetto nel frigorifero.


1) nell’impastatrice sciolgo la pasta madre con un pò di acqua tiepida (più fredda che calda) aggiungo l’olio e lo zucchero di canna (o malto o miele).


2) aggiungo la farina tutta insieme, una manciatina di semi di cumino e comincio ad impastare, vel. 1, aggiungendo lentamente la restante acqua la cui quantità, ricordatevi, è sempre indicativa perchè dipende dall’assorbimento della farina.


3) quando avete impastato qualche minuto aggiungete il sale. Impastate in tutto una decina di minuti.


4) capovolgete l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e date le pieghe di Adriano del tipo 1 per un paio di volte poi lasciate riposare in una ciotola coperta da un telo e da una copertina (io ora che fa freddino metto utto in forno conla lucina accesa).


5) dopo circa 4/5 ore riprendete l’impasto, fate qualche piega, dategli la forma che più vi piace e mettetelo in una teglia foderata di carta da forno. Diluite il malto con un goccino di acqua e spennelatelo sul pane, spolverate con altri semini e rimettete a lievitare almeno per un paio di ore, sempre coperto con la copertina.


6) cuocete a 220° per circa 25/30 minuti……..hem…..hem……state attenti perchè il malto tende a colorire in fretta………io me lo sono idmenticato qualche minuto in più …..e ………si vede……!!!! ;-)



In effetti mi è venuto … un pò troppo colorito, lo ammetto, ma vi assicuro che non ho mai provato un pane così morbido come questo !!!


W la CRI !!!!!!



Ormai siamo in pieno autunno e ho pensato che sarebbe stata una cosa carina condividere con voi ciò che vedo dalla finestra della mia cucina. Ad ogni nuovo post aggiungerò una foto di questa betulla il cui manto cambia di colore di giorno in giorno, fino a spogliarsi completamente in pieno inverno, quando la natura si addormenta…..



Alla prossima


Pippi

32 commenti:

  1. Ha un aspetto del pane buono! Devo mettermi in testa di preparare la pasta madre ma mi blocca il pensiero delle vacanze.... Davvero bella questa idea sulla betulla,un modo carino per vedere l'autunno l'inverno e poi finalmente di nuovo la bella stagione! Si potrebbe quasi fare una raccolta "Dalla finestra della nostra cucina"...Brava Pippi!!!

    RispondiElimina
  2. sembra così sofficioso questo pane!
    peccato che non ho veramente il tempo per far questa benedetta pasta madre!!!ancora meno per fare il pane...sigh :(
    che rabbiaaaaaa!!!!!

    vedo con piacere che anche tu segui l'eco della tua betulla!brava brava!
    sarà bello ed istruttivo vedere le stagioni passare sulla chioma del tuo magnifico albero!

    RispondiElimina
  3. Bello e sicuramente morbido !!!Chissà che profumo appena sfornato!!!!Non ho mai provato a fare la pasta madre...e se il risultato è questo...devo provarci assolutamente!!!Bravaaaa
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo Pippi!E' proprio bello bello!Non mi resta che pubblicare quello di cui ti ho parlato ieri!
    bacione

    RispondiElimina
  5. Si dall'aspetto sempre proprio invitante... ùMa davvero non rinfreschi la pasta madre il giorno prima di utilizzarla?? Questa è un novità proverò anche ai a riattivala durante la notte e panificare la mattina.
    Ultimamente i risultati che ho ottenuto con il mio lievito madre sono stati un pò deludenti non so perchè... Proverò questo pane! BAcioni

    RispondiElimina
  6. Pippola bella che bel pane hai fatto!!!! sei troppo brava.. io non ho mai panificato.. e non credo che lo farò mai! hihihihi son pigrissima! smack!!!

    RispondiElimina
  7. complimenit un magnifico pane

    RispondiElimina
  8. oooooohhhhhhh l'aspetto è davvero godurioso!!adoro il pane sopratutto da mangiare cosi senza niente e questo sa di buono di caldo di morbido..buonissimo!!baci imma

    RispondiElimina
  9. vedi che valeva la pena di postarlo? Un po' di abbronzatura non guasta con questo clima ;)

    Ora dovrò io copiare da te, provare segale e cumino in forma di trecciona!

    Oggi vado a rapinare naturasì, mi servono duetrequattro cosette e inserisco nella lista pure la farina di segale!

    BACIO!

    RispondiElimina
  10. ha un aspetto meraviglioso...lo proverò sicuramente! Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  11. Un pane veramente invitante. Croccante è migliore. Sei veramente brava!!!
    Niente male il tuo panorama, proprio da invidiare.
    Buona giornata. Virginia

    RispondiElimina
  12. Davvero perfetto questo pane al malto! mette proprio voglia di panificare...eh eh...ma speriamo di avere presto l'occasione allora ;)
    un bacione

    RispondiElimina
  13. la Cri ha colpito ancora!a parte la bruciacchiatura che alla fine non ci sta neanche male, il pane ha un aspetto molto invitante!

    RispondiElimina
  14. wow ti è riuscito benissimo! chissà che profumo!

    RispondiElimina
  15. che bell'aspetto che ha ;)

    RispondiElimina
  16. che bello!!!
    ti abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  17. a giudicare dall'alveolatura sembra esserti uscito davvero bene! sembra un bel pane da bruschetta, che con la segale, che lo rende ancora più rustico, e il cumino deve avere un profumo piacevolmente insolito!

    ascolta ma tu sapresti darmene le proporzioni con il lievito di birra?

    RispondiElimina
  18. Bellissimo, alveolato al punto giusto.
    Irresistibileeeee!!!!!!!!
    Ciao Pippi complimenti sei bravissima, baci!!

    RispondiElimina
  19. Il cucchiaiodoro: ;-) un annetto fa mi pare Elga di Semidipapavero aveva fatto una sorta di raccolta dal titolo dalla finestra della cucina ;-)
    però non sarebbe male una raccolta di foto per assaporare il cambio di stagione che si legge nella natura:-) Ognuno di noi potrebbe farlo nel proprio blog..che ne dici?

    Marifra: anche per te se vuoi ce n'è un pezzetto di pasta madre !! fammelo sapere:-)


    Saretta sei il classico casao della discepola che supera la maestra...si fa per dire heheheh un bacione!!!

    ElisaKitty: si io in effetti non rinfresco prima di panificare....il risultatolo vedi....a me non sembra che cambi molto.....così è meno complicata la faccenda...perchè fare ogni volta due rinfreschi prima di panificare....insomma non mi piace buttar via la pasta hehehehehe .......sò tirchia ioooooooooo hehehehehehhe

    Claudia: mai dire maiiiiiiiiiiii hehehe vedrai che piano piano ci cadi pure tu...ti aspetto al varco ehehehhehehehe

    Gunther: grazie!! si bello un pò troppo cotto ma non era in realtà bruciato solo eccessivamente colorito ....heheheh

    Imma questo pane con i semini di segale in effetti è molto profumato.....io lo mangi oanche solo con un filino di buon olio evo.......hmmmmmmmmmmmmmm lo so che sono cattivaaaaaaaaaa ehhehehe

    Cri: :-) ci copiamo a vicenda che bello ehehheeh :-)

    Fra: attenzione soloalla cottura perchè il malto tende a scurirsi subito magari come mi ha fatto notare Cri sarebbe meglio coprirlo con carta alluminio :-)

    Zorro: wowowo :-) zorro in casa mia.....che onore sei il mio idolo!!! prendine pure quanto ne vuoi!! ;-)

    Virginia: grazieeeee!!!non sono brava solo ci provo e ci riprovo.... hehehe ma ho ancora un sacco di cose da imparare sulla panificazione. Il panorama in effetti è molto bello

    :-)

    Luby: per la pasta madre se vuoi te ne posso spedire un pochino :-) un baciotto!

    Manu e Silvia: ragazze non mi sono dimenticata è che in questi giorni esco la mattina e torno la sera ma al max lunedì mattina vi spedisco il 'bimbo' eheheh ciao!!!

    Giò: hehe grazie !!!

    Federica: davvero profumatissimo! ;-)

    Baol: buono con il salame!!! ;-)

    Mirtilla: grazie!! :-)

    Dida : un abbraccio anche a te!! come stai? è un pò che non passo ...ma in realtà è un pò che non passo anche da molti di voi... :-(

    iana: benvenuta!!! grazie !!

    Cuochella: hmm le dosi con il lievito di birra? al corso di cucina che ho fatto l'anno scorso diceva che bastavano 3 / 5 grammi di lievito per chilo semplicemente bisogna farlo lievitare per più ore....... però ....non ci ho mai provato! :-( prova a vedere nel blog di Adriano 'profumo di lievito' sono sicura che oltre a trovare le sue pieghe del primo e del secondo tipo troverai le giuste proporzioni di lievito e farina :-) un bacio!!!


    Stefi : tu sei troppo buona!! comunque grazie!!
    ;-)

    RispondiElimina
  20. Ciao Pippi!!!!
    che bello il tuo pane, peccato che gl ama solo il pane bianco, senza semi o farine di altro tipo... Però a me piace tantissimo!!!! Un bacione giulia

    RispondiElimina
  21. Cara Pippi. lo voglio provare, normalmente la ricetta che utilizzo con la pm è molto più lenta, il pane che esce è ottimo, ma ci metto un paio di giorni a raggiungere il risultato, qui invece i tempi sono minori! In passato ho provato a ridurre la lievitazione, ma veniva fuori un pane pesante, sicuramente non erano esatte le proporzioni. Provo poi ti faccio sapere. a presto

    RispondiElimina
  22. è cominciata la Muffins Mania.... passa da me a dare un'occhiata!
    Besos
    Mara

    RispondiElimina
  23. Ma che gran bel pane! Mi sembra di sentire l'aroma del cumino che mi riporta in Tirolo... Buon fine settimana Laura

    RispondiElimina
  24. che brava che sei Pippi!!
    io non fatto mai la pasta madre.
    il tuo pane è una favola!!

    RispondiElimina
  25. Bellissima la pagnottina intrecciata, fa venire faaaameeeee!...
    Un bacione!

    RispondiElimina
  26. Ha proprio l'aria di essere un pane morbidissimo. Non mi dispiacerebbe averne un paio di fette per pranzo...

    RispondiElimina
  27. La coloritura lo fa sembrare ancora più casereccio. Brava Pippi!

    RispondiElimina
  28. w la Cri, w la Pippi...w il pane.....copierò la ricettina e poi nemmeno io la rinfresco mai prima di usarla perchè non cambia niente...un bacione

    RispondiElimina
  29. ma che meraviglia di foto che fai !!:DDD e che meraviglia di cose che cucini!

    RispondiElimina