mercoledì 24 ottobre 2012

Panzanella d’autunno–Autumn panzanella

(english translation at the end of the post)

Ho un’immagine precisa di fronte ai miei occhi. Lui chino sul tavolo, gli occhiali appena abbassati sul naso, quasi trema dall’emozione. Indossa ancora i pantaloni che usa per andare nei boschi, il cappello di cotone abbandonato sul mobile lì accanto, un cesto di vimini e fogli di un giornale non ben definito stesi sul tavolo.

Le sue mani nodose e delicate passano un panno umido come se fossero carezze, la spazzolina con movimenti leggeri gratta via la terra che ricade sul giornale. Mentre li tocca, con cura e riguardo, racconta per ognuno di loro la storia del ritrovamento: quello con il cappello  quasi bianco era sotto una foglia di castagno piegato su se stesso, l’altro, quello più scuro e grosso, lo ha scorto nella sua fierezza semplicemente scostando una felce … ognuno di loro aveva una storia e quando li mangiavamo sapevamo che erano ‘doni’.

Mi manca non poterlo più vedere fare questi semplici  gesti, mi manca non poter più sentire la sua voce stretta dall’emozione mentre ci propone da vero buongustaio un modo speciale per cucinarli e per dare loro la giusta dignità che meritano.

Oggi li compro ma continuo ad avere per i funghi porcini una certa riverenza  mentre li pulisco, cercando di ricordare come lo faceva mio padre.

Ho pensato quindi di proporveli in purezza.

Crudi, in modo da sentire tutto il profumo di sottobosco. Un olio corposo, una spolverata di sale di Cervia che  sgranocchia sotto i denti e delle erbette fresche. Una panzanella  rivisitata con ingredienti autunnali, dove il croccante e il morbido si uniscono in un tutto che ha del prezioso pur nella sua semplicità.

Ingredienti

2 fette di pane toscano tagliate a cubetti

200 gr polpa di zucca

100 gr brie

2 rametti di timo

2 rametti di nipitella

Buccia grattugiata di ½ limone

Olio extravergine q.b

Sale e pepe q.b.

Procedimento:

Tagliate il pane casereccio, rustico e ‘posato’ a fette e poi a cubetti e condite con un olio extravergine  dal gusto robusto e foglioline fresche di timo. Metteteli in una padella con due cucchiai di olio e fate tostare molto bene terminando con una spolverata di pepe. Tenete da parte al caldo.

Pulite la zucca eliminando la buccia e tagliatela  a cubetti della stessa dimensione del pane. Saltatela in una padella con poco olio le foglio di timo e di nepitella e salatela solo alla fine  perchè deve rimanere bella tenace sotto i denti. Terminate con una spolverata di  pepe.

Pulite i funghi  eliminando la terra  e tagliateli a fettine il più possibile sottili, conditele con un filo d’olio.

Riducete anche il brie in pezzettini che si ammorbidiranno a contatto con gli ingredienti caldi.

In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti insieme: il pane tostato, la zucca, i funghi, i cubetti di formaggio brie, le foglioline di nepitella e il timo, regolate il condimento se necessario e servite in ciotoline. Oppure come ho fatto io ..  

disponete gli ingredienti  a strati dando la possibilità ai vostri commensali di scegliere se gustarli insieme o separatamente. Il tocco finale? Una grattugiata di buccia di limone.

Ingredients:

2 slices of bread cut into cubes

200 g pumpkin

100 g brie cheese

2 sprigs of thyme

2 sprigs of nipitella

Grated zest of ½ lemon

Extra virgin olive oil q.b

Salt and pepper q.b.

Method.

Season the slices of bread with olive oil, salt, pepper and thyme leaves. Cut into cubes. Put on a pan with 2 tablespoons of oil and toast for some minutes. Keep aside.

Clean the pumpkin and remove the peel. Cut the pulp into small cubes. Cook in a pan with 2 tablespoons of oil for 3 or 4 minutes with thyme and nipitella fresh leaves. Then salt and pepper.

Clean the porcini and cut them into finely slices. In a bowl mix all the ingredients together: the toasted bread, the pumpkin cubes, the chopped brie cheese, the slices of mushrooms and the nipitella leaves, season and garnish with the grated lemon peel.

 

Alla prossima

la vostra Pippi

Rosa rossa

20 commenti:

  1. Le stagioni tornano instancabilmente con gli stessi doni. Ma lungo la nostra strada abbiamo avuto accanto persone speciali, come i nostri papà, che ci hanno raccontato storie e donato gesti e carezze che in ogni tempo sono entrate profondamente nel nostro cuore.
    E le loro mani che puliscono funghi e ce li offrono al suono di un racconto, o peperoncini preparati in mille modi e offerti accanto a mille piatti per renderli sfiziosi, e serviti con una strizzatina d'occhio, sono le cose che torneranno ad ogni stagione. Sempre.
    Lauretta, Lauretta.....
    tvb
    Anna

    RispondiElimina
  2. interesssante, originale, gustosa, stagionale gli ingredienti per un ottimo piatto!!! braivissima e poi come sempre complimenti per le foto!

    RispondiElimina
  3. Oh Lauretta... Hai descritto l'immagine del mio papà.... Quando tornava dalle sue raccolte era cosi.... Ora dalla sedia a rotelle può gustare solo quelli che gli regalano io suoi affezionati amici... Ma a me manca questa immagine anche se non mi dovrei lamentare.....
    Una ricetta splendida nei suoi colori e nell'immagine che mi hai regalato questa mattina! Un bacio!

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Laura. La ricetta è deliziosa e presentata in maniera strepitosa e originale, come una vera foodblogger del tuo livello può fare! Ho ancora le lacrime agli occhi per il racconto che ha preceduto la ricetta! Purtroppo, spesso, i nostri affetti più cari ci lasciano e lasciano anche un vuoto che nemmeno il tempo, come spesso viene detto per fare coraggio, può colmare. Basta una voce, un profumo, un gesto che ce lo ritroviamo lì davanti senza la possibilità di stringerlo un'altra volta! Brava Laura! Un bacio ed un forte abbraccio: Buonagiornata. Paola.

    RispondiElimina
  5. Mi hai commosso Lauretta, questa ricetta contiene tutto il tuo amore. l'amore che lui ti ha insegnato. un abbraccio cara...

    RispondiElimina
  6. ...ciao Pippi...è da n po' che non commento...ma questa storia, il tuo papà che pulisce i suoi funghi mi ha proprio toccato..... mi piace tanto scoprire che poi alla fine siamo tutte uguali....fatte di piccole cose... un abbraccio. E buon autunno

    RispondiElimina
  7. Annina la nostalgia a volte prende il sopravvento... ma è una dolce nostalgia :-*

    Massimiliano grazie infinite, questa versione mi ha molto soddisfatta devo ammetterlo :-)

    Ely .... :-* grazie a te tesoro...

    Paola sono fortunata perchè anche se mi manca moltissimo ho tante cose che mi ricordano lui e io le nutro nella mia memoria :-*

    Valentina.... :-* era un uomo simpatico ...adorabile.

    Valentina le piccole cose sono poi quelle che contano, i piccoli gesti quotidiani ... un abbraccio a te! :-*

    RispondiElimina
  8. bellisisjma immagine e bel ricordo, penso che ogni tanto ognuno di noi si sofferma su immagini che ci ricordano persone care.per questi bicchieri invece mi conquistabno assai, si sente tutto il bosco!

    RispondiElimina
  9. Ho mangiato la panzanella qualche tempo fa in un ristorante in Toscana e da quel giorno mi riprometto di rifarla a casa. Bella questa tua versione...
    Oggi sul mio blog c'è una cosa un po' speciale. Ti va di dargli un'occhiata?
    www.francescainthekitchen.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Anche se le persone ci lasciano, resteranno sempre con noi, attraverso i ricordi e quello che ci hanno insegnato. Bellissimo racconto, sarà che in questo periodo lontano da casa mi commuovo più facilmente, ma mi sono emozionata leggendoti!

    RispondiElimina
  11. Complimenti per la ricetta...e per le foto!

    RispondiElimina
  12. Mio Dio Laura, hai aperto il post con un racconto bellissimo, denso di emozione ... mi hai commossa, ho rivisto mio padre intento nei suoi lavori. Lo vedo così poco, so che dovrei essere più presente e le tue parole mi hanno fatto riflettere.

    La tua ricetta la segno, mi piace davvero!

    Un abbraccio,
    Valentina

    RispondiElimina
  13. Oggi va così...mi sono commossa anche da te...Dopo il ritratto dolcissimo di una sorella, adesso questo tuo dipinto. Ci credo che lo vedo, lì, intorno a quel tavolo, accarezzare i suoi funghi?
    Bellissimo.
    simo

    RispondiElimina
  14. sono rimasta incantata dalle splendide foto!

    RispondiElimina
  15. ciao Laura, le tue foto sono sempre superbe (lo sai vero, cosa te lo dico a fare???). Bella la versione della panzanella... e dolce il ricordo che hai condiviso con noi.
    grazie

    RispondiElimina
  16. Mi hai fatto emozionare con il ricordo di tuo padre... il mio c'è ancora, anche se con un po' di "acchiacchi"... dovrei imparare a passare più tempo con lui per avere anch'io più ricordi con cui coccolarmi quando, il pià tardi possibile, non sarà più al mio fianco.
    Complimenti per la ricetta e le bellissime foto

    RispondiElimina
  17. Che tenero il tuo papà, mi sembra di vederlo anche a me .... E' meraviglioso però mettere in pratica i suoi insegnamenti, è un gran dono, c'è chi, per vari motivi, non ha ricevuto questo bellissimo regalo....
    Questa ricetta è fantastica, spero di riuscire a farla al più presto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Your photos are absolutely stunning! Thanks for a visit and your lovely words. Loving your blog already.

    RispondiElimina
  19. E' la prima volta che capito su questo blog e questo il primo post che leggo. Tralasciamo il fatto che sto piangendo da venti minuti sulle mani di tuo papà... volevo solo dirti che sei bravissima e hai un bellissimo blog. Compliementi davvero.

    RispondiElimina
  20. Lucy... certe persone mancano tanto... :-)

    Francy arrivo subito..scusa il ritardo!! :-)

    La cucina spontanea.... io l'ho fatto scrivendolo... :-* grazie!

    La tana dei dolci... grazie :-*


    Valentina.... goditi i tuoi genitori il più possibile... :-* ti abbraccio forte!

    Simo... grazie anche a te che sei sempre presente e oggi hai conosciuto mio papà... :-*

    maia grazieeeee!!!

    Stefania ti ringrazio... soprattutto per aver capito che il ricordo di mio papà ha suscitato tenerezza anche nel vostro cuore. un abbraccio!

    dolcetto io ho avuto la fortuna di averlo per un bel pezzo della mia vita e anche se spesso ci litigavo...lo amavo più di ogni altra cosa.. mi ha lasciato molto più di quello che avrei potuto immaginare... :-*

    Mikki cara...lo so... mi sento fortunata nonostante non sia più qui.... te ne do un pezzettino anche a te ;-)


    Sunshine thank you!!! :-*

    Latte e fiele.... lui ti avrebbe asciugato con tenerezza quelle lacrime... grazie per queste parole..grazie di cuore.. :-*

    RispondiElimina