lunedì 20 giugno 2016

Quiche di fagiolini, asparagi e pomodorini


Quiche with green beans, asparagus and cherry tomatoes


Hai presente, quando è tutto il giorno che macini passi e chilometri, trafelata e sudata, guardando ogni cinque minuti l'orologio con l'ansia di non riuscire a fare tutto?
Il cuore, nel petto, che scandisce sonoramente i secondi mentre 'corri' come una pazza per i corridoi del supermercato, con un cagnolino che ha deciso di averne piene le tasche di stare dentro il carrello, infilato, come un  pacco,  nel sacchetto blu dell'Ikea, e mentre cerchi di calmarlo, ti sforzi pure, di ricordare a memoria la lista della spesa, tua e di tua madre, perché l'hai lasciata ordinatamente appiccicata allo sportello del frigorifero, che se trovo quello che ha detto che i post-it, per essere in vista vanno attaccati al frigo, lo strozzo?

Hai presente quando finalmente, prendendoti un accidente, esci dal supermercato dove c'erano meno dieci gradi e ti butti in cerca della macchina, nel parcheggio infuocato a più trenta, pregando sonoramente che almeno oggi, 'ti prego, fai che solo per oggi, il portellone del bagagliaio si apra', schiacci il telecomando e del click del portellone neanche l'ombra? Immobile, senza vita, che nemmeno i calci? E nel frattempo che ti si rizzano i capelli dalla rabbia, cerchi di capire quale potrebbe essere la mossa più veloce, se sfilare prima le borse della spesa, impilate nel carrello stracolmo o tentar di disincastrare quella blu dell'Ikea con quel che resta di Leopoldino?

 Hai presente, quando per finire in bellezza quella  giornata del cavolo, non paga, hai ancora il coraggio di sentirti furba, imboccando quella stradina, 'una scorciatoia dai, la conosco bene' e ti ritrovi intrappolata in un traffico che nemmeno a New York, perché oggi, e ti viene anche un po' da piangere, hanno avuto, tutti, la tua stessa, stupida, maledetta, idea?

Hai presente quando arrivi a casa e racconti tutto a tuo marito e gli dici 'amò, ascoltami bene', con il ditino puntato sul petto, 'perché è arrivato il momento di cambiar macchina' e che la vuoi uguale uguale a quella dove, la tipa della pubblicità, con nonchalance, apre il bagagliaio sfiorandolo appena con il piedino e non tirando calci come la tua?
Hai presente, quando lui ti dice, 'eh, come sei sempre esagerata!' che ti si annebbia la vista perché strozzarlo non puoi e a dimostrazione che, invece, è tutto vero, gli porgi il telecomando con un sorrisino di sfida e le braccia incrociate?

Hai presente quando lui schiaccia il tasto con il ditino e il portellone, che sia stramaledetto, si apre facendo pure l'inchino?

Noncelapossofare.

Quiche agli asparagi e pomodorini

Ingredienti:

per la pasta brisé:
200 g di farina tipo 1
100 g di burro freddo 
60 ml di acqua ghiacciata
una presa di sale

per la farcia:
3 uova 
200 g di panna acida
50 g di pecorino romanno grattugiato
sale
pepe 
noce moscata
1 mazzetto di asparagina
1 mazzetto di fagiolini verdi
 una manciata di pomodori ciliegia
1 albume

per decorare:
misticanza e fiori edibili

Procedimento
Per prima cosa preparate la pasta, così, mentre riposa in frigorifero, avete tutto il tempo di lavare e scottare le verdure.

Nella ciotola dell'impastatore mettete la farina con il pizzico di sale e il burro a dadini, azionate per alcuni secondi in modo da ottenere un composto pieno di briciole. A questo punto aggiungete l'acqua, un goccino alla volta, mentre il robot fa il suo lavoro. Appena l'impasto si appallottola, fermate il motore, trasferite la pasta su una superficie leggermente infarinata, lavoratelo per qualche secondo con le mani, avvolgetelo nella pellicola alimentare e lasciate che riposi per una mezz'oretta.

Lavate gli asparagi, tagliate la parte legnosa del gambo, lavate anche i fagiolini e i pomodorini.
Portate a bollore dell'acqua salata, tuffatevi i fagiolini e cuoceteli per alcuni minuti, poi scolateli e raffreddateli subito sotto acqua fredda corrente. Fateli scolare bene e tamponateli con carta assorbente. Stessa cosa con gli asparagi. 

In una ciotola rompete le uova con una forchetta, aggiungetevi la panna acida e il pecorino romano, regolate di sale e pepe e una grattatina di noce moscata, amalgamate bene e tenete da parte in frigorifero.

Preriscaldate il forno a 180°.

Stendete la pasta  in una sfoglia non troppo sottile, spennellate con del burro uno stampo rettangolare per crostata, meglio se con il fondo removibile. Rivestitelo con la pasta, che farete aderire bene alle pareti ondulate. Bucherellate il fondo con una forchetta, coprite con carta da forno, riempite fino al bordo con fagioli secchi e infornate per 15 minuti circa. Poi togliete i fagioli e la carta, spennellate il fondo con l'albume e rimettete in forno a 170° per altri 10 minuti.

Mentre la pasta cuoce in forno, tagliate gli asparagi a metà in modo che possano stare orizzontalmente dentro la tortiera. 

Tirate fuori dal forno il guscio di pasta, fate uno strato di fagiolini, sui quali metterete gli asparagi. Versate delicatamente la crema di uova e panna fino a sfiorare la sommità delle verdure, inserite qua e là i pomodorini interi e infornate. Cuocete una ventina di minuti o fino a quando la crema non si sarà rappresa e ben dorata.

Lavate e asciugate la misticanza e i fiori edibili.

A fine cottura lasciate riposare nello stampo la crostata per una decina di minuti, poi toglietela dallo stampo e lasciatela raffreddare completamente su una griglia. Poco prima di servirla, cospargetela con le foglioline di misticanza e i fiori.

Avrete un grande successo con i vostri ospiti !

Quiche agli asparagi e pomodorini

Alla prossima ricetta 
Pippi


5 commenti:

  1. wow...sembra un'opera d'arte...bellissima

    RispondiElimina
  2. Che presentazione elegante.
    Sembra buonissima e che colori!
    Alla prossima

    RispondiElimina
  3. Ultimamente mi sembrano così tutte le mie giornate, magari il luogo non è il supermercato ma di sicuro l'affanno e la fretta ci sono tutte e l'ansia e il caos, aiuto!!!!!! Le tue foto però sono splendide e questa quiche mi fa primavera e sembra un raggio di sole...

    RispondiElimina
  4. no, davvero, è troppo bellissima!

    RispondiElimina
  5. Cara Laura, questa quiche è bellissima! colore e tantissimo sapore!
    ...quasi quasi ci provo...in versione veg! chissà che mi rassereni la giornata pure a me! ;-)

    RispondiElimina