domenica 8 novembre 2015

I Formaggi Svizzeri incontrano i Vini Toscani

formaggi svizzeri

Il mio incontro ufficiale con i Formaggi Svizzeri avviene nel 2012 grazie ad un bolgtour che mi ha portato in giro per questo verdeggiante paese, toccando con mano la sua tradizione secolare nella produzione di formaggio, ed è proseguito felicemente e con regolarità nel corso di questi anni ( per chi volesse cimentarsi in cucina con alcuni formaggi svizzeri vi lascio qualche idea per ricette gustose  che trovate qui con una Zuppa di ceci, porri e Sbrinz, qui con una Quiche all’Emmentaler con indivia, pere e melograno e qui con una Vellutata di broccoli e Gruyère.)

I formaggi svizzeri rappresentano una vera eccellenza, pensate che l’80% del territorio svizzero è costituito da pascoli, che più della metà del latte prodotto viene trasformato in formaggio e che i produttori svizzeri si sono persino dati una sorta di codice ‘etico’ di settore, attraverso cui, volontariamente, hanno rinunciato totalmente all’impiego di additivi vari, proprio per garantire, al consumatore, la massima naturalezza del loro prodotto. A questo aggiungete che le mucche elvetiche vivono felicemente e senza stress, pascolando per gran parte dell’anno all’aria aperta, e che, alimentate solo con erba e fieno, producono un latte estremamente pregiato, gustoso e profumato, ed il gioco è fatto!

formaggi svizzeri

Quest’anno il Consorzio dei Formaggi Svizzeri ha pensato di organizzare una serie di eventi nel nostro paese per promuovere delle degustazioni/incontro  tra formaggi svizzeri e vini regionali. Il mio ruolo è stato, quindi, quello di fare da ‘madrina’ all’evento di giovedì 5 novembre, dedicato alla mia amata Toscana!

L’Enoteca prescelta per ospitare questa serata è Pane e Pomodoro, situata proprio nel cuore del centro storico di Massa. Locale vivace e noto in tutta la Versilia per questo tipo di eventi dedicati a degustazioni enogastronimiche, Pane e Pomodoro è gestito con grande professionalità dai fratelli Giuseppe e Pier Paolo Pieretti.

Formaggi svizzeri

Ecco i 5 formaggi svizzeri protagonisti della serata di giovedì 5 novembre ( Le Gruyère, lo Sbrinz, l’Emmentaler, il Tete de Moine e l’Appenzeller) e i 5 vini toscani abbinati, pronti per essere presentati al pubblico.

Formaggi svizzeri

Chi ci ha accompagnato in questa bella esperienza sensoriale è stato Lino Fialdini, sommelier e degustatore ufficiale AIS e degustatore di formaggi Onaf, che ci ha aiutato a comprendere le sfumature e le differenze di gusto tra i vari formaggi, raccontandoci aneddoti e curiosità molto interessanti e guidandoci con grande professionalità e capacità comunicativa in questa degustazione davvero particolare.

Formaggi svizzeri

Ecco gli abbinamenti proposti per la serata toscana:

- L’Appenzeller dal gusto aromatico e fruttato è stato abbinato ad un Atys 2014, vermentino in purezza con buona acidità e finale leggermente amaricante e minerale.

Formaggi svizzeri

- Le Gruyère da gusto intenso e sobrio che va da dolce a piccante a seconda della stagionatura è stato abbinato ad un Cabreo La Pietra 2011 prodotto con uve Chardonnay.

Formaggi svizzeri

- l’Emmentaler con i caratteristici buchi grossi come una ciliegia, dal gusto dolce con sentore di noci è stato abbinato al Lambda 2013, un vino con una complessità olfattiva che si lega alla delicata naturalezza di questo formaggio.

Formaggi svizzeri

- Il Tete de Moine, il più delicato tra i formaggi presentati, si sposa perfettamente con la morbidezza e l’eleganza del Rosso di Montepulciano. 

Formaggi svizzeri

- lo Sbrinz dal gusto pieno e intenso e con una stagionatura importante viene abbinato con un Chianti Classico 2006, fattoria Rodano estremamente elegante ed intrigante nella lunghezza gustativa.

Formaggi svizzeri

L’evento è stato un successo e si è continuato a tagliare e servire formaggi fino a tarda sera!

Formaggi svizzeri

 

Formaggi svizzeri

Formaggi svizzeri

Alla prossima,

Pippi

Nessun commento:

Posta un commento