sabato 17 gennaio 2009

Calcinelli e il profumo del mare

L'altro giorno, mio marito è arrivato a casa con una bella sorpresa, una 'sacchettata' di questi deliziosi calcinelli, saranno stati ad occhio e croce un chilo e mezzo.......pensavamo di metterne via un pò in freezer, una volta cotti....... ma a dire la verità, alla fine, ci abbiamo rinunciato, non ne sono rimasti....ed eravamo solo in due, io e lui... lui ed io........ ;-)
Non so se questo sia il nome esatto, ma così li chiamiamo da queste parti. Sono delle conchigliette piccoline dal gusto strepitoso, cucinarle è facilissimo, persino mio marito ci riesce, per cui, imbranati di questo mondo, accomodatevi!!!!!!!!
La prima cosa che dovete fare è sciacquarli molto bene e metterli in acqua fredda per diverse ore in modo che rilascino l'eventuale sabbia all'interno.
Seconda mossa...lo sapete preparare un battutino di prezzemolo, aglio e peperoncino? Ecco mettetelo in una larga padella con un filo d'olio e dopo un paio di minuti, il tempo di veder sfrigolare l'aglietto e il prezzemolino, buttate dentro le conchigliette, mescolate con un cucchiaio di legno
Mi raccomando non salate assolutamente perchè sono già abbastanza saporite, chiudete con un coperchio e aspettate qualche minuto, vedrete che le conchiglie cominceranno ad aprirsi, e allora rimestate ancora un pò per insaporirle

Bene, una volta cotte, in tutto ci vorranno una decina di minuti, le potete utilizzare per condire delle linguine, oppure come abbiamo fatto noi....ce le siamo pappate con delle belle fette di pane cotto a legna abbrustolite e insaporite con il liquidino che si forma in cottura

Certamente ci vuole un pò di pazienza perchè le potete sgusciare aiutandovi con una forchetta oppure ......... con la bocca hehehehe io consiglio il secondo metodo, dà una soddisfazione unica! Ottimo modo per passare un'oretta seduti a tavola con la vostra dolce metà, con calma, senza fretta, una dopo l'altra, un goccino di un buon vino bianco e un sorriso di pura e genuina soddisfazione......farete un figurone!!!!!

In bocca al lupo
Pippi

21 commenti:

  1. Look at all those lovely little clams! We do not get these here in New York. I wish we did!
    xox

    RispondiElimina
  2. Buon fine settimana Pippi!
    Che voglia di mare che mi hai trasmesso! UN abbraccio!

    RispondiElimina
  3. non si rifiuta mai un buon piatto col prfum di mare , buoni . buona giornata!

    RispondiElimina
  4. queste da noi vengono chiamate telline...da quanto tempo che non le mangio...buonissime...buon fine settimana
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. a napoli si chiamano telline e sono di un buono, buon appetito

    RispondiElimina
  6. passa da me...c'è una bella iniziativa per noi blogger:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  7. Non ho mai mangiato queste conchiglie...sembrano delle vongole o telline...
    Che bella scorpacciata vi siete fatti!!!!!!!!!
    E bravi!!!
    Bacione e buon sabato

    RispondiElimina
  8. anche a me sembrano vongole (e dire che non sono una grande esperta di pesce&affini perché non li mangio) però ricordo le immense passeggiate nelle secche lasciate dalla marea, al mattino presto... riempivo almeno due secchielli con queste conchigliette che poi qualcun'altro si pappava!

    RispondiElimina
  9. ehehe Laura ....però immagino la goduria ....mmmmmmmmmmmmmmmmmmmm che atmosfera!

    RispondiElimina
  10. Ma sono le telline!!! Molto buone e le hai cucinate proprio come richiedono, io le faccio con gli spaghetti:))) Buon weekend!!

    RispondiElimina
  11. Anche da noi si chiamano telline! Il mio maritino le adora, farebbe pazzie pur di mangiarle! Adesso non le vedo in vendita, ma anche il tempo è stato brutto...
    Buona serata, cara!

    RispondiElimina
  12. buone le conchigliette, Pippi!! e pure 'sti grissini qua sotto..ma dici che posso sostituire la farina di mais con qualunque farina nelle stesse dosi, oppure dici che devo riadattare le dosi?? un bacino.lety

    RispondiElimina
  13. Ottime! Qui dove abito io, nella provincia di Livorno, si chiamano arselle....ma qualunque nome possano avere... sono sempre deliziose! Peccato che a volte abbiano un prezzo un pochino esoso! Bacioni :-)

    RispondiElimina
  14. Scusa ma non sono le vongole??!
    Caspita un kilo e mezzo...che razza di piattino!! Così come le hai preparate sono delizione, provaci anche una spaghettata...superbuona!!
    bacioni

    RispondiElimina
  15. mmh.. mi sembra di sentire il profumo del mare! Non so cosa sono i calcinelli, ma dalla foto io li chiamerei forse telline... ma tutti gli animaletti marini in genere hanno il loro nome locale! Sembra davvero ottimo! Adoro i sughi di molluschi in bianco! A presto! Silvia

    RispondiElimina
  16. Come ti ha detto Annamaria, qui le chiamiamo telline e io le adoroooooo!! Da bambina, sulla spiaggia, le raccoglievo insieme ai miei amichetti e riuscivamo a raccoglierne talmente tante che alla fine ne usciva una bella spaghettata per tutti!!
    Complimenti per la ricettina ;)
    Smack.

    RispondiElimina
  17. TELLINE ANCHE DALLE MIE PARTI!
    CI SONO CRESCIUTA CON QUESTE SPECIALITA'!
    SE TU LE HAI MANGIATE IMPIEGANDO TANTO TEMPO TI INFORMO CHE CE NE VUOLE ALTRETTANTO PER TIRARLE FUORI DALLA SABBIA!
    CI VUOLE MOOOOLTA PAZIENZA PER AVERNE UNA BELLA QUANTITA'!
    PROVALE CON GLI SPAGHETTI O LE LINGUINE.BELLA L'IDEA DEL PANE :)
    BUONA SETTIMANA

    RispondiElimina
  18. Le telline (qua si chiamano così) che buone. E poi cucinate così semplicemente sono strepitose...,i hai fatto voglia di andare al mare ;D
    Un bacio
    fra

    RispondiElimina
  19. le telline!Eccome le conosco, sono buonissime!Che bontà Pippi!
    bacione ed un applauso a Renzino!

    RispondiElimina
  20. ho trovato la tua pagina per caso... complimenti per la ricetta e per il tuo stile espositivo fresco e che mette a proprio agio. Io adoro i calcinelli (anche sul'Adriatico medio li chiamiamo così). Anch'io ho postato una ricetta con foto, con la variante fondamentale che da noi si usa la cipolla anziché l'aglio. Se sei curiosa la trovi sul mio sito.

    RispondiElimina