venerdì 11 aprile 2014

Mattonella ai mirtilli al profumo di timo

mattonella ai mirtilli-8350

Siamo tornate alle nostre abitudini del mercoledì.

Lei con la sua giacchina  rossa di lana cotta, il foulard leggero legato al collo, un filo di trucco e le gote tornate rosee come sempre. E’ seduta di fianco e ogni tanto le sfioro la gamba, il braccio, la guardo mentre ride e chiacchieriamo di tutto e facciamo progetti per l’estate... è di nuovo qui accanto a me, felice.

La giornata è calda, piena di sole, scorrono sotto di noi campi immensi, grassi, rigogliosi; magnifici aironi cinerini si alzano in volo e  sembra un paesaggio così diverso adesso, dopo il lungo inverno piovoso in cui ci erano apparsi così desolati e tristi, sommersi com’erano da una coltre d’acqua stagnante. Questo tratto di strada che da Massa ci porta a Pisa, lo avremo fatto non so quante volte in questo ultimo anno, lei però lo vive sempre come una novità e mi dice, soddisfatta: “ vedi, ora andrei fino a Roma”, come se Roma fosse in capo al mondo. Quasi quasi la prossima volta tiro dritto e ce la porto. 

La meta di oggi, a parte una breve visita di controllo e la conferma di una bellissima notizia che aspettavamo, è l’Ikea. E non tanto per le cose da comprare.

*Non ridete vi prego, so benissimo che per una foodblogger e una mamma che fa manicaretti ogni giorno della settimana non fa elegante, ma noi adoriamo le polpette servite con la confettura di ribes e le patatine novelle, in più aggiungiamo sempre, una porzione (in due) di patatine fritte come antipasto. Ecco l’ho detto, mamma, ora lo sanno tutti.*

Dopo un primo momento di piacevole sorpresa perché la sala ristoro di questa Ikea pisana è davvero grande e colorata come non ne aveva mai viste, sceglie con calma uno dei tavoli vicini alla grande vetrata, si sistema per benino come se  fosse al banco di scuola e mi aspetta paziente, mentre mi faccio un’ora di coda al self service, guardando fuori la nostra macchina che è parcheggiata proprio lì sotto, vicino all’entrata.

Ogni volta che parlo di lei penso ad un dolce e chi la conosce sa che può essere paragonata solo ad una torta morbida. Questa poi, oltre ad essere morbida e ripiena di mirtilli, ha anche quel delicato aroma del timo limonino esaltato dalla scorza grattugiata di lime e che insieme al gusto caramellato e intenso dello zucchero Gulamerah di Bali che si ottiene dai fiori della palma da cocco dà vita ad un connubio davvero particolare. Ma non è finita qui.

mattonella ai mirtilli-8355-2

Vi ricordate di quella bellissima iniziativa organizzata dal Consorzio Agrario di Siena di cui sono stata una delle ‘protagoniste’ la scorsa estate? Bene da quella esperienza ho imparato molte cose e sono venuta a conoscenza di prodotti interessanti come la farina di grano Verna. Il grano Verna è una varietà antica nata dall’incrocio di altre due varietà che lo rendono particolarmente rustico e adatto ad essere coltivato  anche nelle zone montane. Dopo un trentennio in cui è stato ‘abbandonato’ perchè meno produttivo degli altri tipi di grano è stato riscoperto in questi ultimi anni grazie all’Ente Toscano Sementi, una istituzione fondata negli anni ‘30 e di cui fanno parte anche l’Università Agraria di Firenze e il Consorzio Agrario di Siena.

Grazie ad accurati studi  è emerso che si tratta di un grano naturalmente povero di glutine e quindi adatto a chi soffre di intolleranze anche se non è specifico per i celiaci e per chi soffre di problemi digestivi. E’ così che  Il consorzio Agrario di Siena ha incoraggiato i suoi soci a dedicarsi alla sua coltivazione. La macinatura a pietra a bassa velocità fa sì poi che al suo interno rimangano non solo il germe di grano ma anche una  notevole quantità di vitamine e sali minerali così importanti per la nostra salute. Io lo compro qui.

mattonella ai mirtilli-8310-2

 

Ingredienti:

180 gr farina di grano Verna tipo 2

150 gr burro ammorbidito

150 gr zucchero dai fiori di cocco

90 ml latte

2 uova

1 cucchiaino di lievito per dolci

scorza grattugiata di lime

150 gr mirtilli neri

qualche rametto di timo

Per la decorazione

120 gr mirtilli neri

50 gr zucchero a velo

succo di mezzo lime

mattonella ai mirtilli-8311-3

Mettete lo zucchero dai fiori di cocco in un macinino, azionatelo a tratti fino a renderlo più sottile. In una  boule, utilizzando delle fruste elettriche, montate il burro morbido con lo zucchero ottenendo una crema soffice e omogenea. Unite le uova una alla volta, la scorza grattugiata del lime e la farina setacciata con il lievito per dolci.

Lavate e asciugate il timo e unite le sue foglioline all’impasto.

Sciacquate i mirtilli, tamponateli con carta da cucina e infarinateli leggermente, uniteli al composto e amalgamate il tutto.

Imburrate una teglia quadrata con i lati di 18 cm, versatevi il composto  e infornate a 160° (ventilato) per 25 minuti circa. Se lo cuocete a forno statico aumentate la temperatura intorno ai 170°.

mattonella ai mirtilli-8361

In una padella antiaderente mettete i restanti mirtilli con lo zucchero a velo e il succo del lime, cuocete qualche minuto.

mattonella ai mirtilli-8358-2

A fine cottura togliete la torta dal forno, fate la prova dello stecchino e quindi se ne esce asciutto significa che il dolce è cotto alla perfezione, fatelo raffreddare per 5 minuti nella teglia e poi sformatelo e mettetelo a raffreddare completamente su una gratella.

Sistemate il dolce su un piatto da portata, versate sulla superficie i mirtilli sciroppati, qualche fogliolina di timo e una grattugiatina di scorza di lime una spolverata con zucchero a velo e servite.

mattonella ai mirtilli-8378-3

 

with love

Pippi

24 commenti:

  1. L'ho sempre detto: sono i dettagli che fanno la differenza, ogni volta mi perdo da te, nei tuoi racconti, nelle tue foto. Spero tanto di poterti incontrare dal vivo...

    RispondiElimina
  2. Bella la tua mamma, belle voi insieme.

    RispondiElimina
  3. Pura poesia da te... sempre!
    Dalle parole, alle foto, alle emozioni che lasci trasparire....
    Un abbraccio Pippi!

    RispondiElimina
  4. Pura poesia da te... sempre!
    Dalle parole, alle foto, alle emozioni che lasci trasparire....
    Un abbraccio Pippi!

    RispondiElimina
  5. Mi sono commosa leggendo la prima patye del post. Mi hai fatto pensare alla mia mamma e a tutte quelle cose che non potró più fare con lei. Goditi sempre più spesso questi attimi con tua madre, semplici e belli come questo da te descritto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Sei incantevole, sono rimasta rapita dalle tue parole e mi sono commossa......non riesco a dire altro, oltre alla tua super bravura come artista sei fantastica come persona!!! orgogliosa di averti come amica ...tvb

    RispondiElimina
  7. Che bello pensare alla propria madre come ad una torta morbida! Immagino per il conforto che trovi nei suoi abbracci; per il profumo di fresco che porta con sè nelle stanze; per la dolcezza dei suoi gesti, mai stucchevoli e sempre graditi! Per fortuna solo buone notizie! e l'umore che sale fin sopra le stelle! :-)
    Fantastica torta dal cuore dolce al sapore di mirtillo... un vero cuore di mamma!!! :-*

    RispondiElimina
  8. Ti leggo sempre Pippi, ma non commento molto… però amo troppo quando si parla delle mamme e tu lo fai con una delicatezza che è impossibile non sentirsi partecipi e avere voglia di correre dalla propria di mamma e riempirla di baci… e magari preparare subito dopo una torta che sa di primavera e cose buone.
    Un abbraccio,
    Katy

    RispondiElimina
  9. meraviglia delle meraviglie....^_^ niente parole solo acquolina

    RispondiElimina
  10. Mi hai fregata ancora, Laura... vengo qui, curiosa delle nuove foto, e poi resto impigliata nelle parole e la pausa che doveva essere solo di 1 minuto si allunga, con piacere... è successo anche stavolta, forse anche un pochino di più, perchè se mi parli di mamma, Ikea, torta morbida e dell'idea folle e bellissima di tirar dritto fino a Roma... ;-)
    Mi hai trasmesso una sottile e intensa emozione... e la vedo davvero quella giacca rossa di lana cotta...

    RispondiElimina
  11. ...al di là del godimento pro polpetta, è meraviglioso il momento...
    ah, anche la ricetta ;-)

    RispondiElimina
  12. Ed io sono felice di sapere che lei è vicino a te e che sta bene, questo post emozinale è bellissimo ed intenso proprio come i tuoi scatti che sanno di cose semplici e buone.
    Baci belle donne

    RispondiElimina
  13. E' sempre piacevole leggere tutto quello che condividi con noi ed anche emozionante !!!! Un grande abbraccio alla mamma. La torta deve essere una squisitezza oltre che bella.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  14. Laura leggendoti scopro sempre qualcosa in più di te...ma la dolcezza quella l'ho percepita al primo incontro!
    Credo che tutti abbiano assaggiato le polpettine dall'ikea con la confettura di ribes...ed io non me ne vergognerei proprio

    Il dolcino che hai dedicato alla tua mamma è delizioso oltre che delicato...proprio come quelli che piacciono a me!

    Un bacio
    Silvia

    RispondiElimina
  15. meravigliosa e deliziosa!!!
    http://duecuoriinpadella.blogspot.it/

    RispondiElimina
  16. Per un puro caso ho scovato il tuo blog... caspita, me ne sono innamorata!
    Inutile fare complimenti, non ne avrei abbastanza! Mi limiterò a seguirti con molta curiosità! :)
    ...e che belle, le foto!

    RispondiElimina
  17. Cara Laura, sono felice di saperti accanto a tua figlia e in questo bellissimo insieme di emozioni e sensazioni. Ogni momento andrebbe goduto e assaporato, anche quello all'apparenza più banale e, lo sappiamo bene, le cose più semplici sono sempre le più vere e ci fanno molto bene. Non è vero? Ti mando un abbraccio da una Milano ancora un po' addormentata e avvolta in una leggera foschia mattutina. A presto, Vale

    RispondiElimina
  18. .. finalmente dopo un po' di giorni che avevo visto questa tua ricetta, sono riuscita a tornare per lasciarti un piccolo segno..
    Mi sono sempre chiesta come tu riesca ad essere così semplice e così elegante allo stesso tempo.. ora, dopo essermi lasciata trasportare delle tue parole credo di aver capito che "amore" e "passione" siano due parole chiave nei tuoi dolci :D Sei bravissima davvero, ma questo lo sai già.. solo ci tenevo a dirtelo anche io :D
    Un abbraccio, buona serata
    SIlvia

    RispondiElimina
  19. Arrivo, incuriosita dall'abbinamento mirtillo e timo... e come sempre ad incantarmi sono le tue parole! Ma sì, fallo uno strappo fino a Roma, sai come la sorprendi! :) Ah... anche a noi piacciono le polpette di ikea con la salsa di ribes... Mal comune? ;)

    RispondiElimina
  20. mi sono commossa moltissimo leggendo la prima parte del post...proprio sabato sono stata in giro per Bergamo con la mia mamma e non lo facevamo da tempo! Troppo bello! Devo ricordarmi di non dare mai per scontati questi momenti!!

    RispondiElimina
  21. Ed uno strappo fino a Napoli ??' >_<
    Sono tanto felice per te, tanto. Bello questo dolce :p

    RispondiElimina
  22. complimenti e' una vera delizia , mi piace moltissimo ......felice pasquetta .

    RispondiElimina
  23. complimenti e' una vera delizia , mi piace moltissimo ......felice pasquetta .

    RispondiElimina