mercoledì 31 luglio 2013

Siena il jazz e …

Siena è molte cose.

E’ un tramonto rosa sopra i tetti, una fresca alba tra le strade semideserte

Siena è lo stendardo di una contrada vincente,

una piazza gremita di turisti e di giovani.

Siena in questi giorni è musica, note jazz che risuonano in una cornice maestosa, come la sera del 24 luglio con il concerto del bravissimo Claudio Fasoli e la sua band.

Ma soprattutto Siena è fatta di uomini e donne che amano profondamente la loro terra e lavorano per valorizzarla.

Ringrazio la Confcommericio di Siena, che ha patrocinato gli eventi di Siena and Stars, in particolare nella persona di Luisella Bartali, con la quale ho condiviso una piacevole giornata. Ringrazio Patty per avermi coinvolta in questa esperienza che mi ha aperto gli occhi su molte cose che si potrebbero fare anche qui da me, nell’ultimo lembo di Toscana che si spinge tra l’Emilia e la Liguria.  Ho conosciuto infatti uomini come Roberto Neri e Alessandro Pannacci del Consorzio Agrario di Siena che svolgono ogni giorno con passione e serietà un ruolo determinante affinché il territorio e le sue eccellenze agroalimentari siano tutelate ed incentivate.  Il consorzio di Siena dovrebbe essere preso ad esempio, in quanto affianca, alla sua classica funzione istituzionale, anche un solido apporto di valorizzazione delle produzioni tipiche con una propria catena di splendidi negozi, come quello che abbiamo visitato nel pieno centro storico di Siena, e con un paio di ristoranti, uno a Foiano della Chiana (AR) e l’altro a San Gimignano. Siamo state accolte in un antico palazzo, dove il consorzio ha la sua sede, dal quale abbiamo potuto ammirare una Siena sui tetti indimenticabile e dove lo chef Massimiliano Cappelli ha cucinato per noi una cena veramente speciale!

Siena è  cultura in tutte le sue accezioni, non ultima, la cucina e la sua tradizione che oggi, sempre più, si sposa con l’innovazione e la creatività dei bravi chefs che animano i ristoranti della città.

All’interno della manifestazione Siena and Stars, sono stata abbinata allo storico ristorante Guido che trovate in Vicolo Pier Pettinato al numero 7 (proprio davanti alla famosa pasticceria Nannini). Sarete accolti da un omone simpatico e sempre sorridente, il signor Franco Landi con il quale, tra l’altro, ho in sospeso una ‘colazione’ a base di uova, rigatino e un buon calice di vino!

Franco Landi insieme alla sua socia e brava chef, Maria Antonietta Scorrano e alle sue sorelle Luisa e Franca,

gestisce con grande professionalità e attenzione per i particolari, questo splendido locale la cui storia si legge tra le pareti di mattoni.

Ma non dimentichiamoci di Cosimo D’Anna in sala, Valerio Monalli in cucina e ancora, in sala, Domenico Mastrandrea.

Per la serata dedicata al jazz, frizzante e pieno di pathos, del bravo Claudio Fasoli, la chef Maria Antonietta ha abbinato un menù altrettanto colorato:

- Fiori di zucca gratinati, ripieni di ricotta profumata al basilico

- Filetto di maialino con peperoni rossi e verdi

- Panna cotta con cioccolato e menta

 

Tutto questo per la gioia dei numerosi avventori, alcuni dei quali hanno persino acconsentito a farsi fotografare da me!

Tornerò presto in questa città me lo sento.

 

with love

Pippi

Cuore rosso

10 commenti:

  1. Che emozioni, Pippi cara! <3 Tra profumi, atmosfere, colori, sapori.. c'è da restare incantati! Adoro Siena e queste immagini mi hanno messo tanta nostalgia di tornarci! Tutto fantastico, grazie di cuore!! <3 <3

    RispondiElimina
  2. Hai immortalato in modo sublime una città un evento ed un cibo fantastici. Mi sono piacevolmente persa nel tuo post. Un saluto Emanuela.

    RispondiElimina
  3. Siena è davvero fantastica! Complimenti per le foto! :) Ho da poco aperto anche io un nuovo blog! Se ti va di passare! :)
    Buona giornata a te!

    http://ilconcertochevorrei.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Cara Laura, le tue immagini non potevano raccontare meglio questa esperienza. Tu hai riempito queste giornate con la tua allegria travolgente ed il tuo sguardo lieve per ogni cosa. E' stato veramente bellissimo averti con noi. Difficilmente dimenticherò questi giorni. Grazie con tutto il cuore per aver partecipato. Con grande affetto. Pat

    RispondiElimina
  5. Che emozione leggere le tue emozioni verso Siena. Bellissime foto che ben descrivono la bellissima esperienza. Ti abbraccio forte Pippi cara, da domani il blog va in ferie e io con lui. Mi mancherai! ma noi siamo sempre in contatto e se non sarà settembre, sarà presto che ci rivedremo. Buone vacanze tesoro <3

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post Laura/Pippi...le tue immagini fanno da splendida cornice al racconto. Mi emoziona cogliere in ogni post lo sguardo diverso di ognuna di noi, lo stile, la visione personale dell'esperienza. Mi sento arricchita.
    Ti abbraccio
    Sabina

    RispondiElimina
  7. Thank you for reminding me of a wonderful trip that I had to Siena some years ago - I flew into Pisa and spent a considerable time at the railway station waiting for a train to Florence while watching several trains leave for Firenze! However I eventually caught the right train, even made the correct change of trains, to arrive in Siena on a warm summers evening. My taxi delivered me to my hotel and when asked by the reception clerk if I would like a hand with my bags I said no, after-all there was a lift. Arriving at the top floor I saw a sign pointing to my room, at the top of a further 20 marble steps! But there was nothing for it but to heave and drag my cases up the stairs into the room where I collapsed on the bed. Sometime latter and somewhat recovered I opened the shutters and was met by a view right across the city, with the sun just setting - your opening shot to this blog. It was a truly memorable trip and I really must get back!

    RispondiElimina
  8. Thank you for reminding me of a wonderful trip that I had to Siena some years ago - I flew into Pisa and spent a considerable time at the railway station waiting for a train to Florence while watching several trains leave for Firenze! However I eventually caught the right train, even made the correct change of trains, to arrive in Siena on a warm summers evening. My taxi delivered me to my hotel and when asked by the reception clerk if I would like a hand with my bags I said no, after-all there was a lift. Arriving at the top floor I saw a sign pointing to my room, at the top of a further 20 marble steps! But there was nothing for it but to heave and drag my cases up the stairs into the room where I collapsed on the bed. Sometime latter and somewhat recovered I opened the shutters and was met by a view right across the city, with the sun just setting - your opening shot to this blog. It was a truly memorable trip and I really must get back!

    RispondiElimina
  9. Lauretta, già Siena è pura magia, poi l'evento organizzato con questo sottofondo di musica meravigliosa ne aumenta il fascino.... Se poi tu ce la racconti con le tue foto diventa poesia.
    Bravissima. per la prima volta ho provato un pò di (sana) invidia nei vostri confronti che avete potuto godere di tutta questa bellezza.
    Grazie!

    RispondiElimina