domenica 20 gennaio 2013

Cocotte tiepide di miglio, mele e pinoli–Warm cocottes with millet, apples and pine nuts

(english translation below)

E’ pomeriggio.

I ricordi affiorano come al rallentatore e rimangono lì, in attesa che lei li raccolga e li trasformi in parole che abbiano un senso.

La paura di non esserne capace torna prepotente, ancora una volta.

Ma adesso, sdraiata accanto a lui, la guancia appoggiata sul petto dalla parte del cuore, chiude gli occhi, e mentre ascolta il battito regolare che si mescola con il respiro profondo, lui le sparge mille baci tra i capelli…

…e ogni piccola inquietudine svanisce.

Cuore rosso

Un dolce al cucchiaio, da assaporare tiepido. Fatto di un cereale così piccino, il miglio, e così inusuale, che tutti pensano sia solo cibo per passerotti. Già solo questo lo rende magico ai miei occhi.

Ma cotto lentamente nel latte profumato d’arancia e mescolato a delle piccole e succose mele annurca si trasforma in un dessert quasi d’altri tempi.

Sono una inguaribile romantica che cerca di prendere la vita con morbidezza… se fossi un dolce… sarei una di queste cocotte tiepide. Senza ombra di dubbio.

E’ questa la bella raccolta e contest che Il Bosco di Alici ha pensato per festeggiare il suo primo blogcompleanno:

bannerALZATAdef

ed io partecipo con piacere!

E voi?

Ingredienti per 4 cocotte:

70 gr miglio decorticato

500  ml latte fresco

50 gr zucchero di canna mascobado

2 uova separate

1 o due mele annurca

1 manciatina di uvetta

40 gr pinoli

una buccia di arancia

pizzico di sale

Procedimento:

per prima cosa sciacqua sotto l’acqua corrente il miglio, raccogliendolo in un colino a maglie fitte e poi lascialo scolare bene.

In una casseruola versa il latte  con una buccia di arancia e un pizzico di sale. Aggiungi il miglio  e porta a bollore. A questo punto abbassa la fiamma e lascia sobbollire per una ventina di minuti o fino a quando il miglio non avrà assorbito tutto il liquido. Togli la buccia di arancia e lascia intiepidire.

In una ciotola sbatti bene i tuorli con lo zucchero di canna aiutandoti con una frusta a mano, falli diventare spumosi e chiari.

Aggiungi la crema di miglio e l’uvetta sciacquata.

Sbuccia la mela, tagliala a pezzettini molto piccoli ed incorporali subito nell’impasto, in modo che non abbiano il tempo di annerirsi.

In un’altra ciotola monta a neve ben ferma gli albumi ed incorporali all’impasto con movimenti lenti dal basso verso l’alto.

Ungi le quattro  cocotte e versaci il composto, distribuisci i pinoli sulla superficie e inforna a 160° per 20 minuti circa.

Ingredients for 4 cocotte:

70 gr millet

500 ml fresh milk

50 gr brown sugar mascobado

2 eggs separated

One or two apples annurka

1 handful of raisins

40 gr pine nuts

an orange peel

pinch of salt

 

Firstly rinse the millet very well under running water using a colander with a dense grid. Then let it drain.

In a saucepan pour the fresh milk with an orange peel and a pinch of salt. Add the drained millet and bring to a boil. Lower to a simmer and cook, covered, for 20 to 25 minutes. Remove the orange peel, fluff with a fork and let it rest and cool.

In a bowl, using a hand whip, beat the egg yolks with the brown sugar untill creamy and soft. Add the warm millet, an handfull  of raisin and mix well.

Wash and peel the apple, cut into small pieces and add  immediately to the mixture to prevent their turning brown.

In another bowl whip the egg whites untill stiff  and then add to the mixture with gentle movements from bottom to top.

Grease the cocottes and pour the mixture inside each of them, garnish the top with the pine nuts and bake at 160° for 20 minutes.

 

with love

Pippi

Cuore rosso

30 commenti:

  1. ecccavilini se mi piace...e la melannurca del sud, con te che sei "nordica"..complimenti!

    RispondiElimina
  2. Le tue foto mi lasciano, ogni volta, senza fiato. Un dolce d'altri tempi, come dici tu, che profuma di "pane", di buono, di casa, adatto in una giornata come questa a scaldare il cuore. Brava Pippi. Un bacio.

    RispondiElimina
  3. Un dolce caldo, confortevole, raccolto.. si, proprio come uno di quegli abbracci che non richiedono parole, proprio come un lento avvicinarsi ad un battito di cuore che fuga ogni certezza e regala il tepore di cui avevamo bisogno: ed è l'amore che da, senza che riusciamo a chiedere. Tenerissimo istante, nei sapori di un cucchiaio e nei battiti di un'anima. Ti abbraccio, bella Pippi. Forte :)

    RispondiElimina
  4. Oxana... :-* :-* grazie!!!

    Milady...io adoro questa mela!! :-)

    Annarita grazie a te e in bocca al lupo per il tuo contest! :-)

    Ely tesoro, grazie ogni volta per le tue belle parole.... :-*

    RispondiElimina
  5. Pippi, chapeau. Ho comprato recentemente il miglio e come primo esperimento ho appunto provato a fare un pudding dolce, cuocendolo nel latte (cioè ho fatto metà cottura nel'acqua e poi nel latte): sarà perchè non gli ho poturo dedicare il giusto tempo causa bimbo malato,sarà perchè sono imbranata (più la seconda) mi è venuto un mappazzone in cui il miglio era anche ancora crudo. Ma io non desisto! La luce di queste foto è bellissima :)

    RispondiElimina
  6. Mi piacciono un sacco queste cocottine che uniscono tradizione e innovazione! l'abbinamento mele pinoli e uvetta è sempre vincente,ma l'uso del miglio dà sicuramente qualcosa in più!le segno,buone!
    un bacio:)

    RispondiElimina
  7. bhe prova questa ricetta io la faccio da un sacco di anni e a volte lo uso anche come farcia per una crostata. :-) un bacioneeee!!

    RispondiElimina
  8. Peanut grazie! provale e fammi sapere io ogni tanto le ripropongo perchè piacciono sempre a tutti! :-)

    RispondiElimina
  9. ...che bella ricetta, un modo diverso per usare il miglio..che conservo in quantità ma che uso sempre nello stesso modo...bellissime le foto. baci cri

    RispondiElimina
  10. Cristiana Valeria grazie cara... :-*

    RispondiElimina
  11. Ho un frullino come il tuo rubato alla nonna di mio marito....sta benissimo con le mele annurche ed il calore di casa....
    Ciao francesca

    RispondiElimina
  12. Ciao Pippi, le tue foto hanno sempre una suggestiva atmosfera e i tuoi dolci sono particolari e molto invitanti!!!!Bravissima!!!!!
    Un abbraccio e buona serata :))

    RispondiElimina
  13. mi ispira molto perche'non sono un'amante del miglio ma non l ho mai assaggiato in versione docle.devo provare.un bacio!

    RispondiElimina
  14. il miglio mi è un pò sconosciuto...o meglio so benissimo cos'è e come si utilizza ma non è mai entrato a casa mia, anche perchè non saprei dove reperirlo qua da me...
    però che delizia le tue piccole cocottine meravigliose!
    Buona notte Pippina

    RispondiElimina
  15. Ho una certa curiosità nei confronti del miglio e l'idea di poter gustare una di quelle cocotte mi affascina .....
    Bellissime le foto e bellissimo il frullino (mia madre ne aveva uno simile!)

    RispondiElimina
  16. Non smetterò mai di ripeterti che sei fantastica e le emozioni che trasmetti attraverso foto e parole sono bellissime...:-*
    Il miglio lo adoro, ma non l'ho mai usato così... ti prometto che queste cocotte le farò prestissimo :-)
    Buona giornata...<3

    RispondiElimina
  17. Laura adoro le cocotte! E poi ammetto di non aver mai adoperato il miglio in cucina...

    un dolce abbraccio,
    Elly

    RispondiElimina
  18. Francesca pensa che lo buttavano via....a me ricorda la mia infanzia..è con quello che ho iniziato a cucinare :-)


    Ely Mazzini grazie, cerco di tramettere quello che vedo e che sento... :-*


    Simo lo puoi trovare in un negozio che vende biologico :-) se lo trovi provalo ne rimarrai stupita! :-)


    Milena come dicevo prima...anche a me quel frullino ricorda la mia infanzia.... :-)



    Ileana cara... grazieeeeeeee!! :-* :-* :-*




    Elly sarà arrivato il momento di provarlo???? hehehe


    baci a tutte voi mie care amiche!!!

    RispondiElimina
  19. che poesia...il dolce, il post e le foto, Annarita mi aveva detto che eri brava ma sono a bocca aperta!!! chapeau!
    interessante uso del miglio, quasi come un semolino no?
    l'unica volta che l'ho propinato a mio marito mi ha detto che non era un canarino :-)))
    ma in questa versione mi sa che non avrà niente da ridire!!!
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  20. porca miseria, sono anni che voglio provare questo miglio...l'ho già mangianto in qualche ristorante bio, ma in realtà ho un po' paura a lavorarlo, mi intimorisce.
    tutt mi dicono di partire con il dolce..che faccio..te lo copio?
    grazie.
    Sabri

    RispondiElimina
  21. Ti ho raggiunto anche qui...ora ti sto attaccata alle costole!!! Monique

    RispondiElimina
  22. Ho sempre mangiato il miglio in ricette salate, questo tuo dolce mi incuriosisce molto. Ti faccio i miei complimenti per le foto, davvero molto belle. piacere di conoscerti. eleonora
    http://eilbasilico.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. complimenti per questo blog meraviglioso, mi sono unita ai tuoi lettori...spero verrai a trovarmi e che diventeremo amiche!
    www.dolcementeinventando.com

    RispondiElimina
  24. So beautiful you blog! I love

    RispondiElimina
  25. Dirti che le foto sono belle mi sembra ormai come ascoltare un disco rotto, però posso dirti che questo dolce mi intriga molto e che, per quel poco tempo che siamo potute stare insieme e conoscerci, ci vedo una certa rassomiglianza almeno per l'immagine romantica che gli hai dato! Inoltre adoro il miglio, cereale che ho scoperto da poco, quindi...
    Vabbè c'è un premietto che ti aspetta: http://paneepomodoro.wordpress.com/2013/01/26/ce-vo-pazienza-e-noi-la-prendiamo-a-ridere/

    RispondiElimina
  26. adoro le tue foto, il tuo stile mi affascina molto sei veramente molto brava, prendo spunto dalle tue foto per imparare a fotografare meglio, posso? Grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caterina... ne sono onorata :-*

      Elimina