venerdì 26 marzo 2010

Crostata alla crema di ricotta e cocco al profumo di arancia di Attilio Vannucci

Crostata alla crema di ricotta e cocco al profumo di arancia1

Latito dal mio e dai vostri blog e me ne dispiaccio  ma ultimamente il lavoro è copioso e ‘noi‘ siamo particolarmente felici che lo sia, soprattutto in questo periodo di magra generale.  Devo quindi scusarmi ma anche ringraziare e salutare con il cuore  tutti coloro che con pazienza infinita mi seguono, chi in silenzio, chi lasciando commenti  e  comunque  sempre riponendo in me una fiducia  che mi onora infinitamente! E’ per esprimervi tutta la mia riconoscenza che vi dedico questa crostata uscita direttamente dal mio corso di cucina: ricotta e cocco, due ingredienti freschissimi che si intonano bene con la Pasqua alle porte!

Ingredienti :

400 gr. di pasta frolla (io ho utilizzato quella di Adriano Continisio che trovate qui )

250 gr di crema pasticcera

250 gr. di ricotta

50 gr. di zucchero

50 gr. di farina di cocco

scorza di arancia tagliata a julienne

Procedimento:

1) Una volta preparata la pasta frolla, dopo averla fatta riposare una mezz’oretta in frigorifero, stendetela con il mattarello e foderate una teglia di circa 21 cm di diametro, con i bordi alti, precedentemente imburrata. Bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta.

2) Preparate la farcia assemblando la crema pasticcera raffreddata, la ricotta, lo zucchero semolato, la farina di cocco e le buccine di arancia tagliate a julienne.

3) Versate il composto nella teglia livellando e  cospargendo con  altra farina di cocco.

Crostata di crema alla ricotta e cocco al profumo di arancia2

4) Infornate  a 180° per una ventina di minuti circa.

5) Nel frattempo preparate le buccine di arancia caramellate in questo modo:  sbucciate un’altra arancia  evitando la parte bianca, tagliatela a julienne sottilissima, mettetele in una casseruolina con 100 gr di zucchero semolato e 1/2 bicchiere di acqua fate bollire per 15 minuti. Dopo di che scolatele e  mettetele in una teglietta a raffreddare avendo cura di separarle per bene, cospargetele ancora di zucchero  semolato per farle asciugare. Verranno utilizzate come decorazione .

Crosta alla crema di ricotta e cocco  al profumo di arancia4

   Lascio parlare le immagini che dicono ciò che a parole è superfluo…..io ve la consiglio vivamente!

Crostata di crema alla ricotta e cocco al profumo di arancia3

Crostata di crema alla ricotta e cocco al profumo di arancia5

Un abbraccio planetario !

Alla Prossima

Pippi

domenica 14 marzo 2010

Plum Cake piccante alla zucca

Plum Cake piccante alla zucca4

Oggi finalmente mi sono riappropriata del mio lettino da giardino in resina bianca, l’ho ripulito da tutti i ragni che vi hanno fatto casa durante questo lungo inverno, ho riesumato, dallo scaffale in alto dell’armadio, il materassino a fiori di gomma piuma. Sotto la tuta mi sono infilata il bikini…..(temeraria sono),  ho scelto l’angolo più riparato del giardino e…… e per la prima volta, dopo mesi e mesi, ho permesso a questo timido e tiepido sole di marzo ( che sussurra però splendide e allettanti promesse ) di accarezzare e scaldare la mia pelle, di arrossarla quel poco che basta per passare da un rosa pallido sciapito ad un nocciola chiaro che diventerà ben presto più ambrato fino a liberarmi del tutto dalla schiavitù del fondotinta !

Immersa nel sonnolento pomeriggio di questa domenica, dove sembra che ogni cosa si sia fermata, immobile,  quasi senza respirare, per non infrangere l’incantesimo e godersi fino in fondo questa luce e questo tepore da tempo agognati, mi sono ritrovata supina, la guancia appoggiata sul materassino, le braccia mollemente abbandonate lungo i fianchi, gli alluci che si guardano………  che ho fatto per meritarmi tanta grazia? I pensieri, si sono accavallati per un pò per poi dissiparsi lentamente, i suoni del mondo ‘fuori di me’….si sono fatti sempre più lontani……. il mio respiro  lento e profondo….e poi….l’oblio…..

Ogni tanto ci vuole una bella e rigenerante dormita pomeridiana !

Ma veniamo a noi e alla ricetta  che vi sto per presentare. E’ tratta dal mio libretto preferito “Cakes dolci e salati”  di Ilona Chovancova , Guido Tommasi Editore.

Ingredienti:

180 gr. di farina 00

3 uova

100 ml di latte

100 ml di olio evo

100 gr. di gurviera grattugiato

100 gr. di parmigiano grattugiato

200 gr. di zcca

1 peperoncino

una manciata di pinoli

1 bustina di lievito per torte salate

sale e pepe q.b.

Come potete notare è ancora una volta la Zucca ad essere protagonista, avrei voluto utilizzare la produzione biologica del mio…anzi del ‘suo’ orto ma…….

zucca

… bhè è ovvio, quando è più corta di una forchetta si deve correre dall’ortolano e comprarne una  di dimensioni diciamo ….normali!

Plum cake piccante alla zucca2Procedimento:

1) in una ciotola sbattete leggermente le uova con il latte, l’olio e il parmigiano.

2) nel frattempo avrete passato la zucca tagliata a quadrotti in una padella con un filino di olio, il peperoncino e una presa di sale, fino a renderla morbida. Strizzate leggermente la polpa della zucca e mettetela in un mixer per renderla purea, dopo di che pesatene circa 200 gr. e unitela al composto.

3) a questo punto aggiungete anche il gruviera, i pinoli e la farina setacciata. Regolate di sale e pepe e per ultimo mettete il lievito mescolando con cura.  

Plum cake piccante alla zucca3 4) imburrate  e infarinate uno stampo da plum cake, versateci il composto e infornate a 180° per circa 25/30 minuti.

Plum cake piccante alla zucca1

Abbronzatissimi  vi voglio!!!!

Alla prossima

Pippi

martedì 9 marzo 2010

Moscardini in umido

Dopo il ‘risveglio’…… forse l’ho pubblicato troppo presto perchè stamattina qui nevicava….  prepariamoci un piatto da leccarsi i baffi  che, con un sapiente uso dei grassi, può essere accessibile a tutti, anche a chi in questi mesi, suo malgrado si è messo  a dieta! Credetemi, l’utilizzo di pochissimo olio non inficia assolutamente la bontà di questo classico della cucina italiana, anzi lo rende particolarmente gustoso e si apprezza pienamente il gusto delicato e la tenerezza dei calamaretti, se accompagnato con due fette di buon pane abbrustolito diventa  un piatto unico completo e leggero!

Ingredienti per 2 persone:

700 gr. di moscardini freschi

200 gr. pomodori pelati

due scalogni

un ciuffo di prezzemolo

peperoncino sale

olio evo poco….il meno possibile…….

Procedimento:

1) In un tegame fate rosolare  gli scalogni tritati, il peperoncino e il prezzemolo  con un paio di cucchiai di olio, poi aggiungete i pomodori pelati spezzettati fate cuocere per qualche minuto.

2) Aggiungete i moscardini puliti e tagliati a pezzi, fateli insaporire bene, regolate di sale e cuocete per circa 30/40 minuti a fuoco medio aggiungendo se necessario dell’acqua calda o, se lo avete, del brodo di pesce.

 

Ragazzi, non perdiamo la speranza che presto arriveranno giorni migliori!!!

Alla prossima

Pippi

mercoledì 3 marzo 2010

Risveglio……..

glicine

La primavera è alle porte, anche se ci sono giorni in cui non ce ne accorgiamo, basta semplicemente osservare più a fondo ciò che ci sta intorno, quel mondo piccino, quasi impalpabile che spesso sfugge al nostro sguardo, ma che è lì, presente e silenzioso, e da un tempo infinito ripercorre il suo ciclo di ‘sonno’ e ‘risveglio’ racchiudendo  in sè il significato più profondo della vita.  Le parole non servono, basta solo ‘guardare’ :

nocciòlo

fico

ciliegio

kerria2

kerria

forstizia

forstizia2

ortensia     alloro

rosmarinorosa selvaticaviburno

pratolina violetta  veronica

prato di nontiscordardimecamelia 

  Buon ‘Risveglio’ a tutti !

Con affetto la vostra

Pippi

;-)