mercoledì 19 novembre 2014

Vellutata di fiocchi d’avena con timo e noci

vellutata di fiocchi d'avena

Stamattina sono stata svegliata da un raggio di sole che filtrava attraverso le persiane della camera. Una tiepida luce che mancava da settimane ormai ed ho indugiato a lungo dentro il tepore della trapunta a fiorellini rossi di mamma. Stanotte abbiamo dormito insieme io e lei, un piccolo malore ci ha fatte spaventare ma solo per pochi minuti poi è tornata la calma, il suo cuore birichino ha ripreso il ritmo di sempre e con una tazza bollente di latte e miele, ci siamo infilate nel lettone stanche ma rasserenate. Un sonno pieno di bei sogni come non facevo da tempo, tanto che avrei dormito ancora mille e mille ore, ma sentirla in cucina, di nuovo in forma, a preparare la colazione per noi due, ha liberato il mio respiro dal petto. Ancora assonnata, raggiungo la cucina, le persiane sono spalancate e una bella luce pulita inonda ogni angolo della casa. Mamma è sul divano che mi aspetta e la tavola è pronta: tovagliette di lino ricamate di blu a punto croce, tazze bianche immacolate, la brocca del latte e una caffettiera fumante al centro del tavolo, la scatola di biscotti ed una merendina, piccina, posata proprio accanto alla mia tazza.

Come tornare indietro di 30 anni, in un solo istante.

Cuore rosso

vellutata di fiocchi d'avena

Era un po’ di tempo che pensavo a questa vellutata, ricetta che proviene da un libro che già di per sé trasmette un senso di pace e rilassatezza:Ricette e Segreti dei Monasteri di Loaurence & Gilles Laurendon edito da Guido Tommasi.

E’ una raccolta di ricette di una semplicità disarmante e di una purezza di sapori che troppo spesso ci dimentichiamo, presi come siamo dal tentar di stupire i nostri commensali con giochi pirotecnici.

Qui non ci sono trucchi. La zuppa è buona, semplice e delicata come appare.

Ingredienti per 4 persone:

150 gr fiocchi d’avena piccoli

1 litro brodo vegetale

50 ml panna fresca

2 scalogni

40 gr gherigli di noci

qualche rametto di timo fresco

40 gr parmigiano reggiano grattugiato (facoltativo)

olio extravergine d’oliva

gomasio un cucchiaino o sale

pepe

vellutata di fiocchi d'avena con timo e noci

Tritate finemente lo scalogno e fatelo imbiondire con due cucchiai di olio in una casseruola a fiamma molto dolce. Unite il brodo e portate a bollore. Versatevi i fiocchi mescolando bene, coprite con un coperchio, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per una decina di minuti. A questo punto i fiocchi avranno assorbito tutto il brodo, aggiungete quini la panna, le foglioline di timo e il formaggio, con un frullino ad immersione frullate il tutto per qualche istante, sufficiente ad ottenere una crema molto morbida ma non del tutto liscia. Regolate di pepe e sale (io ho utilizzato il gomasio al posto del sale), aggiungete del buon olio extravergine e le noci spezzettate grossolanamente.

vellutata di fiocchi d'avena

 

 

vellutata di fiocchi d'avena

 

vellutata di fiocchi d'avenavellutata di fiocchi d'avena

con amore

Pippi

Cuore rosso

19 commenti:

  1. Le tue zuppe sono sempre così invitanti e credimi che non è così scontato!!! Ti abbraccio Laura!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabila grazie :-) sarà che son golosa... heheh

      Elimina
  2. una vellutata molto alternativa che voglio fare al piú presto, e che dire di quel risveglio ... un affettuosissimo salto nel tempo, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello risvegliarsi a casa di mamma... e ti assicuro che questa vellutata val la pena di provarla ;-)

      Elimina
  3. Oh quanto mi piace la tua zuppa Laura!! La proverò assolutamente!! Un abbraccio forte, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mary cara vedrai che sorpresa e fammi sapere se ti è piaciuta :-)

      Elimina
  4. Ciao Laura, come stai? Io vivo di fiocchi e di crusca di avena ultimamente!! Questa zuppa son certa diventerà un piatto molto cucinato in casa mia! Mi piace tanto tanto, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una cucina più consapevole anche la tua allora...procediamo con lo stesso passo :-)

      Elimina
  5. Questa zuppa è come l'abbraccio caldo e forte ti mando!!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeee e io me lo prendo tutto il tuo abbraccio !! :-*

      Elimina
  6. È magico come tu possa deliziarmi ed incantarmi con un semplice racconto affiancato da foto semplicemente stupende. E quanto gusterei anche questa vellutata...deve essere deliziosa!
    Un abbraccio Laura <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Rita..... grazie.... grazie ... <3

      Elimina
  7. Che belle parole, in quella introduzione!!!! Sensazioni forti, intense e elettrizzanti. Bellissime. E buonissima è questa vellutata, nuova, insolita, speciale.
    Un abbraccio Laura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erica ogni tanto un 'salto' nel passato pieno di bei ricordi fa bene ;-)

      Elimina
  8. Ecco...questo è il posto in cui amo fermarmi, il posto in cui "certi" pensieri vanno via e in cui sento di stare bene...! Hai questo dono...un bel dono. I tuoi racconti di "normale" quotidianità ci teletrasportano dentro, le foto ci deliziano e ci ammaliano...Cosa desiderare di più....? Beh si..incontrarti prima o poi... ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra... sapessi che voglia che ho di conoscerti finalmente dopo tutto questo tempo che ci inseguiamo :-) sono certa che capiterà ..grazie per la tua amicizia :-*

      Elimina
  9. questo post è di una dolcezza infinita. Le tue parole e le immagini che evocano.. i ricordi.. oggi ne parlavo con mia madre e mio padre, di quando da piccole, io e mia sorella, ci infilavamo nel loro lettone la mattina, per vedere insieme i cartoni animati e i film natalizi. Ricordi dolcissimi, che grazie a te oggi rivivo con un sorriso..
    questa vellutata è di una semplicità disarmante, ma che ti stupisce. E ti rapisce. Buona serata a te e alla tua dolcissima mamma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola ci sono ricordi così potenti e confortanti che ci rendono davvero persone fortunate...mamma vi manda un bacio a tutte che ora ha anche imparato a leggere i vostri commenti ;-)

      Elimina
  10. cara Laura, come non capire quello che hai descritto, quella sensazione così rassicurante che ti permette di dormire profondamente solo perchè sei a casa della tua mamma?!?!?!?
    Come sai anch'io ora sono nel posto più sicuro del mondo, dove nulla mi manca, perchè ci pensa lei, con le sue terapie d'attacco contro l'anoressia, cosa che mai mi verrà di sicuro, ma che lei esorcizza a suo modo, preparando millemila cose buone, per rimettermi su.
    La tua zuppa è una novità per me e per questo mi incuriosisce tanto. Non so nemmeno se qui posso trovare gli ingredienti giusti. Ci proverò e l'assaggerò.
    Come al solito le tue foto.... ma che te lo dico a fare più!!!!
    un abbraccio a te e alla tua bella mamma.
    Anna

    RispondiElimina