sabato 30 luglio 2011

Plum Cake zucchini e pecorino*

Come in un bozzolo.

Mi sento così.

Un bozzolo sottile ma tenace che mi ha ‘nascosto’ ormai da troppo tempo.

Tiro fuori un braccio e poi una spalla… mi allungo, mi divincolo. Sto uscendo da qui.

E quello che ho scoperto fin’ora di me, (udite udite), mi piace.

Occhiolino

Mi piace il coraggio di rimettermi in gioco, la forza delle mie passioni.

Mi piace l’entusiasmo  che riesco a  ‘travasare’ nelle cose che faccio e la voglia di crescere, di imparare e di non fermarmi mai.

Mi piace quella ‘luce’ che, per caso, ho scoperto dentro di me.  Luce che ho rischiato, stupidamente, di spegnere e che ora alimento con tutta me stessa.

Non so cosa ne verrà fuori.

Non lo so proprio. Ma qualunque cosa sia…..sarà me.

Nel frattempo vi lascio questa ricetta specialissima!

Ingredienti:

180 gr farina 00

3 uova

100 ml olio extravergine d’oliva

100 ml latte parzialmente scremato

100 gr gruviera grattugiato

100 gr pecorino ( da latte di pecora Garfagnina)

2 zucchine medie grattugiate

1 bustina di lievito per torte salate

basilico e menta fresche

sale e pepe qb

Procedimento:

in una ciotola sbattere leggermente le uova con il sale e il pepe.

Aggiungere l’olio, il latte e mescolare.

A questo punto  versare nel composto di uova il gruviera e il pecorino grattugiato, le foglie di menta e basilico tagliuzzate  grossolanamente, la farina setacciata con il lievito, le zucchine grattugiate.

Imburrate e  cospargete di pangrattato uno stampo da plum cake (io ho utilizzato lo stampo di Emile Henry), versateci il composto

e infornate a 160° per 40 minuti circa.

Profumatissimo  plum cake  da servire come accompagnamento ad un aperitivo

Morbido e delicato nel gusto.

Piace sempre. E’ un vero jolly in cucina.

Provatelo assolutamente!!!

Vi lascio con un bouquet fresco di basilico e menta….

per profumare  di buono la vita!

Alla prossima

la vostra Pippi

Con la lingua fuori

martedì 26 luglio 2011

Mostra-Cibattola story…

“Sei luminosa come le tue foto”.

Venerdì ero proprio così, radiosa dalla felicità.

 

Ogni cosa è al suo posto.

Le foto appese alle strutture in legno, semplici e lineari…

i fiori freschi sparsi sul tavolo apparecchiato, i piatti e le forchette in posizione strategica, il vino in fresco…

E’ tutto pronto. Io sono pronta. E’ la mia serata.

Adesso sono qui, dietro questo tavolo dai toni delicati,  con indosso il mio abito preferito,

mi sento una ‘fotografa’ e sono solo due  ore che ho sfornato l’ultima pietanza per il rinfresco, la tatin di cipolle…Con la lingua fuori

che in un battibaleno è terminata…

il  plum cake agli zucchini… quelli colti nell’orto stamattina…

il cheese cake ai lamponi delicatamente dolce….. il piatto più gettonato della serata….

la morbidissima ciambella alla ricotta…

la crostata di more…..

e poi i biscottini al burro,

il plum cake alle ciliegie caramellate..

i crackers fatti con la pasta madre, la mousse di melanzane, il paté di fegatini, l’erbazzone e la torta salata di Naida….

Ma non sono sola, non sono mai sola…ci sono Riccardo e Valentina i primi che hanno visto qualcosa di bello in me, c’è Gabriele che da lontano mi ha sempre incoraggiata verso questa strada da poco imboccata, c’è Renzo che ha allestito materialmente la mostra e mi ha sostenuta in tutto e per tutto…. ci sono i miei due adorabili ‘artisti di strada’ (Guido e Gianvito) che hanno allietato la serata,

c’è mia mamma che non mi perde di vista un secondo,

ci sono i miei fratelli, le mie cognate, i miei nipoti,

gli amici…anche quelli che non vedevo da tanto tempo… i compagni di corso,  i colleghi….ci sono persone che non conosco e che magari sono capitate qui per caso…

Anche se è soltanto una piccolissima esposizione di foto-food, la gente si ferma incuriosita: “chi è l’autrice di tutto questo?”, mi chiede.  Mi ci vuole un attimo per realizzare…  sono io….sì, sono proprio io l’autrice di tutto questo!

Occhiolino

Alla prossima

la vostra Pippi

(fotografa/cuoca)

Rosa rossa

domenica 17 luglio 2011

Mostra-Cibattola (foto & food della Pippi)

Cosa c’è nella mia vita adesso?

Ci sono tante cose: c’è l’amore di un bassottino, ci sono amici che mi vogliono bene, c’è una famiglia presente, c’è l’entusiasmo per quello che sto facendo qui, in questo blog insieme a voi… ma soprattutto, adesso, c’è tanta, tanta passione per la fotografia.

In questi ultimi tre anni mi sono avvicinata a lei in punta di piedi, e in punta di piedi ho deciso di seguirla.

E’ qualcosa che parte da dentro me, che mi coinvolge emotivamente ancora prima di scattare. Era inevitabile credo.

E non fa differenza se fotografo una piantina di origano…

una rametto di lavanda….

… una caccolina irriverente…

uno sguardo  da gatta..

un sorriso smagliante….

una capra altezzosa…

dei cavalli che m’innamorano…

un rubinetto scalcinato…

un’amica dolcissima

un omino solitario che si allontana ….

o un altro spaparanzato sulla panchina del parco…

delle ciliegie in guazzetto…

piuttosto che un ‘pan’ dolce alle mele e lavanda…

Non fa nessuna differenza. Quello che ‘esce’ dallo scatto, magari in maniera imperfetta, è comunque una parte di me.

Rosa rossa

Quasi per gioco e per non prendersi troppo sul serio, con Riccardo e Valentina abbiamo organizzato la Mostra-Cibattola: una piccola esposizione di una ventina di miei scatti food.

Accompagneremo la ‘visione’ con qualche stuzzichino per allietare non solo gli occhi ma anche il palato!

Vi aspetto allora!

Dove?? a  Massa in piazza del mercato 2.

Quando? il 22 luglio dalle 19 alle 23.30

Con chi? con Riccardo e Valentina i miei due carissimi amici di Cucinando.

Alla prossima

la vostra Pippi ‘fotografa’

(in punta di piedi)

Occhiolino

lunedì 11 luglio 2011

Tatin di cipolle

Strana la vita.

Incomprensibile, a volte.

Qualcosa di impalpabile mi sfiora, ancora una volta.

E vacillo.

Mi lascio prendere la mano da una felicità che si mescola all’incredulità, da un coraggio che nasce dalla paura. E tutto ciò è così denso di emozioni che poi mi sento stremata.

Sogno ad occhi aperti, è vero, ma ci credo in questo sogno, come non ho fatto mai.

Staremo a vedere.

Sorriso

Nel frattempo che  (io) sogno, voi provate questa versione salata della Tarte tatin!

Ingredienti:

(6/8 persone)

600 gr di cipolle bianche (4)

150 gr di zucchero semolato

70 gr di burro

20 ml di aceto balsamico

un cucchiaino di pepe rosa da macinare

un cucchiaino di coriandolo da macinare

pasta brisè ( 165 gr di farina 0, 70 gr di burro, 50 gr di acqua, 1 tuorlo, un pizzico di sale)

Preparazione:

per prima cosa prepariamo la pasta brisé setacciando la farina in una ciotola dove aggiungeremo il burro freddo a pezzetti. Sfreghiamo con i palmi delle mani il burro e la farina fino ad avere un composto sbriciolato, aggiungiamo il tuorlo e il pizzico di sale e cominciamo ad impastare con la punta delle dita incorporando l’acqua fino a formare una palla che avvolta in una pellicola trasparente faremo riposare una mezz’oretta in frigorifero.

Dopo il tempo di riposo stendiamo la pasta in una sfoglia non troppo sottile. Io poi la arrotolo nella carta da forno e la lascio riposare nel frigorifero per il tempo della preparazione.

Nel frattempo nella teglia  di coccio  Hemile Henry fate caramellare a fiamma bassa lo zucchero semolato aggiungendo 3 cucchiai di acqua. Alla fine, togliete dal fuoco e  aggiungete il burro a pezzetti mescolando con un cucchiaio di legno per rendere il tutto più omogeneo.

Preparate le spezie (sei di coriandolo e bacche di pepe rosa) pestandole grossolanamente.

Le cipolle le avrete sbucciate ed intere le avrete fatte lessare in acqua bollente salata per 10/12 minuti, scolatele e lasciatele intiepidire. Poi tagliatele in sei spicchi ciascuna e distribuitele con la parte tonda verso l’alto sullo zucchero caramellato, cospargetele con le spezie e il sesamo nero e l’aceto balsamico.

Copritele con la pasta brisé rimboccando i bordi  verso il basso.

Cuocete in forno a 160° per 30 minuti circa. (dipende dal vostro forno).

una volta cotta  fatela riposare fuori dal forno per 5 minuti poi disponete sopra la teglia il piatto da portata capovolgete il tutto ed ecco il risultato.

Servitela tiepida. Il sapore è delicato con una piccola ‘spinta’ conferita dalle spezie e dall’aceto balsamico.

 

Oggi sulla spiaggia, sdraiata sul lettino, guardavo il cielo e pensavo…ad un tratto,  una nuvola di bolle di sapone lo ha attraversato …tante bolle di sapone leggere,  trasparenti e profumate.

Stavo pensando a cose belle.

Alla prossima

la vostra Pippi

per sempre

Occhiolino