lunedì 22 aprile 2013

Soffice cake alle fragole–Soft strawberries cake

Attraverso l’Arno con gli alberi che si specchiano in lui e la luce del tramonto che affievolisce lentamente. L’istinto è quello di scendere dall’auto e rimanere qui, sul bordo del ponte,  e riempirmi gli occhi. Il traffico me lo impedisce. Allora lo seguo con avidità, fino a quando non sparisce completamente dietro me. Socchiudo gli occhi e lui mi torna in mente, come un ricordo indelebile. E’ tanto bello oggi questo fiume, placido e arrendevole che mi verrebbe voglia di immergermi completamente.

Il viaggio di ritorno con quel luccichio sulla superficie dell’acqua, la strada che scorre veloce sotto di me e i pini che si aggrovigliano nascondendo segreti indicibili, tutto mi  serve per comprendere meglio ciò che mi sta accadendo.

Ho iniziato per caso a fotografare, ho proseguito solo per amore. E quando amo, è per sempre.

E se solo riuscissi anche per un attimo, a far percepire a quegli occhi  che ora mi guardano così pieni di aspettative, immensi e profondi, se solo riuscissi a far percepire quello che provo, quel ‘brivido’ che mi scorre dentro quando ho una macchina fotografica e una luce da ammaliare…..una magia.

Non è mai troppo tardi per scoprire una parte nascosta di noi, abbandonarsi  e ritrovarsi allo stesso tempo.

Io lo sto facendo.

Occhiolino

Ingredienti:

400 g  fragole

150 g farina 00

100 g zucchero semolato

80 ml latte parzialmente scremato

50 g olio di semi di mais

1 uovo

1 cucchiaino di lievito per dolci

un pizzico di sale

per caramellare le fragole:

3 cucchiai di zucchero

3 cucchiai di calvados

i ciuffetto di menta fresca

Preparazione:

Lava molto bene le fragole, tamponale con carta da cucina, elimina il picciòlo e tagliale a tocchetti. In una ciotola, con una frusta a mano, sbatti l’uovo con lo zucchero e poi aggiungi un pizzico di sale. Quando il composto è diventato abbastanza chiaro e spumoso unisci la farina setacciata con il lievito alternando con l’olio e il latte.

La crema deve risultare piuttosto morbida.

Imburra una teglia di 18 cm di diametro e versaci il composto. Distribuisci le fragole facendole penetrare bene dentro ricordandoti di tenerne due manciatine per la decorazione finale.

Cospargi di zucchero semolato e inforna a 160° per 25 minuti circa.

Lascia raffreddare la tortina per una decina di minuti dentro la teglia e poi sformala lasciandola su una gratella fino a che non si è raffreddata del tutto.

Nel frattempo fai caramellare le restanti fragole mettendole in una padella meglio se antiaderente con i tre cucchiai di zucchero e i tre cucchiai di calvados. Lascia cuocere per un paio di minuti e poi distribuisci il tutto sulla superficie del dolcino completando con qualche fogliolina di menta fresca.

Preparala per un dopo pranzo di maggio quando le fragoline saranno piccole e succose.

Ingredients:

400 g strawberries

150 g all porpouse flour

100 g caster sugar

80 ml semi-skimmed milk

50 g of corn seed oil

1 egg

1 teaspoon of baking powder

a pinch of salt

To caramelize strawberries you need:

3 tablespoons sugar

3 tablespoons calvados

a sprig of fresh mint

Wash the strawberries very well, dry them with paper towels, remove the stem and cut into chunks. In a bowl, with a hand whisk, whisk the egg with sugar and add a pinch of salt. When the mixture is quite light and fluffy combine the flour sifted with baking powder alternating with oil and milk.

The cream should be quite soft.

Grease a baking pan of 18 cm in diameter and pour the mixture. Distribute the strawberries but remember to keep aside some of them for the final decoration.

Sprinkle with sugar and bake at 160 degrees for about 25 minutes.

Leave the cake to cool for about ten minutes and then remove it from the bakingpan leaving it on a wire rack until completely cooled.

In the meantime, caramelize the remaining strawberries putting them in a pan, better if non-stick, with three tablespoons of sugar and three tablespoons of calvados. Cook for a few minutes and then distribute it all over the top of the cake garnishing with a few leaves of fresh mint.

Make this cake for an after lunch in May when the strawberries are small and juicy.

 

with love

Pippi

Cuore rosso

venerdì 19 aprile 2013

Whorkshop food & photography

Per una serie di coincidenze e complice una ragazza sempre piena di idee e iniziative, la dolce Sara di Dolcizie, Morena  di mentaecioccolato ed io saremo insieme per una giornata all’insegna del divertimento!

Ricordatevi: 18 maggio 2013!

Tutto questo è stato reso possibile però grazie alla grande disponibilità di Roberto Astuni  che ci ha messo a disposizione una location fantastica a Bassano del Grappa in provincia di Vicenza, l’Hotel e Ristorante Alla Corte.

La giornata inizierà alle 10 con il workshop dedicato alla pasticceria della brava Morena Roana fino alle 13. Con lei farete la lemon meringue pie con il procedimento spiegato come solo lei può fare. Ci sarà una breve pausa pranzo e poi di corsa con me dalle 14 alle 18 per fotografare  tutte le prelibatezze preparate la mattina. Il mio corso, per chi fosse interessato alla fotografia food, si esplicherà in due momenti: una prima parte teorica dove ci rinfrescheremo le idee sulle tecniche di base della fotografia, cercheremo di imparare a gestire la luce sia naturale che artificiale e impareremo a comporre un’immagine food efficace. Di seguito ci sarà invece una parte dedicata alla messa in pratica di tutte le cose imparate, fotograferemo. Creerò per voi due set fotografici diversi e ci divertiremo a ritrarre non solo i piatti protagonisti ma anche i particolari  che a me piacciono tanto.

Insomma un programma intenso per chi desidera partecipare ad entrambi i corsi, con la possibilità, naturalmente, per chi volesse, di farne anche solo uno di entrambi.

Data ultima per le iscrizioni il 13 maggio 2013 ( che è anche il giorno del mio compleanno) Sorriso

Per informazioni più dettagliate potete scrivere a:

- Morena Roana   morena@mentaecioccolato.com per chi fosse interessato al corso di pasticceria.

- a me, Laura Adani  laurad66@hotmail.it per chi fosse interessato al corso di fotografia food.

Comunque sia, vi aspettiamo numerosi per una giornata in allegria!

Promesso che non ve ne pentirete!

Sorriso

 

with love

Pippi

venerdì 12 aprile 2013

Pastiera


Non sono sparita.
Solo un periodo intenso come non lo è mai stato, con novità in vista, belle ed importanti, con i corsi da preparare al meglio e altri da organizzare in città nuove,  tante fotografie da scattare e altrettanti piatti da cucinare.
Insomma, progetti grandi e piccoli da far crescere.
La cosa incredibile è che tutto questo accade grazie all’incontro  con donne feconde di idee, donne energiche ed appassionate, donne che hanno messo alla base del loro successo serietà, impegno, determinazione  ma anche tanto cuore.
Ecco, mi sono fatta travolgere.
Cosa può nascere quando queste donne decidono di sostenersi a vicenda, quando si stringono l’una all’altra, quando il successo di una è il successo di tutte?
Possono nascere solo cose belle, credetemi.
Occhiolino
La mia prima volta con la pastiera e per giunta senza ‘ruoto’, mi scuserete. Ma come sempre accade con le ricette della nostra tradizione, le versioni sono tantissime ed ogni famiglia ha la propria, che è, generalmente, sempre la migliore. Il risultato? E’ che tu chiedi in giro e non saprai mai a chi dar retta!
Va bene, questa è la mia versione di una pastiera pensata e realizzata addirittura dopo Pasqua, dietro una precisa richiesta che ho esaudito con curiosità ed interesse.
A noi è piaciuta molto e penso proprio che la rifarò. Sorriso

Ingredienti:
Frolla:
500 gr farina 00
250 gr burro morbido
250 gr zucchero
2 uova + 1 tuorlo
scorza limone grattugiata
un pizzico di sale
1 uovo per spennellare la superficie
Ripieno:
250 gr grano cotto (oppure circa 150 gr di grano da cuocere)
250 gr ricotta
250 gr zucchero
200 ml latte intero
3 uova
50 gr cedro candito
50 gr arancio candito
50 gr burro
1 cucchiaino di cannella
poche gocce di acqua di fiori d’arancio
scorza limone grattugiata

In una ciotola mescola la farina con lo zucchero, il pizzico di sale e la buccia grattugiata del limone. Unisci il burro a temperatura ambiente tagliato a cubetti e lavora con le dita in modo da ottenere un composto sbriciolato. Aggiungi le uova una alla volta ed impasta velocemente  ottenendo un composto liscio ed elastico che potrai anche lavorare  subito senza riposo in frigorifero.
Se non trovi il grano cotto (come nel mio caso) compralo in chicchi e lessalo in pentola a pressione per far prima. Scolalo dal liquido e mettilo in una casseruola con il latte, il burro e la buccia del limone grattugiata. Porta ad ebollizione, poi abbassa la fiamma e lascia sobbollire dolcemente fino a quando il grano non avrà assorbito tutto il latte. Versalo in una ciotola  pulita e lascia che si raffreddi.
In un’altra ciotola lavora la ricotta con un frullino elettrico in modo da renderla cremosa aggiungendo lo zucchero, le uova, le gocce di acqua di fiori d’arancio e la cannella. Mescola la crema di ricotta con il grano cotto nel latte ed aggiungi il cedro e l’arancio canditi che avrai tagliato a dadini.
Fodera la teglia imburrata e infarinata (non avevo il ‘ruoto’ ) con la pasta frolla, bucherella il fondo con una forchetta e versa il composto di grano e ricotta. Taglia la pasta a livello della crema e con l’eccedenza ricavane tante strisce che serviranno per decorare la torta. Sbatti l’uovo e  spennellalo sulle strisce.
Inforna a 180° per circa 40 minuti (ma dipende sempre dal tuo forno).
Preparala almeno il giorno prima.

Pastiera.
Ingredients for the crust:
500 gr flour 00
250 gr soft butter
250 gr sugar
2 eggs + 1 egg yolk
grated lemon zest
a pinch of salt
1 egg to brush the surface
Filling.
250 g cooked wheat (or about 150 grams of grain to be cooked)
250 gr ricotta cheese
250 gr sugar
200 ml whole milk
3 eggs
50 gr candied citron
50 gr candied orange
50 gr butter
1 teaspoon of powder of cinnamon
a few drops of orange flower water
grated lemon zest
Directions.
In a bowl, mix the flour with sugar, a pinch of salt and grated lemon peel. Combine the butter at room temperature and previously cut into cubes, works with your fingers to obtain a crumbled mixture. Add the eggs, one at a time, and knead quickly untill smooth and elastic dough. Now you can roll out the dough with no rest in the refrigerator.
Place the cooked wheat in a saucepan with milk, butter and grated lemon zest. Bring to a boil, then lower the heat and leave to gently simmer until the wheat has absorbed all the milk. Pour into a clean bowl and let it cool.
In another bowl, work the ricotta cheese with an electric mixer to make it creamy, add sugar, eggs, water drops of orange flower and cinnamon. Mix the cream of ricotta cheese with the wheat cooked in milk, add the candied citron and orange cut into cubes.
Lining a greased baking tin with the pastry, prick the bottom with a fork and pour the mixture of wheat and ricotta cheese. Cut the dough at the level of the  filling and with the rest of the pastry cut some strips to decorate the cake. Brush the strips of dough with the beaten egg.
Bake at 180 degrees for about 40 minutes (but it always depends on your oven).
Prepare this cake at least the day before.

With love
Pippi
Rosa rossa

lunedì 1 aprile 2013

Plumcake alle mandorle e confettura d’arancia–Almond plumcake with orange jam

(english version below)

Lasciare una strada per prenderne un’altra, fermarsi, guardare indietro, andare avanti o tornare sui propri passi, sembra facile.

Non lo è, mai.

Ogni scelta lascia un segno, grande o piccolo che sia. Mille segni che diventano parte di te.

Tempo fa credevo che tutto stesse cambiando ‘intorno’ a me, in realtà qualcosa stava cambiando solo ‘dentro’ me. Ho preso una macchina fotografica e ho capito.

Scoprire nuove passioni ti illumina il percorso.

Non so dove mi porterà, so solo che mi farà compagnia da qui all’infinito.

Chi viene con me?

Occhiolino

Dopo giorni di colombe glassate e uova di cioccolato, ritorno alla mia vera passione, i dolci rustici. Farina e zucchero integrale, frutta secca ed un unico tocco voluttuoso: la confettura di arance.

Invitate una cara amica che non vedete da tempo, come ho fatto io, offritele un caffè o un buon té e tra una chiacchiera e l’altra gustatevi questo dolce, fetta dopo fetta.

E preparatevi, perché è così buona che lei vorrà la ricetta. Un dono. Regalare una ricetta è sempre una bella cosa.

Ingredienti:

120 gr farina 00

60 gr farina integrale

140 gr olio extravergine d’oliva o un buon olio di semi di mais

100 gr zucchero di canna

100 gr mandorle sgusciate, tostate e tritate grossolanamente

3 uova

4 cucchiai di confettura di arancia

1/2 bustina di lievito per dolci

un pizzico di sale

In una ciotola sbatti le uova intere con lo zucchero fino a farle diventare belle gonfie. Unisci l’olio continuando a mescolare, le mandorle tritate e una presa di sale.

Aggiungi la farina integrale e poi la farina 00 setacciata con il lievito. Continua a mescolare fino a che non avrai ottenuto un composto omogeneo. Unisci la marmellata, dai una mescolata veloce e versa il composto in uno stampo da plumcake imburrato e infarinato.

Inforna a 160° e cuoci per 35/40 minuti.

Se vuoi, prima di servirlo spolvera con dello zucchero a velo.

Aspettando che la primavera si decida ad uscir fuori, i primi fiori della stagione, direttamente dal mio giardino…Cuore rosso

Almond plumcake with orange jam .

Ingredients:

120 gr plain flour

60 gr wholemeal flour

140 gr exrtavergin oil or a good  corn seed oil

100 gr brown sugar

100 gr shelled almond, toasted and coarsely chopped

3 eggs

4 tablespoons of orange jam

1/2 a bag of baking powder

a pinch of salt

Directions:

In a bowl, whisk the eggs with sugar until swollen. Combine the oil, stirring constantly, ground almonds and a pinch of salt.

Add the wholemeal flour and then the plain flour sifted with the baking powder mixing untill obtaining an homogeneous mixture. Add the jam and stir quikly. Pour the mixture in a greased and floured loaf pan. Bake at 160° for about 35/40 minutes. Before serving  sprinkle the surface with icing sugar.

 

with love

Pippi

Rosa rossa